Expedia lancia un nuovo strumento per controllare le restrizioni sui viaggi per il coronavirus

Mentre sempre più persone vengono vaccinate contro il coronavirus e il clima primaverile convince le persone a uscire, stiamo tutti pensando a quei piani di viaggio che abbiamo accantonato la scorsa estate. Ma con le restrizioni di viaggio COVID-19 che variano in base al paese e allo stato negli Stati Uniti, è difficile capire cosa è sicuro e quali sono le regole più recenti. Il gruppo Expedia – i cui siti web di agenti di viaggio online (OTA) includono Expedia, Vrbo, Travelocity, Hotels.com e altri – ha creato uno strumento per aiutare i viaggiatori a pianificare i viaggi rispettando le restrizioni COVID-19 nelle loro destinazioni.

“In questo momento, molte persone stanno prendendo in considerazione la prenotazione di viaggi mentre l’implementazione del vaccino COVID-19 continua, ma allo stesso tempo sono sommerse da informazioni contrastanti su dove e come possono viaggiare in sicurezza”, Stacey Symonds, senior director of experience di Expedia approfondimenti, ha detto in una e-mail a The Verge. L’azienda afferma che 1,6 milioni di viaggiatori hanno partecipato a un progetto pilota del suo COVID-19 Travel Advisor a novembre.

Per utilizzare lo strumento Travel Advisor, inserisci gli aeroporti di partenza e di arrivo e le date del viaggio e ti dirà se sono in vigore restrizioni, qual è la politica di quarantena, se è necessario mostrare la prova di un test COVID-19 negativo e la politica della maschera a destinazione e al tuo ritorno.

Travel Advisor mostra le restrizioni COVID-19 per un viaggio dell’8 maggio da Boston a Toronto.

Nella sua ultima guida del 2 aprile, il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomanda ai viaggiatori statunitensi di ritardare il viaggio fino a quando non saranno completamente vaccinati. Una volta vaccinato, il CDC afferma che puoi viaggiare in sicurezza negli Stati Uniti e non è necessario metterti in quarantena prima o dopo il viaggio. I viaggiatori completamente vaccinati non devono sottoporsi a test prima o dopo i loro viaggi, a meno che non sia richiesto a destinazione. Il CDC rileva che tutti i passeggeri che entrano negli Stati Uniti, inclusi i cittadini statunitensi di ritorno, devono avere una prova di guarigione dall’infezione da COVID-19 o un risultato negativo del test COVID-19.

Al momento della stesura di questo documento, agli americani è ancora vietato viaggiare verso molte destinazioni, in particolare in Europa. Il New York Times compilato un elenco dei paesi che hanno consentito ai visitatori americani a partire dal 1 aprile e il CDC ha una mappa mostrando dove viaggiare può essere particolarmente rischioso a causa del coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *