Logitech Harmony è morto. Ecco come il telecomando intelligente ha perso la sua strada

“Se pensiamo a una società che ha tentato di intaccare ciò, ciò che viene in mente è Harmony”, afferma Paul Erickson, analista senior presso la società di ricerca Parks Associates. “Non solo ti hanno dato la possibilità di condensare più telecomandi in uno solo; c’erano stati telecomandi universali per un periodo piuttosto lungo. Ma molti di loro avevano solo l’80% dei controlli di cui avevi bisogno per quel lettore Blu-ray, ricevitore A / V o soundbar “.

Harmony potrebbe fare tutto. A volte il suo software era goffo o contorto, ma alla fine era più conveniente che manipolare più barre di plastica rigida solo per guardare un dannato episodio È.

Tuttavia, anche all’inizio degli anni ’10 c’erano segnali che Logitech non avesse investito completamente nella linea di prodotti, afferma Werthauer. Ex sviluppatore di software IT per il Dipartimento dell’Istruzione di New York City, ha avviato la sua attività nel 2010 dopo aver scoperto che Logitech non offriva riparazioni. “I telecomandi delle persone si rompevano a destra ea sinistra e si lamentavano della stessa cosa”, dice. “Logitech a volte offriva uno sconto del 30 percento se ne acquistavi uno nuovo, ma a nessuno interessava. Volevano solo prendere il loro buon vecchio braccio laterale. “

Il primo controller che Werthauer aggiustò era il suo. Ma alla fine avrebbe quattro o cinque unità in arrivo ogni giorno, da ogni angolo del mondo: telecomandi con LCD rotto, porte USB rotte, emettitori IR non funzionanti, pulsanti a cupola a scatto tattili rotti, tutti bisognosi di cure. “Mi sentivo molto forte sul diritto di riparare, e ho pensato che Logitech ha davvero lasciato cadere la palla su questo”, dice. “Ho iniziato a vendere parti e scrivere guide di supporto e tutto il resto che potevo fare per aiutare i fai-da-te a disporre di risorse sufficientemente precise e dettagliate da poterle forse anche aggiustare da soli.”

Tuttavia, Harmony prosperò, intaccando doppia cifra crescita delle vendite per Logitech nel 2010. Non era, tuttavia, preparato per il tipo di progresso che avrebbe portato il prossimo decennio.

Funzionamento degli standard

Elimina prima la parte ovvia: il numero di dispositivi nel soggiorno si è ridotto, in particolare perché lo streaming ha eliminato i lettori DVD e Blu-ray per molti. Questo è un telecomando in meno. Ma uno sviluppo dietro le quinte ha avuto un impatto ancora più sostanziale: l’ascesa di HDMI-CEC e HDMI-ARC.

Sì, standard! Scusate. Ma prima che i tuoi occhi si velino completamente, sappi che questa parte sarà veloce. La versione molto breve è che HDMI-CEC e HDMI-ARC consentono ai vari dispositivi di parlare tra loro per il controllo e per scopi audio, rispettivamente. Ciò a sua volta significa che un singolo telecomando può fare molto di più. “Lo stato dell’HDMI quando è penetrato gradualmente in tutti i nostri dispositivi audio e video, che di per sé ha eliminato molti dei casi di attrito o frustrazione che avrebbero portato le persone a trovare qualche soluzione al disordine remoto”, afferma Erickson. “Quelle situazioni non si sono presentate.”

Pensa a quando usi un telecomando Roku di fascia alta, ad esempio, per accendere e spegnere la TV o per controllarne il volume. Lo stesso tipo di esperienza semplificata che Harmony ha trascorso così tanti anni a fornire ora è integrato. Lo stesso telecomando Roku non può darti tutte le campane e i fischietti che un Harmony Hub può, ma la maggior parte delle persone non ne ha bisogno. E mentre Logitech ha cercato di diversificare la sua linea Harmony aggiungendo controlli per dispositivi domestici intelligenti come lampadine e altoparlanti intelligenti, rimane decisamente un regno di voci, non pulsanti. (Armonia ha provato a costruire Alexa direttamente in un telecomando; è andato male.)

“Harmony ha un ottimo dispositivo che non è adatto ai tempi”, afferma Erickson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *