La NFL riduce le restrizioni sui numeri di maglia


Con lo sviluppo del calcio, i giocatori in determinate posizioni iniziarono a migrare verso determinati numeri e la NFL iniziò a codificare le sue regole di numerazione negli anni ’50. Il grande cambiamento avvenne nel 1973, quando furono messe in atto regole severe, che legavano i numeri alla posizione.

In altri sport, i numeri vengono utilizzati principalmente in modo che i fan possano identificare i giocatori e forse per consentire a un allenatore di urlare: “Stop n. 34!” Quindi le restrizioni sono poche. A molti livelli di basket, ma non nell’NBA, i giocatori sono limitati a numeri con cifre da 0 a 5. In questo modo gli arbitri possono segnalare chi ha commesso fallo usando solo le dita di una mano.

Ma a nessuno importerà troppo se il numero 27 è indossato da un difensore centrale slugging, Mike Trout, sugli Angels, e un lanciatore iniziale asso, Aaron Nola, sui Phillies.

Nel calcio, tuttavia, i numeri aiutano i funzionari a capire se i giocatori sono allineati in modo improprio fuori posizione. Vedi il numero 66 (riservato ai guardalinee) allineato nel backfield o fuori? Probabilmente c’è una bandiera di formazione illegale in arrivo.

I numeri contano per i giocatori. Ogni stagione, compaiono storie di esordienti o giocatori scambiati che cercano di prendere un numero desiderato da un compagno di squadra che lo indossa già. A volte la controversia viene risolta con pagamenti che a volte hanno raggiunto cinque cifre. Le nuove regole della NFL potrebbero significare che alcuni giocatori professionisti saranno in grado di tornare ai numeri che indossavano e amavano al college, che ha regole più permissive.

Mancano ancora dalla NFL lo 0 e lo 00, attualmente indossati da più di 30 giocatori NBA, tra cui Carmelo Anthony (0) e Damian Lillard (00). Quei numeri sono stati banditi dalla NFL dalle riforme del 1973, sebbene il centro della Hall of Fame Jim Otto indossasse 00 negli anni ’60 e ’70.

Mancano anche dal campionato le frazioni, come il ⅛ indossato dal 3 piedi 7 Eddie Gaedel dei St.Louis Browns nel 1951, e i numeri a due cifre che iniziano con 0, come lo 09 Benito Santiago indossò con i Padres nel primi anni ’90. Il calcio messicano ha addirittura varcato l’ultima frontiera ed è passato a numeri a tre cifre.

Per ora, la NFL non è così divertente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *