Il premier armeno Pashinyan si dimette per innescare elezioni anticipate | Notizie sulle elezioni


Nikol Pashinyan chiama elezioni anticipate a causa delle critiche sulla sua gestione del conflitto nel Nagorno-Karabakh dello scorso anno.

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan, che è stato portato al potere nelle proteste a favore della democrazia nel 2018, ha innescato elezioni anticipate per cercare di superare le critiche sulla sua gestione del conflitto dello scorso anno in Nagorno-Karabakh.

Le sue dimissioni di domenica, che erano previste, sono arrivate il giorno dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che i massacri di armeni nell’impero ottomano nel 1915 costituivano un genocidio, una mossa accolta con favore dagli armeni di tutto il mondo ma condannata dalla Turchia, che nega che le uccisioni siano state sistematicamente orchestrate e ammontano a genocidio.

Pashinyan ha detto a Biden che la decisione simbolica è stata una questione di sicurezza per l’Armenia dopo il conflitto di sei settimane sul Nagorno-Karabakh, in cui la Turchia ha appoggiato l’Azerbaigian, vicino all’Armenia, dove si trova l’enclave etnica popolata da armeni.

Pashinyan aveva subito pressioni per dimettersi da quando aveva accettato un cessate il fuoco dopo che gli armeni di etnia armena avevano perso territorio nei combattimenti con le forze azere nel Nagorno-Karabakh e dintorni.

Aveva già fissato una data per il 20 giugno per un’elezione anticipata.

Annunciando le sue dimissioni, domenica ha dichiarato sulla sua pagina Facebook che stava restituendo loro il potere ricevuto dai cittadini in modo che potessero decidere il futuro del governo attraverso elezioni libere ed eque.

Ha detto di essere stato costretto ad accettare l’accordo di pace, mediato dalla Russia, per prevenire maggiori perdite umane e territoriali.

L’esercito armeno ha chiesto le sue dimissioni e poi ha cercato di licenziare il capo di stato maggiore, decisione bloccata dal presidente dell’ex repubblica sovietica.

Pashinyan ha aggiornato il presidente russo Vladimir Putin sulle elezioni e sulla situazione nella regione del Nagorno-Karabakh, dove sono stati dispiegati circa 2.000 caschi blu russi, in una telefonata sabato, ha detto il Cremlino.

Il primo ministro armeno si è già lamentato in passato del fatto che alcuni problemi nella regione, compreso il ritorno dei prigionieri di guerra, non sono stati ancora risolti.

Secondo il media Sputnik, l’alleanza al potere My Step di Pashinyan ha condotto un sondaggio d’opinione condotto dall’associazione internazionale Gallup alla fine del mese scorso.

Il suo principale rivale sarà probabilmente un gruppo guidato da Robert Kocharyan, presidente dell’Armenia dal 1998.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *