Nipote inventivo costruisce una macchina di messaggistica Telegram per la nonna di 96 anni

Assicurarsi che gli anziani possano rimanere in contatto con figli e nipoti non è mai stato così importante in un periodo di blocco globale. Ecco perché l’utente Twitter @mrcatacroquer, Manuel Lucio Dallo, ha realizzato Yayagram, un progetto fai-da-te che rende l’invio e la ricezione di messaggi vocali e di testo su Telegram un processo fisico proprio come l’utilizzo di un centralino telefonico vecchio stile.

È importante, ovviamente, non generalizzare sulla capacità delle generazioni precedenti di fare i conti con la nuova tecnologia. Ma parlando per esperienza personale, so che i miei nonni hanno lottato con le interfacce digitali dei telefoni e degli smartphone moderni. Preferivano di gran lunga i pulsanti fisici e passavano alle app e ai touchscreen.

Ecco perché lo Yayagram è così avvincente (“Yaya” in castigliano significa “nonna”, dice Dallo, “un modo caloroso per riferirsi a tua nonna”). Per inviare un messaggio, l’utente collega fisicamente un cavo accanto al nome del destinatario. Quindi tengono premuto un pulsante per registrare l’audio e parlare nel microfono integrato. Il messaggio viene quindi visualizzato sul telefono del destinatario come una normale nota vocale. E quando l’operatore di Yayagram riceve un messaggio di testo, viene stampato utilizzando una stampante termica incorporata.

Dallo, ingegnere senior per la società di software Plastic SCM, entra nei dettagli su come è stato realizzato il dispositivo questo thread di Twitter. È alimentato da un Raspberry Pi 4, funziona su Python e utilizza diverse librerie software di terze parti per collegare tutto insieme. Il microfono è un USB economico e la stampante è simile a quelle utilizzate nelle casse dei cassieri. Nota che ha scelto di utilizzare Telegram piuttosto che WhatsApp o un altro servizio di messaggistica poiché è più aperto (e non gli piace Facebook).

Parlando con The Verge, Dallo dice che sua nonna ha 96 anni e vive con i suoi genitori a Burgos, una città in Spagna dove risiede anche lui. Dice di essere stato ispirato a costruire il dispositivo a causa dei blocchi della pandemia. “La maggior parte dei nipoti vive fuori Burgos e, a causa delle covide restrizioni di movimento, non possono far visita a noi e a lei”, ha detto Dallo.

Dallo aggiunge che sua nonna è ipoudente, il che rende difficili le telefonate regolari e le videochiamate. Lo Yayagram, al confronto, le dà l’indipendenza per creare e ricevere messaggi da sola. “Le dà potere e crea ponti di comunicazione con il resto dei suoi nipoti che non hanno la fortuna di vivere nelle vicinanze”, dice.

È un progetto fantastico e puoi vedere Dallo e il suo Yaya usando il dispositivo qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *