Kim Mulkey lascia Baylor per la LSU


La Louisiana State ha segnato un importante colpo di basket femminile domenica quando ha assunto Kim Mulkey, che ha vinto tre campionati nazionali in 21 anni a Baylor, come suo nuovo allenatore.

La mossa di Mulkey è forse il cambiamento di allenatore più significativo nel basket universitario femminile negli ultimi anni e invia uno dei migliori allenatori del paese a uno dei campionati più profondi della nazione, la Southeastern Conference. La ferocemente competitiva SEC, a lungo portabandiera del basket femminile, ha inviato sette squadre al torneo NCAA della scorsa stagione e una, South Carolina, alle Final Four.

Mulkey, 58 anni, sta tornando alle sue radici. È cresciuta in Louisiana, dove è stata quattro volte campionessa statale alla Hammond High School e ha vinto due campionati nazionali come giocatore alla Louisiana Tech. Ha iniziato la sua carriera di allenatrice universitaria presso la sua alma mater, poi è andata 632-104 a Baylor.

“Kim Mulkey è una campionessa e una Hall of Famer, e siamo entusiasti di accoglierla a casa”, ha detto Scott Woodward, direttore atletico della LSU. Lunedì verrà presentata come l’allenatore delle Tigri in una conferenza stampa.

I successi di gioco di Mulkey – che includono una medaglia d’oro olimpica nel 1984 – sono stati seguiti da un record di allenatore altrettanto eccezionale. Dopo aver prestato servizio come assistente alla Louisiana Tech, è diventata il capo allenatore del Baylor nel 2000. La squadra stava uscendo da una stagione 7-20 e non aveva mai partecipato al torneo NCAA.

Ha guidato i Bears ai titoli nazionali nel 2005, 2012 e 2019. Le squadre di Mulkey hanno fatto un’altra Final Four e 11 viaggi aggiuntivi per gli ottavi di finale. Baylor ha partecipato al torneo NCAA ogni anno, ma una durante il suo mandato.

La sua squadra del campionato 2011-12, guidata da Brittney Griner, è stata la migliore di tutte, finendo 40-0.

“Mi ha ricordato molto mio padre – rigoroso ed equo”, ha detto Griner all’epoca dello stile di coaching di Mulkey. “Non ci sono preferiti. Non c’è rivestimento di zucchero. Ti dice com’è e non nasconde nulla. “

L’unica donna a vincere un campionato di basket NCAA come giocatore, come assistente e come allenatore capo, Mulkey è stata inserita nella Basketball Hall of Fame nel 2020.

“Siamo grati per gli oltre due decenni Kim Mulkey riversato nella costruzione di basket femminile Baylor per uno dei principali programmi della nazione “, ha detto il direttore atletico di Baylor, Mack B. Rhoades IV.

Nel 2019, Mulkey ha portato la sua squadra del campionato alla Casa Bianca, la prima squadra femminile onorata a pieno titolo dal presidente Donald J. Trump.

“Ti piacerebbe lavorare alla Casa Bianca, per caso?” Le chiese Trump. “No”, rispose Mulkey. “Ti porteremo,” disse. “Abbiamo bisogno dell’aiuto.”

Il successo di Mulkey le aveva fatto guadagnare un contratto da 2,27 milioni di dollari all’anno alla Baylor, e LSU lo era riferito di essere superiore a tale cifra per attirarla via. L’allenatore maschile della LSU, Will Wade, guadagna 2,5 milioni di dollari.

“Questa è l’unica cosa che non vedo mai cambiare – perché useranno sempre l’analogia, ‘Beh, il basket femminile non genera entrate’ – gli stipendi”, ha detto quest’anno. “Hai allenatori di basket femminile – e puoi nominarli – mentre sono ben compensati rispetto agli allenatori di altre donne, hanno fatto di più per il gioco del basket rispetto ai loro omologhi maschili. Ma scommetto che quelle controparti maschili guadagnano di più. Questa è la cosa di cui non sono sicuro in nessun momento della mia vita che vedrai mai un cambiamento. “

Mulkey arriva di nuovo da una squadra che ha bisogno di un’inversione di tendenza. La LSU ha fatto cinque Final Four consecutive dal 2004 al 2008, ma da allora non è più tornata. In otto stagioni con Nikki Fargas, la squadra ha collezionato due presenze negli ottavi di finale. Nel 2020-21 era 9-13. Fargas si è dimesso sabato.

Gillian R. Brassil ha contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *