Hideki Matsuyama è la tranquilla superstar del golf


AUGUSTA, Ga. – Hideki Matsuyama si trovava domenica sera sul 18 ° green dell’Augusta National Golf Club, vincitore del Masters Tournament. Non c’era stato nessun salto verso il cielo, nessuna scalata catartica e celebrativa tra le braccia del suo caddie.

Solo una punta di cappello e un po ‘di abbracci: un riconoscimento discreto e al momento di un risultato fondamentale per Matsuyama, il primo golfista nato in Asia a rivendicare una giacca verde, e per il golf in Giappone.

“Quando è arrivato il putt finale, non stavo davvero pensando a nulla”, ha detto, aggiungendo che era felice per il suo caddie, Shota Hayafuji, perché era la sua prima vittoria.

“E poi, ha iniziato ad affondare”, ha detto Matsuyama, “la gioia di essere un campione Masters”.

Era caratteristico Matsuyama, l’uomo che sabato ha sfruttato la pioggia ritardata per giocare con il cellulare in macchina, il giocatore di golf che per anni ha spiazzato gli avversari pur apparendo deciso a evitare i riflettori.

“Non parla molto, ed è davvero solido”, ha detto Justin Thomas dopo il suo round, ma prima del trionfo di Matsuyama.

“Penso che sia un personaggio piuttosto intenso, in realtà, anche se non lo vediamo davvero”, ha detto Adam Scott, il vincitore del Masters 2013 che conosce Matsuyama da anni. “Voglio dire, e ossessivo per il suo gioco.”

“Ha giocato come un vincitore deve giocare”, ha detto Xander Schauffele, che era in coppia con lui per il round finale di domenica. “Era come un robot.”

Poco meno di sei piedi e con un peso di quasi 200 libbre, Matsuyama era stato celebrato in Giappone, dove iniziò a imparare il golf da suo padre, molto prima di salire al numero 2 al mondo, anche prima della sua vittoria all’Augusta National, che gli valse lui $ 2.070.000. Ha giocato per la prima volta nel Masters nel 2011, quando ha pareggiato per il 27 ° posto ed è stato incoronato dilettante basso. Ha sparato un 68 al terzo round, un viaggio attraverso il corso che ha detto è stato significativo per costruire la forza d’animo di cui avrebbe avuto bisogno al di fuori dei ranghi dilettanti.

“Mi ha dato la sicurezza di poter giocare qui”, ha detto. “Potrei giocare a golf professionistico come carriera.”

È entrato a far parte del PGA Tour nel 2013 e ha vinto alcuni tornei prima del successo nel 2017, quando è arrivato in cima alla classifica in tre eventi e si è piazzato secondo agli United States Open.

Fu quell’anno in cui il suo debole per la privacy divenne chiaro: annunciò di essersi sposato mesi prima e che lui e sua moglie avevano avuto un figlio.

“Nessuno mi ha davvero chiesto se ero sposato, o, sai, quindi non dovevo rispondere a questa domanda”, ha detto in una conferenza stampa del torneo. “Ma ho sentito che dopo il PGA sarebbe stato un buon momento, perché il nostro bambino è nato e ho pensato che sarebbe stato un buon momento per farlo sapere a tutti”.

La timidezza rimane. Alla domanda durante il fine settimana come si sentisse per la pandemia di coronavirus avendo tenuto più giornalisti lontani dai campi dell’Augusta National, ha risposto: “Sono contento che i media siano qui a coprirlo, ma non è la mia cosa preferita da fare, stare in piedi e rispondere alle domande. E quindi con meno media, è stato molto meno stressante per me e questa settimana mi è piaciuta “.

Ma negli anni prima di un’ascesa completa nell’élite del golf, in particolare in Giappone, Matsuyama era un giovane giocatore promettente in cerca di una guida, ricordava Scott.

“Allora ho scoperto che era davvero interessato a imparare tutto ciò che poteva”, ha ricordato Scott delle sue interazioni con un giovane Matsuyama durante la Presidents Cup 2013, la prima delle quattro in cui Matsuyama avrebbe gareggiato.

“Solo qualcuno che ha il desiderio di fare bene è quello che sembrava”, ha detto Scott in seguito. “Non aveva paura di fare le domande, e penso che questo dimostri. Per quanto timide possano essere alcune persone, il desiderio di fare bene mette in ombra la barriera linguistica o l’essere timidi o qualcosa del genere. “

Fino a domenica, tuttavia, era stato in una sorta di crisi, anche se era in testa al campionato dei giocatori nel 2020, quando il resto del torneo è stato annullato poiché il coronavirus ha preso piede negli Stati Uniti.

Quest’anno, ha detto Matsuyama, aveva con sé un allenatore dal Giappone che lo stava aiutando a migliorare il suo gioco.

“È stato di grande aiuto, un grande vantaggio”, ha detto Matsuyama sabato. “Cose che sentivo nel mio swing, potrei parlargli di questo.” Ha aggiunto: “Mi dà sempre un buon feedback. Ha un buon occhio. È come avere uno specchio per il mio swing, ed è stato di grande aiuto per me. Abbiamo lavorato sodo e, si spera, ora tutto sta iniziando a riunirsi “.

Domenica sera ad Augusta, lo ha fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *