Ford fa il primo passo verso la produzione delle proprie batterie per auto elettriche

Ford ha annunciato il lancio di un nuovo centro di sviluppo batterie nel Michigan, il primo passo verso l’assunzione di parte dell’onere di costruire internamente le proprie celle di batteria per auto elettriche.

Il nuovo “centro di eccellenza globale per le batterie” si chiamerà Ford Ion Park e avrà sede nel sud-est del Michigan. Ford ha affermato che lo scopo è condurre ricerche su come realizzare le proprie batterie per veicoli elettrici. Un team di 150 esperti lavorerà su modi per costruire batterie per veicoli elettrici che siano di lunga durata, veloci da ricaricare e sostenibili per l’ambiente. Svilupperanno anche un processo per produrre batterie in modo rapido, economico e su larga scala.

Ma Ford Ion Park, che aprirà alla fine del prossimo anno, non ospiterà alcuna produzione effettiva di batterie su larga scala. Ci sarà un assemblaggio di batterie “su scala di laboratorio e su scala pilota” nel nuovo centro, ha detto Anand Sankaran, il nuovo direttore del centro, ma la casa automobilistica dovrà costruire una nuova fabbrica per costruire batterie EV su larga scala. Ford non fornirebbe una tempistica su quando prevede di lanciare la propria linea di produzione di celle per batterie, né se costruirà una nuova fabbrica per ospitare la produzione di batterie.

“Sta davvero a noi sviluppare tale esperienza e competenza internamente e darci quella flessibilità in futuro”, ha affermato Hau Thai-Tang, chief platform and operations officer di Ford. “Quindi rimanete sintonizzati.”

Ford, che è ancora nelle prime fasi della sua transizione ai veicoli elettrici, ha dichiarato che prevede di spendere 22 miliardi di dollari per il turno, inclusi 7 miliardi di dollari in veicoli autonomi, fino al 2025. La maggior parte dei veicoli che intende produrre sarà a batteria. veicoli elettrici, ma l’azienda dispone anche di modelli ibridi e plug-in ibridi con motori a combustione interna tradizionali.

Ford ha appena iniziato a fornire il suo primo veicolo elettrico a lungo raggio, la Mustang Mach-E, nonostante alcuni intoppi iniziali con gli aggiornamenti software. Lo scorso anno ha anche introdotto un furgone Transit completamente elettrico e prevede di svelare una versione elettrica del suo camioncino F-150 più venduto entro la fine dell’anno.

È una mossa finanziariamente più rischiosa con ricompense potenzialmente redditizie in futuro se Ford può integrare con successo la produzione dei propri fornitori. Ford attualmente rifornisce le sue batterie dalla SK Innovation della Corea del Sud, che ha recentemente perso una disputa sul segreto commerciale con la rivale LG Chem che potrebbe ostacolare le sue importazioni negli Stati Uniti. (Le compagnie recentemente raggiunto un accordo ciò potrebbe scongiurare un possibile divieto di importazione.) Producendo le proprie batterie, Ford può evitare alcuni dei conflitti che derivano dall’acquisizione di batterie all’estero.

Nonostante questi piani, Ford dovrà muoversi in modo più aggressivo se spera di raggiungere i suoi concorrenti come Tesla, Volkswagen e General Motors. GM sta costruendo due fabbriche di batterie negli Stati Uniti con il suo partner LG Chem, mentre VW ha recentemente svelato il proprio piano per avere sei “gigafactory” in Europa entro il 2030. Tesla, nel frattempo, è nelle prime fasi di produrre la propria batteria “senza scheda” celle interne.

Solo lo scorso luglio, l’allora CEO Jim Hackett ha affermato che “non c’era alcun vantaggio” nel fatto che Ford realizzasse le proprie celle per le batterie. Ma Jim Farley, che ha sostituito Hackett in ottobre, ha preso la posizione opposta, descrivendo la produzione interna di batterie come un passo “naturale” man mano che i volumi di veicoli elettrici crescono.

Secondo Thai-Tang, il nuovo centro è un segnale di quanto sia seria Ford nel costruire la propria attività attorno alla produzione e alla vendita di veicoli elettrici. “Siamo molto più ottimisti e aggressivi sulla velocità con cui pensiamo che questa transizione si svolgerà”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *