Un cattivo software ha mandato in prigione gli impiegati delle poste, perché nessuno voleva ammettere che poteva essere sbagliato

Negli ultimi 20 anni I dipendenti dell’ufficio postale del Regno Unito hanno avuto a che fare con un pezzo di software chiamato Horizon, che aveva un difetto fatale: insetti che facevano sembrare che i dipendenti avessero rubato decine di migliaia di sterline inglesi. Ciò ha portato alcuni postmaster locali a essere condannati per crimini, persino mandati in prigione, perché l’ufficio postale ha insistito ostinatamente sul software che poteva essere considerato attendibile. Dopo aver combattuto per decenni, 39 persone stanno finalmente vedendo le loro convinzioni ribaltate, dopo quello che secondo quanto riferito è il più grande errore giudiziario che il Regno Unito abbia mai visto.

L’impatto su questi dipendenti è stato enorme: secondo la BBC, alcuni hanno perso il matrimonio o il tempo con i propri figli. Parlando con il BBC, Janet Skinner ha detto che è stata portata via dai suoi due figli per nove mesi quando è stata imprigionata, dopo che il software ha mostrato un deficit di 59.000 sterline. Dice anche di aver perso un’offerta di lavoro a causa della sua condanna penale. Il tempo che lei e altri come lei hanno trascorso in prigione non possono essere riacquistati, ed è successo perché il software è stato preso in parola.

Secondo il BBC, un’altra donna, che ha giurato di essere innocente, è stata mandata in prigione per furto mentre era incinta. Un uomo secondo quanto riferito, morì per suicidio dopo che il sistema informatico ha mostrato che aveva perso quasi £ 100.000. Nel giro di pochi mesi, anche il suo sostituto ha subito perdite dovute a discrepanze dal software.

Horizon è stato realizzato dalla società giapponese Fujitsu e le sue informazioni sono state utilizzate per perseguire 736 dipendenti dell’ufficio postale tra il 2000 e il 2014, alcuni dei quali finirono in prigione. Errori nel sistema indurrebbe a segnalare che gli account che erano sotto il controllo dei dipendenti erano brevi: il file BBC ha riferito che alcuni dipendenti hanno persino tentato di colmare il divario reindirizzando le proprie case o utilizzando i propri soldi.

Sembra che l’incubo per i dipendenti stia volgendo al termine. Seguono i 39 a cui è stata revocata la condanna altri sei che sono stati prosciolti dall’accusa di illeciti a dicembre. L’ufficio postale ha anche lavorato per compensare finanziariamente altri dipendenti che sono stati raggiunti dal software.

Nel 2019 le Poste si sono accordate con 555 ricorrenti e hanno pagato loro i danni, e ha anche istituito un sistema per rimborsare gli altri dipendenti interessati. Finora, secondo il BBC, sono state presentate più di 2.400 richieste.

All’inizio di questo mese l’amministratore delegato delle Poste ha detto che Horizon sarebbe stato sostituito con una nuova soluzione basata su cloud. Nello stesso discorso, ha affermato che le Poste lavoreranno con il governo per risarcire i dipendenti che sono stati colpiti dalle inesattezze di Horizon.

Il primo ministro britannico Boris Johnson anche pesato oggi, definendo le condanne originali “una spaventosa ingiustizia”.

Alcuni dipendenti sembrano contenti solo di un accordo monetario e dei loro nomi vengono cancellati. Ma ora c’è anche un gruppo di campagna che chiede un’indagine pubblica completa, e alcune delle persone i cui nomi sono stati chiariti oggi hanno chiesto che i responsabili siano ritenuti responsabili.

Il BBC segnalato che le Poste sostenevano che gli errori non potevano essere stati colpa del sistema informatico, pur sapendo che non era vero. Ci sono prove che l’ufficio legale delle Poste era consapevole che il software poteva produrre risultati imprecisi, anche prima che alcune delle condanne fossero fatte. Secondo il BBC, uno dei rappresentanti degli impiegati dell’ufficio postale ha affermato che l’ufficio postale “ha prontamente accettato la perdita di vite umane, libertà e sanità mentale per molte persone comuni” nella sua “ricerca della reputazione e del profitto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *