DoorDash e Grubhub ora hanno a che fare con ristoranti impostori che vendono carne costosa

Ordinare la consegna tramite un’app come DoorDash o GrubHub evita il fastidio di cucinare e ti consente di essere un po ‘schizzinoso: puoi ordinare dal tuo ristorante preferito. Ma immagina di ricevere il tuo cibo, sederti a mangiare e assaggiarlo … diverso. E poi, seguendo il tuo istinto, scopri di essere stato ingannato da un falso, un ristorante impostore che ha rubato il suo nome. Per molte persone che ordinano da due ristoranti giapponesi a San Francisco, potrebbe essere accaduta proprio quella cosa, Il San Francisco Chronicle rapporti.

Un ristorante, ora in stile izakaya chiamato Chome, originariamente aperto per la consegna e il cibo da asporto nell’ex sede del Blowfish Sushi. Tranne che non si è preoccupato di cambiare il nome, la tenda da sole o il logo all’inizio. Chome, operando come se fosse Blowfish Sushi, serviva sushi a chi ordinava tramite app come GrubHub, Postmates, DoorDash e Uber Eats usando l’identità di un ristorante che ha chiuso a dicembre 2020. Prima di chiudere, Blowfish Sushi aveva servito il suo quartiere per due decenni.

L’ex proprietario di Blowfish, Jason Teplitsky, non era esattamente entusiasta. “Come fa qualcuno a decidere di fare qualcosa del genere? Pensavano che avessimo tutti il ​​COVID e siamo morti? ” Teplitsky dice al Cronaca.

Forse non sorprende che la vera Wagyumafia sia famosa per il suo uso di carne di manzo wagyu
Foto: Wagyumafia

Un altro falso ristorante, SF Wagyumafia, condivide il nome di una famosa paninoteca noto per il suo sandwich wagyu da $ 180 e le posizioni a Tokyo e Hong Kong. Questo ristorante di San Francisco non ha alcun collegamento con la catena reale, secondo il vero Wagyumafia, ma pubblicizzava il panino da $ 180. Il falso era abbastanza convincente da ingannare inizialmente uno scrittore di cibo, il Cronaca scrive. Quando ordini tramite un’app senza alcun modo reale per valutare cosa stai facendo, cosa puoi fare se non prendere in parola un ristorante?

A prima vista, entrambi questi ristoranti potrebbero sembrare schemi di cucina fantasma andato storto. Apparentemente sono focalizzati sulla consegna, facilmente accessibili tramite le app più popolari e di origine sconosciuta. Ma copiare sfacciatamente altri ristoranti famosi al punto che le persone scambiano l’uno per l’altro, o pensano che un classico sia improvvisamente riaperto, sembra più una semplice frode. Il nuovo “Blowfish Sushi” è persino registrato come Blowfish presso la città di San Francisco, il che fa sembrare che il proprietario sapesse cosa stavano facendo.

Teplitsky e l’originale Wagyumafia stanno prendendo in considerazione un’azione legale, secondo il Cronaca.

In risposta alle preoccupazioni sulla legittimità di entrambi i ristoranti, DoorDash e GrubHub hanno rimosso Wagyumafia e Blowfish Sushi dai loro elenchi, il Cronaca scrive. Non sono riuscito a trovare un elenco per nessuno dei ristoranti su Postmates o Uber Eats.

DoorDash, Postmates, GrubHub e Uber Eats non hanno risposto alle nostre domande su come verificano le schede dei ristoranti in primo luogo o non sono stati in grado di dirci se hanno protezioni specifiche per impedire a un ristorante di rubare quello di un altro ristorante nome.

GrubHub ha almeno risposto con una descrizione generica delle sue pratiche:

Non tolleriamo comportamenti scorretti o usi impropri della piattaforma Grubhub. Disponiamo di una serie di misure di sicurezza per prevenire inserzioni potenzialmente fraudolente sul nostro mercato e miglioriamo costantemente i nostri processi e testiamo nuove funzionalità per prevenire queste situazioni. Nel caso di inserzioni che potrebbero essere fraudolente, le indaghiamo immediatamente e le rimuoviamo dal mercato se sono effettivamente fraudolente.

Nel caso di GrubHub, afferma che una frode come questa non è molto diffusa, ma afferma che non è in grado di spiegare esattamente come previene la quotazione fraudolenta perché così facendo i suoi metodi non sarebbero più utili.

I ristoranti falsi non sono le uniche sorprese che potenzialmente ti aspettano nelle app di consegna di cibo: alcuni marchi legittimi hanno anche cercato di attirare i commensali cambiando il loro nome per la consegna. Ricorda, quella pizza che acquisti da Pasqually’s in realtà proviene da Chuck E. Cheese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *