Nike e MSCHF stabiliscono una causa per Lil Nas X Satan Shoes

Nike e il collettivo Internet MSCHF hanno risolto la controversia sui marchi per una serie di sneakers Nike a tema Satana modificate in modo non ufficiale. Nessuna delle due società ha divulgato i termini dell’accordo. Ma a quanto pare include un’offerta per consentire ai clienti di restituire le loro “Satan Shoes” da $ 1.018 – o un paio di precedenti “Jesus Shoes” di MSCHF – per un rimborso completo.

In una dichiarazione a The Verge, Gli avvocati di MSCHF si sono detti “soddisfatti” dell’accordo sulle scarpe, che sono state progettate in collaborazione con il rapper Lil Nas X. “Con queste Satan Shoes – esaurite in meno di un minuto – MSCHF intendeva commentare l’assurdità di la cultura della collaborazione praticata da alcuni marchi e la perniciosità dell’intolleranza “, hanno detto gli avvocati. Hanno detto che il messaggio artistico è stato anche “potentemente” comunicato dalla canzone di Lil Nas X “Montero (Call Me By Your Name)” e “drammaticamente amplificato” dalla causa della Nike.

“Avendo già raggiunto il suo scopo artistico, MSCHF ha riconosciuto che l’accordo era il modo migliore per consentirle di lasciarsi alle spalle questa causa in modo da poter dedicare il proprio tempo a nuovi progetti artistici ed espressivi”.

Nike ha confermato l’accordo in una dichiarazione a The Verge. “MSCHF ha modificato queste scarpe senza l’autorizzazione di Nike”, ha detto la società. “Come parte dell’accordo, Nike ha chiesto a MSCHF, e MSCHF ha accettato, di avviare un richiamo volontario per riacquistare le scarpe Satan e le scarpe Jesus ai loro prezzi di vendita originali, al fine di rimuoverle dalla circolazione. Se un acquirente è rimasto confuso o se desidera restituire le scarpe, può farlo per un rimborso completo. Gli acquirenti che scelgono di non restituire le scarpe e in seguito riscontrano un problema, un difetto o un problema di salute del prodotto devono contattare MSCHF, non Nike “.

Non è chiaro quanti, se ce ne sono, gli acquirenti restituiranno un paio di scarpe in edizione limitata il cui valore è stato probabilmente aumentato da un’importante campagna pubblicitaria intorno a loro.

Nike ha citato in giudizio MSCHF per le Satan Shoes la scorsa settimana, dicendo che le sneakers – che MSCHF ha impreziosito con inchiostro, cuciture personalizzate, un ciondolo a forma di pentagramma e (presumibilmente) una goccia di sangue – avevano ingannato gli acquirenti e il pubblico facendogli credere che Nike stesse “sostenendo il satanismo. ” MSCHF ha ribattuto definendo le scarpe un commento artistico protetto sulla “cultura della collaborazione estrema” e ha detto che tutte le 666 paia di Satan Shoe erano già state spedite, con la finale prevista per un omaggio ai fan di Lil Nas X. Tuttavia, Nike ha vinto il primo round di una battaglia giudiziaria, con un giudice che ha concesso un’ordinanza restrittiva temporanea contro MSCHF.

Il caso Satan Shoes avrebbe potuto costituire un precedente per il modo in cui i tribunali trattano i prodotti firmati “riciclati” e pesantemente modificati. Ma una soluzione silenziosa ha senso per Nike, che apparentemente era motivata da pubblicità avversa e potenziale danno alla sua reputazione. (Non ha presentato una causa simile quando le Jesus Shoes sono state rilasciate nel 2019, anche se la scorsa settimana ha detto che hanno anche violato il suo marchio.)

Nel frattempo, MSCHF manterrà apparentemente la proprietà di quella coppia finale. “Posso dire che MSCHF intende mantenere l’ultima delle 666 scarpe; purtroppo, non sarà in grado di permettere a Lil Nas X di regalare quella scarpa, come aveva intenzione di fare “, hanno detto gli avvocati di MSCHF.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *