Il mercato dei PC non sta rallentando dopo un fantastico 2020, nonostante la carenza di chip

Il mercato dei PC ha avuto un ottimo primo trimestre, nonostante la carenza globale di chip semiconduttori. Società di ricerca Stime di Gartner che le spedizioni di “PC tradizionali”, ovvero laptop e desktop, sono aumentate del 32% rispetto al primo trimestre 2020 (attraverso CNBC). IDC pone il numero ancora più alto, stimando una crescita del 55% anno su anno. Questa sembra essere la continuazione di una tendenza: anche il mercato dei PC ha avuto un ottimo 2020.

Entrambe le aziende concordano sul fatto che la crescita è atipica: Gartner afferma che la crescita è la più rapida registrata da quando ha iniziato a monitorare il mercato nel 2000 e IDC afferma che il calo delle spedizioni dal quarto trimestre al primo trimestre è il più piccolo registrato dal 2012. anche i numeri sono impressionanti: Gartner stima che siano stati spediti poco meno di 70 milioni di PC, mentre IDC stima circa 84 milioni.

Ovviamente, questi numeri non esistono nel vuoto: potresti già aver capito che il periodo di tempo confrontato con, Q1 2020, era approssimativo per … beh, tutto, inclusa la produzione e la spedizione di PC. Ma mentre il confronto della crescita è decisamente inclinato a favore del primo trimestre del 2021, entrambe le aziende stimano che i numeri avrebbero potuto essere ancora più alti, se non fosse stato per la carenza di chip.

La carenza di silicio ha colpito quasi tutto, da camion e auto, console e mercato dei componenti per PC da gioco. Ci sono anche rapporti secondo cui Apple ha dovuto ritardare la produzione di MacBook e iPad. IDC sottolinea che la carenza ha contribuito all’aumento dei prezzi medi nel mercato dei PC e che è probabile che la carenza renderà i PC più difficili da ottenere per il resto dell’anno.

Vale anche la pena notare che la pandemia sta probabilmente influenzando anche la domanda e il ritorno alla normalità all’orizzonte potrebbe influenzare le abitudini di acquisto delle persone nei trimestri futuri. Se la domanda rimarrà o meno non è certo, ma sia IDC che Gartner sembrano pensare che lo farà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *