Recensione della tastiera wireless Keychron K3: compatta con compromessi

Le tastiere di Keychron sono un’opzione interessante per chiunque cerchi una tastiera meccanica wireless relativamente economica. Il suo ultimo modello è il Keychron K3, che parte da $ 74. Il K3 combina il design a basso profilo del K1 con il layout compatto al 75% del K2. Il risultato è una tastiera con un fattore di forma sottile e compatto, con un’altezza che si trova a metà strada tra una tipica tastiera meccanica e una tastiera con interruttori in stile laptop.

È una prospettiva allettante se stai cercando una scheda compatta e portatile che non occupi troppo spazio in una borsa per laptop. Il K3 dispone anche di molte altre utili funzioni come le opzioni di switch sostituibili a caldo che ti consentono di cambiare completamente la sensazione della tua tastiera senza dover eseguire alcuna saldatura e compatibilità incrociata con Windows e Mac. Ma a meno che tu non voglia o hai davvero bisogno di una tastiera sottile, il design a basso profilo del K3 viene fornito con compromessi che impediscono alla tastiera di essere la scelta perfetta per tutti.

Il Keychron K3 è disponibile con una retroilluminazione bianca per $ 74 o una retroilluminazione RGB per $ 84. In termini di interruttori, puoi scegliere tra un set di interruttori a basso profilo realizzati da Gateron o un set di interruttori ottici sostituibili a caldo di Keychron. Keychron afferma che questi interruttori ottici lo sono più reattivo e durevole, ma più importante è che, a differenza dei Gateron, sono sostituibili a caldo, il che significa che puoi rimuoverli e sostituirli senza dover eseguire alcuna saldatura. Varietà di questi interruttori ottici includono interruttori lineari (bianchi, rossi o neri), tattili (marroni) o cliccabili (blu o arancioni). Questa è una buona quantità di opzioni e Keychron attualmente vende set di questi per $ 19 (prezzo normale $ 25).

Il mio modello è stato fornito con un layout ANSI USA con retroilluminazione RGB. Ho utilizzato principalmente gli interruttori ottici marroni di Keychron durante il mio tempo con il K3, ma sono passato ai suoi interruttori arancioni rigidi e scattanti per alcuni giorni per vedere come erano. Keychron mi dice che una versione della tastiera con un layout ISO del Regno Unito verrà rilasciata a luglio.

Se hai familiarità con il layout di tastiera utilizzato dalla maggior parte dei laptop, ti sentirai immediatamente a casa con il cosiddetto layout di tastiera del “75 percento” del Keychron K3. È molto più compatto di un layout di tastiera a grandezza naturale (uno che ha un tastierino numerico sul lato) o anche di un dieci tasti (stessa cosa, meno il tastierino numerico), ma include anche i tasti freccia e una riga delle funzioni come cinque dei sei tasti normalmente posizionati sopra il gruppo di tasti freccia. (Non esiste un tasto “Inserisci” dedicato, ma la scorciatoia incorporata è Fn + Canc.) La riga delle funzioni offre anche tasti multimediali compatibili con Mac e Windows, come la luminosità e il controllo del volume.

Il suo layout al 75% include i tasti freccia.

Il layout compatto trova spazio per le chiavi più comunemente utilizzate.

Per molte persone, specialmente quelle abituate a un laptop, sospetto che queste saranno tutte le chiavi di cui avranno bisogno, e non mi sono mai trovato ad aver bisogno di una chiave che non fosse presente sulla tastiera. Inoltre, non penso che ci siano tasti che sono selvaggiamente fuori posto, come il tasto di retroilluminazione fastidiosamente facile da premere del K1 originale. Questo è utile perché Keychron K3 non ti consente di rimappare in modo nativo i suoi tasti, il che significa che non puoi riconfigurare la tastiera per cambiare le posizioni dei tasti o aggiungerne altri che potrebbero essere più importanti per le tue esigenze.

Keychron annuncia che puoi tecnicamente rimappare i tasti della tastiera a livello di sistema operativo utilizzando programmi come Moschettone sul Mac o SharpKeys su Windows, ma è un po ‘complicato e significa che il layout della tastiera cambierà se sarà necessario collegarlo a un altro dispositivo. Non penso che la maggior parte delle persone avrà grossi problemi con il layout del 75% di Keychron, ma attenzione se hai la memoria muscolare accumulata utilizzando un’altra scheda compatta.

C’è un’opzione di personalizzazione del layout integrata nella tastiera, e questo è un piccolo interruttore in alto a sinistra della tastiera per scambiarlo tra i layout Mac / iOS e Windows / Android. La tastiera include anche tasti di comando e opzione specifici per Mac, ma se sei un utente Windows come me, sono inclusi i tasti Alt e Windows da installare sulla scheda durante l’installazione. Basta usare l’estrattore di tasti incluso per estrarre i tasti del Mac e premere saldamente i tasti di Windows sugli interruttori al loro posto. (Ecco un guida video rapida nel caso non l’hai mai fatto prima.)

Cambiare gli interruttori della tastiera è relativamente semplice.

L’altro interruttore in alto a sinistra del K3 è un cursore per scambiarlo tra le modalità cablata e wireless. La modalità cablata funziona come previsto tramite il cavo USB-C incluso nel K3, mentre la modalità wireless consente di accoppiare fino a tre dispositivi tramite Bluetooth 5.1. Ho accoppiato il K3 con un laptop Surface, iPhone e iPad e la tastiera è passata da uno all’altro senza problemi.

Gli utenti wireless dovrebbero notare che la durata della batteria è diminuita rispetto al K2. Con la retroilluminazione spenta, Keychron afferma che il K3 dovrebbe durare circa 99 ore, rispetto alle 240 ore del K2. Con la retroilluminazione accesa, la durata della batteria scende fino a 34 ore (da 68 a 72 ore). Ciò è probabile perché il fattore di forma sottile del K3 significa che Keychron può contenere solo una batteria da 1.550 mAh anziché una da 4.000 mAh come la K2. Stavo passando dalla modalità cablata a quella wireless per tutto il periodo della recensione, il che significava che non ho mai visto la durata della batteria della tastiera scendere a zero. Ma questi numeri significano che probabilmente dovrai ricaricare il K3 su base settimanale se vuoi tenere le luci accese.

Sul lato inferiore del mio campione recensito, ci sono un paio di piedini estraibili per regolare l’angolazione della tastiera. Mi è stato detto che questi sono stati aggiunti come revisione rispetto alle prime schede, che venivano fornite con due set di piedi da scambiare tra loro se volevi cambiare il suo angolo. Non posso parlare di quanto possa essere stato fastidioso un sistema, ma i nuovi piedi supportano due diverse angolazioni e sono facili da usare. Keychron mi dice che ha ancora stock del modello senza ribaltare i piedi e che questo nuovo modello dovrebbe essere in circolazione entro la fine di maggio. La qualità costruttiva è per il resto solida, con poca flessibilità nell’involucro della tastiera sul mio modello.

I piedini estraibili possono essere regolati a due diverse altezze.

Voglio dire, guarda quanto è sottile questa cosa.

Una delle cose più belle dell’acquisto di una tastiera meccanica con i tradizionali interruttori in stile Cherry MX sono le opzioni di personalizzazione che ottieni. Se desideri un set di keycap più colorato o interessante o se i keycap sulla tua scheda si consumano nel tempo, è normalmente facile sostituirli con un nuovo set. Sostituire gli interruttori effettivi dopo il fatto è generalmente un po ‘più difficile perché spesso richiede la saldatura, quindi non è popolare allo stesso modo.

In un certo senso, il Keychron K3 capovolge questa dinamica. I suoi interruttori a chiave sostituibili a caldo sono facili da sostituire senza la necessità di prendere un saldatore, ma sebbene i suoi copritasti siano altrettanto facili da rimuovere, non c’è motivo di farlo. Questo perché al momento non ci sono keycap di terze parti sul mercato che siano completamente compatibili con il design a basso profilo di Keychron. Il design a croce in stile Cherry MX suggerisce che dovrebbero esserlo, ma quando ho provato alcuni che avevo in giro, l’allineamento dello stabilizzatore su tasti come la barra spaziatrice non era allineato. Keychron mi dice che prevede di rilasciare nuovi set di keycap più avanti nel corso dell’anno per il consiglio.

È un peccato perché sarebbe bello avere la possibilità di sostituire i keycap di serie di Keychron. Sono realizzati in plastica ABS sottile piuttosto che nel PBT più pregiato o in ABS più spesso, e la loro combinazione di colori grigio e arancione è semplicemente opaca. Almeno le loro leggende sono nitide, sono ben curve per consentire alle dita di trovare la loro posizione e la loro costruzione a doppio colpo consente alla retroilluminazione della tastiera di risplendere e illuminare ogni etichetta dei tasti.

Sostituire gli interruttori stessi era molto più semplice che estrarre un saldatore, anche se ci voleva ancora un po ‘di olio di gomito per rimuovere alcuni di quelli più ostinati usando lo strumento incluso. Funziona agganciando il gancio di metallo attorno a ciascun interruttore e dimenando finché non si libera. Lo scambio di tutti gli interruttori mi ha richiesto circa mezz’ora mentre guardavo la TV in background, più 15 minuti extra su entrambe le estremità per gestire i tasti.

Con una limitata compatibilità con i keycap, è meglio che ti abitui ai tappi di serie del K3.

Oltre ad essere sostituibili a caldo, il vantaggio di questi switch a basso profilo è quanto sottili consentono alla scheda stessa di essere. Nel punto più spesso, si trova a poco più di 22 mm dalla superficie della scrivania e Keychron vanta che i suoi interruttori ottici a basso profilo sono alti solo 10,77 mm, rispetto ai 17,9 mm di un interruttore convenzionale.

Ma essere così di basso profilo rende questi interruttori ottici un po ‘un gusto acquisito. Sia che usassi gli interruttori ottici marroni originariamente installati nella scheda, sia gli interruttori ottici arancioni rigidi e scattanti, non ho mai amato l’esperienza di digitazione del Keychron K3. Non è orribile. Questa non è una cupola in gomma pastosa o una tastiera a farfalla per MacBook. Ma la corsa limitata dei tasti degli interruttori a basso profilo del K3 sembra insoddisfacente se sei abituato e ti piacciono i normali interruttori in stile Cherry MX.

Dei due interruttori che ho provato, ho preferito gli interruttori arancioni rigidi e scattanti ai marroni tattili. La rigidità degli interruttori arancioni combinata con il clic più tattile ha in qualche modo compensato la loro corsa bassa, mentre ho finito per fare più errori di battitura durante la digitazione sui marroni.

Alla fine della giornata, mi piace semplicemente l’altezza di un interruttore MX standard. Quella distanza extra dà alle tue dita lo spazio per commettere errori e tirare indietro prima di premere il tasto sbagliato. Al contrario, c’è qualcosa di stridente nell’avere un fondo chiave così rapidamente. Se sei abituato a digitare su tastiere sottili come Apple Magic Keyboard, la corsa low key del K3 potrebbe sembrare più piacevole e familiare. Ma in quanto persona a cui piacciono i normali interruttori in stile MX, non ero un fan.

Nella confezione sono presenti tasti specifici per Windows e Mac.

Illuminazione RGB che brilla attraverso i copritasti.

Il Keychron K3 è una tastiera meccanica ricca di funzionalità a un prezzo ragionevole. Funziona alla grande su USB-C o in modalità wireless e ha un layout del 75% che copre i tasti di cui la maggior parte delle persone ha bisogno, oltre a un’utile selezione di tasti funzione. Il processo di sostituzione a caldo è semplice e Keychron dispone di un’adeguata selezione di interruttori che funzionano con il suo sistema di sostituzione a caldo.

Ma Keychron ha dovuto fare una serie di compromessi per rendere una tastiera così sottile, e devi volere una tastiera a basso profilo per sopportarli. La durata della batteria è diminuita rispetto al K2 e gli interruttori a basso profilo del K3 possono essere un gusto acquisito. Anche la mancanza di supporto per i keycap di terze parti è un peccato.

Se hai una forte preferenza per una tastiera a basso profilo e non sei interessato a provare keycap di terze parti, allora il K3 è un bel pacchetto. Ma non può eguagliare la versatilità delle altre schede Keychron.

Fotografia di Jon Porter / The Verge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *