Apple estende la tregua, non accetterà una fetta di lezioni ed eventi online fino al prossimo anno

Apple ha annunciato mercoledì che lo è ancora una volta prorogando il termine per richiedere acquisti in-app per app iOS che vendono l’accesso a lezioni online ed eventi di gruppo fino al 31 dicembre 2021, il che significa effettivamente che non imporrà il suo taglio del 30% alle aziende che forniscono tali servizi fino al prossimo anno. Apple ha esteso la scadenza inizialmente al 30 giugno 2021, ma ora gli sviluppatori hanno altri sei mesi.

Apple cita la pandemia in corso come la sua principale giustificazione per il cambiamento, ma dobbiamo chiederci se potrebbe anche avere qualcosa a che fare con le udienze antitrust del Congresso che si sono concentrate sul fatto che Apple e gli app store di Google siano monopoli. Aiutare le piccole imprese non prendendo il tradizionale taglio del 30% è un esempio che Apple può ora utilizzare per dimostrare come incoraggia le piccole imprese a prosperare.

Mercoledì “Applicazione dell’antitrust: esame della concorrenza negli app store” ascoltando i reclami presentati dalla società di rilevamento degli oggetti smarriti Tile, con cui Apple è ora in diretta concorrenza grazie ai nuovi AirTag di Apple, e Match Group, la cui app di appuntamenti Tinder utilizza gli acquisti in-app di Apple per gli abbonamenti.

Non tutte le aziende pagano il 30 percento. Apple non applica lo stesso requisito di acquisti in-app a lezioni individuali come il tutoraggio, quindi le persone possono accettare altre forme di pagamento e aggirare completamente il taglio di Apple. Apple è stata anche criticata per la creazione silenziosa di offerte speciali per grandi aziende come Amazon, dove gli abbonamenti venduti sulla sua app Prime Video sono soggetti a una commissione del 15%. (In genere, Apple non riduce il taglio delle tariffe di abbonamento al 15 percento fino a quando gli utenti non sono stati abbonati per un anno intero.)

Dopo che l’apparente affare di Amazon è venuto alla luce, Apple ha lanciato un nuovo programma App Store Small Business nel gennaio 2021 in cui gli sviluppatori che guadagnano meno di $ 1 milione di vendite ogni anno possono richiedere di ridurre la commissione di Apple al 15% sugli acquisti, ma solo con l’approvazione di Apple .

Apple sta ora lanciando anche abbonamenti ai podcast, quelli a cui i podcaster possono unirsi pagando $ 19,99 all’anno più il 30 percento del primo anno di entrate di ciascun abbonato, quindi il 15 percento per gli anni successivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *