Charli Collier è la scelta numero 1 nel Draft WNBA


Charli Collier, un centro dell’Università del Texas, è stata selezionata al primo posto in assoluto dai Dallas Wings nel draft WNBA tenutosi praticamente giovedì, realizzando il sogno del suo defunto padre di essere la prima scelta. Collier, che viene dal Texas ed è stato ampiamente previsto come la prima scelta, ha segnato una media di 19 punti e 11,3 rimbalzi a partita nella stagione 2020-21.

Collier, circondata da sua madre, suo fratello e suo fidanzato, indicò il cielo quando fu annunciata come la prima scelta.

“Ci siamo seduti nel letto d’ospedale e abbiamo annotato gli obiettivi”, ha detto, riferendosi a suo padre, Elliott. “Questo era uno di loro. È qui con me. “

I Wings avevano la scelta numero 2 e hanno aggiunto la scelta numero 1 in uno scambio con il Seattle Storm, che aveva acquisito la migliore selezione in uno scambio con il Liberty. Dallas ha selezionato Awak Kuier, un centro di 1,8 metri che gioca professionalmente in Italia, con la seconda scelta. Era la prima volta nella storia del campionato che una squadra aveva le prime due scelte. Questa sarà la venticinquesima stagione della WNBA.

La scorsa stagione è stata giocata in un ambiente di bolle – affettuosamente denominato “wubble” – alla IMG Academy di Bradenton, in Florida, a causa della pandemia. Questa stagione si giocherà nelle città d’origine delle squadre, alcune con un numero limitato di tifosi, in conformità con le raccomandazioni dei funzionari sanitari locali.

La stagione inizia il 14 maggio, quando il Liberty ospita l’Indiana Fever al Barclays Center. Ogni squadra giocherà 32 partite nella stagione regolare, in calo rispetto alle 36 originariamente previste, con viaggi ridotti a causa della pandemia. La lega, che è stata avanti rispetto agli altri nelle discussioni sulla giustizia sociale, prevede di continuare questi sforzi in questa stagione, ha detto martedì ai giornalisti la Commissaria WNBA Cathy Engelbert.

“I giocatori vogliono essere sul cambiamento, e vogliono avere la loro mano in quel cambiamento”, ha detto. “Che si tratti di impegno civico, diritti di voto o equità nella salute o altre questioni di cui molti di loro sono appassionati, non vedo l’ora di vedere cosa faranno quest’anno e di gestire eventuali crisi che si presenteranno sulla nostra strada”.

Engelbert ha anche affermato che il campionato era aperto all’espansione, poiché gli sport femminili hanno guadagnato maggiore attenzione negli ultimi anni. Il numero di spettatori delle finali WNBA del 2020 è aumentato del 15% anno su anno, secondo ESPN. La bozza è arrivata quando i riflettori si erano concentrati sulle disuguaglianze tra atletica maschile e femminile, con un focus sulle differenze nelle strutture, nei test e nei pasti nei tornei di basket universitari maschili e femminili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *