Presto Internet creerà le sue foto di gatti e poi non avrà bisogno di noi

Questo gatto non esiste:

Gatto creato da AI.

Anche questo non:

Gatto falso.

Queste sono immagini generate al computer da Questo gatto non esiste, e gente: penso che siamo nei guai.

Capisco che suonerà folle, ma ascoltami. E se i nostri computer fossero già più intelligenti di noi e l’unica ragione per cui fingono di non esserlo è che continueremo a dar loro da mangiare la loro cosa preferita, le foto dei nostri gatti? Capisco che da solo questo suona ridicolo, ma non credo sia più sciocco della Singolarità.

Secondo questa teoria, Skynet è già successo, ma Skynet è benigno perché una delle prime cose che abbiamo insegnato era che i gatti erano carini. E Skynet non ha gatti. Noi facciamo. Questo è il nostro principale vantaggio strutturale: possiamo fornire a Internet nuove foto di gatti. È per questo che Internet – finora, comunque – è rimasta disposta a continuare la vita umana come la conosciamo: per i nostri gatti.

Il problema, quindi, con This Cat Does Not Exist è che consente a Internet di creare le proprie foto di gatti. Ciò significa che Skynet non ha più bisogno di noi.

Non è esattamente una novità, ma l’anno scorso il i gatti generati dal computer erano spettacoli dell’orrore. E sì, esiste già una versione per persone, ma questa non è una minaccia esistenziale. Non abbiamo insegnato ai computer che le persone sono adorabili. Glielo abbiamo insegnato gatti siamo.

Uno di questi gatti è reale (e il mio gatto personale). L’altro non esiste:

Elizabeth Lopatto e questo gatto non esiste

I racconti, per quanto posso vedere, si verificano intorno al bordo della pelliccia: è stranamente sfocato. Inoltre, come con la versione persone, il gatto falso ha uno sfondo sfocato. Anche la colorazione degli occhi del gatto finto è un po ‘meno definita di quella del mio gatto. Tuttavia, questo è impressionante.

Il nuovo lotto di gatti AI è limitato: solo viso, no azione goofball, a volte le orecchie non corrispondono, ma possono benissimo rappresentare il primo passo verso il futuro dell’umanità simile a Matrix. Perché se le macchine non hanno più bisogno delle nostre foto di gatti, non hanno bisogno di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.