New York City sceglie Bird, Lime e VeoRide per il suo ambito pilota di scooter elettrico

I giorni di New York City come una delle ultime resistenze rimaste nel boom degli scooter elettrici dockless sono finalmente finiti. Il Dipartimento dei Trasporti (DOT) della città ha annunciato la selezione di Bird, Lime e VeoRide come partecipanti al suo pilota inaugurale di e-scooter.

Le società dovrebbero iniziare le operazioni nel Bronx all’inizio dell’estate con 1.000 scooter ciascuna. Il progetto pilota dovrebbe durare solo un anno, ma DOT ha la possibilità di rinnovare le licenze alla fine del periodo. Il dipartimento ha anche affermato che si aspetta che la maggior parte dei giri in scooter costino in media meno di $ 5 per i clienti.

È passato più di un anno da quando lo Stato di New York ha finalmente revocato il divieto di biciclette e scooter elettrici a farfalla, rimuovendo l’ultimo ostacolo che teneva a bada le società di scooter dal mercato più grande e forse più redditizio del paese. Dal 2017, aziende come Bird, Lime, Spin, Scoot e altre hanno distribuito centinaia di migliaia di scooter elettrici di fabbricazione cinese nelle città di tutto il mondo, eppure New York City è rimasta ostinatamente senza scooter a causa della legge statale che ne vietava uso.

A quel tempo, la legalizzazione degli e-scooter e delle e-bike era vista come un enorme vantaggio per i lavoratori delle consegne immigrati che erano stati presi di mira in una repressione dalla polizia per il loro uso di e-bike. Secondo le nuove regole, gli scooter rimarrebbero illegali a Manhattan, anche se la città potrebbe eventualmente annullare tale disposizione. Ma la legalizzazione ha anche aperto il dibattito su come New York City dovrebbe regolamentare gli scooter condivisi nelle sue strade.

Alla fine, la città è arrivata a un progetto pilota di un anno con tre compagnie in un solo distretto, il Bronx. Dopo il primo anno, supponendo che tutto vada bene, la città amplierà l’area di servizio a nuovi quartieri e consentirà alle aziende partecipanti di aumentare il numero di scooter in funzione a 2.000 ciascuno.

I vincitori del permesso includono due grandi nomi – Bird e Lime – e uno più piccolo, VeoRide con sede a Chicago, che offre sia la versione in piedi che quella da seduto dei suoi scooter. A tutti e tre sarà vietato utilizzare manodopera “gig” per caricare e riequilibrare i propri scooter secondo le regole del pilota. Alle società sarà inoltre vietato costringere i clienti ad accettare termini di servizio che includano disposizioni sull’arbitrato vincolante o sulla rinuncia all’azione collettiva.

Nonostante queste restrizioni, le aziende sembrano super entusiaste della loro selezione. Tutte e tre le società hanno utilizzato alcune variazioni della parola “onorato” nelle loro dichiarazioni preparate. Il prossimo è Londra, che dovrebbe annunciare presto le scelte per il suo pilota di scooter condiviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *