Gli azionisti spingono Amazon a rivelare la sua impronta plastica

Un gruppo di azionisti ha chiesto ad Amazon di rivelare quanta parte dei suoi imballaggi in plastica finisce nell’ambiente. L’inquinamento da plastica del gigante della vendita al dettaglio potrebbe danneggiare la reputazione dell’azienda o portare a sanzioni finanziarie da azioni normative o costi di pulizia, secondo il proposta dell’azionista. Quindi vorrebbero vedere un rapporto pubblicato entro dicembre che mostri la quantità di rifiuti di plastica di cui è responsabile il gigante della vendita al dettaglio e cosa sta facendo per ridurre gli imballaggi in plastica.

Amazon è rimasta piuttosto a bocca aperta riguardo al suo problema di plastica. È stato accusato di aver generato 465 milioni di libbre di rifiuti di imballaggi in plastica nel 2019 dall’organizzazione senza scopo di lucro Oceana. Secondo il rapporto Oceana, più di 22 milioni di libbre di quella spazzatura sono finiti nell’acqua dolce e negli ecosistemi marini.

Amazon ha risposto per dire che il rapporto era esagerato. L’azienda ha detto The Verge in una dichiarazione all’epoca che utilizzava solo circa un quarto della plastica che Oceana ha detto di fare. In tal caso, la società ha utilizzato circa 116 milioni di libbre di plastica nel 2019. Ma Amazon non ha confermato tale cifra con The Verge o nella sua dichiarazione di opposizione alla nuova delibera assembleare. (L’azienda non ha risposto a un’altra richiesta di The Verge oggi.)

“Quello che non misuri non lo puoi gestire”, ha detto Anne Schroeer, direttrice delle iniziative strategiche di Oceana The Verge l’anno scorso. “Ovviamente, sarebbe molto meglio se Amazon pubblicasse la loro impronta plastica”.

Se la proposta degli azionisti passa un voto, ciò potrebbe finalmente accadere. La proposta è stata guidata dal gruppo di azionisti attivisti As You Sow. L’organizzazione archiviato proposte simili con almeno altre nove società quest’anno, tra cui Walmart, Target e McDonald’s.

Si ritiene che Amazon utilizzi imballaggi in plastica più flessibili di quasi tutte le altre società, secondo gli azionisti attivisti. Mentre le buste di plastica di Amazon potrebbero avere l’estensione classico simbolo di “frecce che inseguono” associati al riciclaggio, non possono essere effettivamente riciclati nella maggior parte dei programmi di raccolta sul marciapiede. Pochissimi clienti consegnano i bollettini a Posizione che può effettivamente elaborarli, secondo un sondaggio condotto da Oceana su 600 clienti Amazon Prime.

Solo il 9% circa dei rifiuti di plastica è mai stato riciclato, secondo un grande studio del 2017 pubblicato sulla rivista I progressi della scienza. Ma in abbondanza è finita nell’oceano macchie di immondizia, nella pancia degli animali e persino nel nostro corpo come microplastica.

Relazionato:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *