Recensione Into the Labyrinth – Il thriller psicologico di Dustin Hoffman finisce nella tana del coniglio | Film


UN faccia a faccia tra la leggenda di Hollywood Dustin Hoffman e Toni Servillo, il veterano dei classici italiani contemporanei di Paolo Sorrentino? Suona bene. Ma purtroppo, i due non appaiono mai insieme nella stessa scena, e il film in cui compaiono è frustrantemente sottodimensionato e derivato.

Into the Labyrinth è un horror-thriller psicologico diretto da Donato Carrisi e da lui adattato dal suo romanzo bestseller L’uomo del labirinto. L’ambientazione è l’Italia, e una giovane donna sconvolta (Valentina Bellè) ritorna dalla sedazione in una stanza d’ospedale privata dove un medico calmo e misterioso di nome Green (Hoffman) spiega che era stata trovata, scaricata priva di sensi sul ciglio della strada, a quanto pare dall’individuo sinistro che l’ha rapita da adolescente 15 anni prima – un “caso freddo” sensazionale e irrisolto. In qualità di profiler forense che lavora con la polizia, ora farà domande per ricostruire la sua terrificante esistenza nella prigione che il suo rapitore ha chiamato il “labirinto”.

Domande ... Dustin Hoffman e Valentina Belle.
Domande… Dustin Hoffman e Valentina Bellè. Fotografia: Loris T Zambelli

A quel punto il pubblico ha il diritto di chiedere: ehm, perché parlano in inglese, quando tutto il resto dei dialoghi è in italiano? Ha imparato l’inglese in cattività? Nel frattempo, un detective privato offuscato di nome Bruno Genko (interpretato da Servillo), specializzato in banali casi di recupero crediti, viene a sapere del ritorno sicuro di questa giovane donna e scopre che ora è il suo misterioso destino rintracciare il suo rapitore che apparentemente ama indossare un’enorme maschera da coniglio – come nel film Donnie Darko.

C’è un interesse occasionale per le bizzarre ambientazioni e luoghi dei fumetti e in effetti lo strano fumetto chiamato “Bunny” che sembra aver ispirato lo stesso cattivo pazzo. Ma il fulcro narrativo è dannosamente e inutilmente diviso tra Servillo e Hoffman, due attori le cui presenze considerevoli sullo schermo tendono a sottrarsi l’una dall’altra. E il finale cheat-twist è fondamentalmente fin troppo familiare.

Into the Labyrinth esce il 19 aprile su piattaforme digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *