Recensione Realme 8 Pro: quali sono le prospettive per l’imaging di smartphone di fascia media

Realme 8 Pro è un telefono Android buono ed economico che probabilmente non dovresti acquistare in questo momento, almeno se sei negli Stati Uniti. Ma è anche un’anteprima delle cose positive che arriveranno alla classe media, soprattutto in termini di hardware della fotocamera. Ho visto il futuro dell’imaging per smartphone intorno al prezzo di $ 400, ed è buono.

Se non hai familiarità, Realme è un’azienda cinese che ha iniziato come sottomarca di Oppo; come OnePlus, è stata fondata da un ex vicepresidente di Oppo. I suoi telefoni sono venduti in Cina, India ed Europa. Anche se tecnicamente puoi acquistare una versione globale del telefono e usarlo negli Stati Uniti, ma non lo consigliamo. Non è compatibile con molte delle bande 4G che utilizziamo negli Stati Uniti, quindi la copertura non sarà eccezionale.

L’8 Pro utilizza un sensore Samsung da 108 megapixel relativamente nuovo. Ha lo stesso numero di pixel della fotocamera principale del Galaxy S21 Ultra, ma un chip diverso e più piccolo progettato per telefoni più economici. Come nell’S21 Ultra, lo scopo di questa tecnologia non è quello di scattare immagini da 108 megapixel (anche se puoi farlo se lo desideri). Serve a combinare le informazioni di gruppi di pixel per creare un’immagine finale da 12 megapixel ottimizzata.

Ci sono altri motivi per apprezzare Realme 8 Pro. Considerando il suo prezzo di £ 279 (circa $ 380), le prestazioni sono molto buone, grazie a una forte combinazione nel suo processore Snapdragon 720G e 6 GB di RAM. La durata della batteria è buona e il telefono supporta la ricarica cablata rapida da 50 W. A seconda di come ti senti riguardo all’ispirazione per il marchio aziendale, immagino che il “DARE TO LEAP” stampato sul retro del telefono potrebbe essere un vantaggio (non il mio genere, personalmente).

Ma la fotocamera mi ha impressionato di più ed è un componente che probabilmente si farà strada in molti altri telefoni di fascia media venduti in tutto il mondo. Diamo uno sguardo più da vicino.

Realme 8 Pro

L’8 Pro offre fotocamere standard larghe e ultrawide, oltre a moduli di rilevamento macro e profondità.

Fotocamera Realme 8 Pro

Se hai bisogno di un promemoria in qualsiasi punto del numero di pixel offerti dalla fotocamera principale, puoi semplicemente guardare il retro del telefono dove troverai “FOTOCAMERA QUAD DA 108 MP” incisa sul dosso della fotocamera. Nello specifico, si tratta del sensore Isocell HM2 da 1 / 1,52 pollici di Samsung accoppiato con un obiettivo f / 1,9.

Sfortunatamente, non c’è stabilizzazione ottica dell’immagine qui, ma forse a causa dei trucchi di elaborazione delle immagini che questo sensore ad alta risoluzione può ottenere, non ho notato un numero significativo di scatti sfocati che OIS potrebbe aver corretto. Altre fotocamere posteriori includono una ultrawide da 8 megapixel, una macro da 2 megapixel e una fotocamera con rilevamento della profondità da 2 megapixel. C’è una fotocamera selfie da 16 megapixel sul davanti.

La fotocamera principale è in grado di fare un paio di cose interessanti. In piena luce diurna, può utilizzare tutti i 108 milioni di pixel individualmente, utilizzando pixel diversi per catturare la scena a più livelli di esposizione contemporaneamente e combinando le informazioni in un’immagine finale da 12 megapixel. In condizioni di scarsa illuminazione, la fotocamera cambia le cose e utilizza il binning per combinare i pixel in gruppi di nove, trasformando effettivamente i singoli pixel relativamente piccoli – 0,7μm per la precisione – in pixel molto più grandi di 2,1μm, che aiuta a produrre immagini meno rumorose.

Le foto in piena luce sembrano buone come previsto. C’è una quantità impressionante di dettagli catturati, anche se una nitidezza eccessiva è evidente se si ingrandisce al 100 percento. I colori sono un po ‘troppo saturi per i miei gusti; non c’è quantità di fertilizzante per prato al mondo che renderebbe il mio giardino verde come pensa l’8 Pro. Sembra più incline a questa sovrasaturazione con i paesaggi ed è fortunatamente meno aggressivo con le foto in modalità ritratto. Le foto in modalità Ritratto hanno un bell’aspetto e apprezzo che la fotocamera non ritagli quando si passa a questa modalità.

La scarsa illuminazione interna e la scarsa illuminazione sono i punti in cui le fotocamere dei telefoni in genere fanno fatica, ma l’8 Pro offre prestazioni impressionanti in queste condizioni. Con un’illuminazione moderata, le immagini sono sorprendentemente dettagliate e mostrano poco rumore. La modalità notturna della fotocamera farà emergere ancora più dettagli, sebbene applichi una quantità di nitidezza e contrasto che distrae.

Francamente, avevo poche aspettative per lo zoom digitale 3x dell’8 Pro, ma sono lieto di annunciare che è molto meglio di quanto temessi. Con una buona luce e anche con un’illuminazione interna moderata, le immagini mostrano molti dettagli e ho difficoltà a trovare gli artefatti sgradevoli che di solito compaiono nelle immagini ingrandite digitalmente.

Sinistra: zoom digitale 3x, ritaglio al 100%. A destra: immagine da 108 megapixel, ritaglio al 100%.

La fotocamera non si limita a ritagliare un’immagine da 108 megapixel. Confrontandoli fianco a fianco al 100 percento, una foto scattata con lo zoom digitale 3x mostra più dettagli e sembra meno rumorosa di un ritaglio di un’immagine da 108 megapixel. I poteri di pixel binning del Samsung HM2 vengono messi al lavoro anche qui, e il risultato è uno zoom digitale che vale davvero il tuo tempo.

Non ci sono così tante notizie entusiasmanti da segnalare sulle altre fotocamere dell’8 Pro; fanno proprio bene. La ultrawide è soggetta ad alcuni cambiamenti di colore sottili ma sgradevoli: il bilanciamento del bianco può distorcere troppo il caldo e il cielo blu a volte sembra un po ‘grigio. La fotocamera macro è un sensore a bassa risoluzione che è poco più di un espediente e la fotocamera selfie per fortuna evita di smussare eccessivamente i volti con l’impostazione predefinita. Tutto giusto per un telefono a questo prezzo.

Il processore dell’8 Pro e la combinazione di RAM sono più che sufficienti per le attività quotidiane e lo scorrimento.
Foto di Allison Johnson / The Verge

Prestazioni e schermo di Realme 8 Pro

Al di fuori delle fotocamere, il Realme 8 Pro è un telefono di fascia media completamente capace. La durata della batteria è sufficiente per superare una giornata di utilizzo da moderato a intenso e la summenzionata combinazione processore / RAM gestisce lo scorrimento e le attività quotidiane delle app con facilità. L’OLED 1080p da 6,4 pollici con frequenza di aggiornamento standard di 60Hz va bene ma niente di speciale, e ho dovuto combattere con la luminosità automatica insistendo per rendere lo schermo troppo scuro in un paio di occasioni.

C’è il marchio appariscente sul retro del dispositivo, che è il tuo genere di cose o no. Realme 8 Pro non supporta affatto il 5G, il che è qualcosa da considerare se sei nel Regno Unito e stai pensando di acquistare il telefono.

La mia più grande lamentela, tuttavia, è con il sensore di impronte digitali in-display ottico. Direi che almeno un terzo delle volte quando ho sbloccato il telefono è stato necessario più di un tentativo per leggere il mio dito. Un paio di volte, entrambe fuori in pieno giorno, si è arreso e mi ha fatto inserire il PIN. Se questo fosse il mio telefono per sempre, probabilmente salterei il sensore di impronte digitali e mi limiterò a un PIN, personalmente.

Il Realme 8 Pro è il tipo di telefono di fascia media che non vediamo molto spesso negli Stati Uniti: ottime prestazioni e specifiche decenti a tutto tondo combinate con un’eccellente fotocamera, il tutto per quello che equivarrebbe a un prezzo inferiore a $ 400.

I telefoni che soddisfano questa descrizione sono sorprendentemente scarsi negli States; in effetti, il suo equivalente più vicino è probabilmente il Pixel 4A, che abbiamo consigliato come il miglior telefono Android a basso costo essenzialmente da quando è diventato disponibile la scorsa estate. L’8 Pro fa un passo oltre il 4A per alcuni aspetti offrendo una fotocamera posteriore ultrawide e una ricarica rapida. Se fosse così, probabilmente preferiremmo ancora il Pixel per il suo ottimo supporto per i dispositivi e l’eccellente fotocamera posteriore solitaria.

Se vivi nel Regno Unito e non ti interessano molto le specifiche del display leader della categoria e la mancanza del 5G non ti infastidisce, l’8 Pro ha una fotocamera e un processore che manterranno il passo per molti anni a venire. Per il resto di noi, l’8 Pro è (si spera) un segno di un buon hardware della fotocamera in arrivo presto.

Fotografia di Allison Johnson / The Verge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *