Terrence Clarke, dell’Università del Kentucky, viene ucciso in un incidente


Terrence Clarke, che di recente si è unito a una lista d’élite di stelle del basket dell’Università del Kentucky che hanno lasciato presto il programma a sangue blu per perseguire il sogno di giocare nella NBA, è stato ucciso in un incidente stradale giovedì a Los Angeles, ha detto l’università. Aveva 19 anni.

L’incidente è avvenuto poco dopo le 14:00 nella San Fernando Valley, quando un veicolo che viaggiava ad alta velocità su Winnetka Avenue ha acceso un semaforo rosso prima di entrare in collisione con un’auto che imboccava Nordhoff Street, l’agente Harvey Freeman del Los Angeles Police Department Valley Traffic La divisione ha detto venerdì.

Ha detto che il conducente dell’auto che si è schiantata contro il veicolo che svolta è andato a scontrarsi con un dispositivo di segnalazione del traffico. L’autista, che il signor Freeman non ha nominato ma ha descritto come un ragazzo di 19 anni, è stato portato in un ospedale, dove è morto. L’altro conducente non ha segnalato alcun infortunio, ha detto il signor Freeman.

“Sono assolutamente sventrato e malato stasera”, ha detto giovedì sera John Calipari, capo allenatore dell’Università del Kentucky. “Un giovane che tutti amiamo ha perso la vita troppo presto, uno con tutti i suoi sogni e le sue speranze davanti a sé.”

Calipari ha detto che stava viaggiando a Los Angeles per stare con la famiglia di Clarke e fornire assistenza.

“Terrence Clarke era un ragazzo bellissimo, qualcuno che possedeva la stanza con la sua personalità, il suo sorriso e la sua gioia”, ha detto. “La gente gravitava intorno a lui, e sentire che l’abbiamo perso è difficile da comprendere per tutti noi in questo momento. Siamo tutti sotto shock. “

Una guardia tiratrice che l’anno scorso è stata una delle migliori reclute della nazione, Clarke ha brillato all’inizio della sua stagione da matricola per i Wildcats sotto Calipari, ma era stato messo da parte a causa di infortuni durante il gioco della Southeastern Conference.

Il mese scorso, il nativo di Boston ha deciso di rinunciare alla sua idoneità rimanente e diventare professionista dopo che l’Università del Kentucky ha perso il torneo NCAA, un’anomalia per il programma di basket leggendario.

La morte di Clarke è avvenuta un giorno dopo che lui e Brandon Boston Jr., il suo compagno di squadra dei Wildcats, firmato con Klutch Sports Group, che è guidato da Rich Paul, l’influente agente sportivo che rappresenta LeBron James e un certo numero di giocatori di punta.

“Era un giovane uomo incredibile e laborioso”, ha detto Paul di Clarke in una dichiarazione giovedì sera. “Era eccitato per ciò che lo aspettava e pronto a realizzare i suoi sogni.”

I tributi a Clarke hanno inondato i social media giovedì sera mentre si diffondeva la notizia della sua morte, anche dalla star dei Lakers ha pubblicato una foto di Clarke su Instagram.

“RIPOSO IN PARADISO NEPHEW !!!” James ha scritto.

Kemba Walker, la star dei Boston Celtics, non aveva parole quando gli è stato chiesto La morte di Clarke durante una conferenza stampa post partita.

“Notizie molto difficili”, ha detto Walker. “È un ragazzo molto bravo, sempre sorridente, sempre energico. Anche lui stava per cogliere la sua opportunità. “

Con i suoi 6 piedi e 7 pollici, Clarke era una delle guardie tiratrici più quotate della nazione e ha recitato per Brewster Academy, un collegio nel New Hampshire. Ha scelto l’Università del Kentucky su Texas Tech, UCLA, Duke, l’Università di Memphis e il Boston College, secondo il suo biografia sul sito web di Wildcats.

Tuttavia, è stato ostacolato da un infortunio alla gamba destra che lo ha limitato a sole otto partite da matricola.

Clarke è sopravvissuta dai suoi genitori e tre fratelli, secondo l’Università del Kentucky.

“Terrence era un giovane così pieno di vita e così pieno di promesse”, ha detto in una dichiarazione Mitch Barnhart, direttore atletico dell’università. “Ci feriamo e ci addoloriamo con la sua famiglia, i suoi amici, i suoi compagni di squadra e gli allenatori, e le nostre preghiere sono con tutti loro in questa perdita inimmaginabile”.

Jacey Fortin ha contribuito alla creazione di report.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *