Call of Duty: Warzone tira fuori un Fortnite con il lancio della sua nuova mappa

Dopo il lancio da poco più di un anno, Call of Duty: Warzone è uno dei titoli free-to-play più popolari in questo momento, con 100 milioni di persone che giocano allo sparatutto battle royale. A seguito di un missile nucleare che ha distrutto la mappa del gioco, la città in-game di Verdansk è tornata con una nuova mappa ambientata nell’anno 1984, come si vede nel trailer di annuncio qui sopra. Questo rispecchia una mossa simile fatta dal suo concorrente Fortnite, che ha distrutto la sua mappa originale e l’ha sostituita con una nuova nel 2019.

Nonostante la forma e il layout rimangano gli stessi del predecessore, i giocatori noteranno cambiamenti nella maggior parte dei luoghi insieme a un’atmosfera anni ’80 che si adatta al nuovo periodo di tempo del gioco. Verdansk ’84, il nome della nuova mappa, ha alcune modifiche per renderla una nuova posizione e non una reskin diretta, pur essendo anche più strettamente integrata con Call of Duty: Black Ops Cold War, ambientato nello stesso decennio. Entrambi i giochi condividono i contenuti l’uno sull’altro, il che significa che armi, cosmetici e altri sbloccabili in-game come killstreaks possono essere condivisi su entrambi i titoli.

Il debutto di Verdansk ’84 funge da inizio ufficiale per il terza stagione di Call of Duty: Warzone e Black Ops Guerra Fredda, ed è ora disponibile con molte nuove armi aggiunte e alcune vecchie nerfate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *