In Europa, il gioco si surriscalda sugli inceneritori di rifiuti

Inoltre, ha avvertito Vähk, l’obiettivo dell’UE per i paesi di conferire in discarica non più del 10% dei rifiuti urbani entro il 2035 rafforzerà involontariamente l’appello degli inceneritori. “C’è molta pressione sulla riduzione al minimo delle discariche”, ha detto. Questo è preoccupante, “perché non vogliamo passare dalla discarica all’incenerimento”.

Tutto avviene come l’UE spingendo ridurre i rifiuti, in particolare la plastica, aumentando gli obiettivi di compostaggio e riciclaggio, imponendo che le bottiglie di plastica contengano il 30% di contenuto riciclato entro il 2030 e vietando, a partire da luglio, articoli monouso come posate, bicchieri e palette. L’UE ha anche adottato una nuova “economia circolare” Piano che mira a più lungo termine a incoraggiare una migliore progettazione del prodotto in modo che il riutilizzo e il riciclaggio siano più facili.

Il continuo incenerimento, sostengono i critici, potrebbe minacciare questi obiettivi. Una volta costruiti, dicono, gli inceneritori cannibalizzano il riciclaggio, perché i governi municipali sono spesso vincolati da contratti che rendono più economico bruciare i rifiuti che smistarli per i riciclatori.

Una nazione ora alle prese con l’eredità del suo lungo abbraccio all’incenerimento è la Danimarca. Il paese, uno dei maggiori produttori di rifiuti in Europa, ha costruito così tanti inceneritori che nel 2018 lo era importando un milione di tonnellate di spazzatura. Gli impianti generano il 5% dell’elettricità del paese e quasi un quarto del calore nelle reti locali, note come sistemi di teleriscaldamento, ha affermato Mads Jakobsen, presidente della Danish Waste Association, che rappresenta le autorità municipali e le società di smaltimento dei rifiuti.

Spingendo per raggiungere ambiziosi obiettivi di riduzione del carbonio, i legislatori danesi hanno concordato lo scorso anno di ridurre la capacità di incenerimento del 30% in un decennio, con la chiusura di sette inceneritori, mentre il riciclaggio è notevolmente aumentato. “È ora di smettere di importare rifiuti di plastica dall’estero per riempire gli inceneritori vuoti e bruciarli a scapito del clima”, disse Dan Jørgensen, ministro del clima del paese.

Ma concentrandosi solo sull’impronta di carbonio della Danimarca, ha detto Jakobsen, i politici del paese non erano riusciti a considerare cosa sarebbe successo ai rifiuti che la Danimarca rifiuta. E con i rimborsi del prestito ancora dovuti per molte piante, ha detto: “Sono anche preoccupato per i costi non recuperabili. Chi risponderà di quei costi? Saranno i cittadini del mio comune? “

Anche due regioni del Belgio stanno cercando di ridurre la capacità di incenerimento. Ma poche altre parti d’Europa stanno seguendo l’esempio. In effetti, alcuni paesi stanno progettando nuovi impianti. La Grecia, la Bulgaria e la Romania conferiscono in discarica la maggior parte dei loro rifiuti e probabilmente avranno bisogno di una maggiore capacità di incenerimento, ha affermato Razgaitytė. L’Italia e la Spagna sono tra le altre che potrebbero anche costruire nuovi impianti, ha detto.

Nell’Europa centrale e orientale, “c’è una pressione molto forte e un mercato redditizio per i nuovi inceneritori”, ha detto Paweł Głuszyński, della Society for Earth, un gruppo di difesa polacca. La Polonia ha ora circa nove inceneritori, più un numero simile di cementifici che utilizzano i rifiuti trasformati come combustibile, ha detto. Circa 70 nuovi progetti stanno cercando l’approvazione, ha detto, comprese le proposte per convertire le vecchie centrali a carbone per bruciare invece i rifiuti. Una scarsa applicazione in Polonia significa che le emissioni di tossine come diossine e furani spesso raggiungono livelli pericolosi, ha detto Głuszyński, ma serraggio Le norme dell’UE possono aiutare,

Anche la Gran Bretagna sembra intenzionata a portare avanti un’espansione della combustione, con dozzine di nuovi progetti in esame. Collettivamente, lo avrebbero fatto Doppio capacità di incenerimento attuale.

Ci sono indizi, tuttavia, che alcuni di ciò che è sul tavolo da disegno potrebbero non materializzarsi. Galles disse il mese scorso imporrebbe una moratoria sui nuovi grandi impianti di termovalorizzazione e prenderebbe in considerazione una tassa sull’incenerimento. A febbraio, Kwasi Kwarteng, segretario britannico per gli affari, l’energia e la strategia industriale, ha rifiutato la domanda per un nuovo inceneritore nel Kent, a est di Londra, sebbene abbia consentito l’ampliamento di un impianto esistente. Nella sua decisione, ha affermato che il progetto potrebbe ostacolare il riciclaggio locale, ragionamenti che hanno incoraggiato gli oppositori agli inceneritori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.