Ohtani lancia 101 MPH Fastball e colpisce Homer da 451 piedi


Shohei Ohtani aveva stuzzicato come lanciatore e come battitore in passato, ma non aveva mai fatto entrambe le cose nella stessa partita fino a domenica sera. Infine, mettendo in mostra il suo arsenale in prima serata, Ohtani, la star giapponese dei Los Angeles Angels, ha abbagliato con 100 miglia all’ora e ha anche colpito il fuoricampo più duro di qualsiasi battitore finora in questa stagione.

La sua giornata emozionante si è conclusa con una scena spaventosa: Ohtani a terra dolorante, dopo che gli sono stati tolti i piedi da sotto. mentre cercavo di coprire il piatto di casa. Dopo che gli angeli si sono radunati nella parte inferiore della nona per battere i White Sox, 7-4, Ohtani è rimasto con una caviglia dolorante e una delle decisioni più selvagge che incontrerai.

“Quello che ha fatto stasera è stato davvero speciale, e ne vedrete molto di più”, ha detto ai giornalisti il ​​manager Joe Maddon dopo la partita. “E ‘stato divertente guardare. Penso che tutti si siano divertiti. Questo è ciò per cui si è iscritto e ne vedrai di più “.

Il finale imbarazzante per Ohtani – gli Angeli hanno detto che stava bene – ha leggermente rovinato un gioco che si era trasformato in una celebrazione di un giocatore che era stato paragonato a Babe Ruth quando era arrivato per la prima volta negli Stati Uniti dal Giappone.

L’impostazione di domenica è stata senza precedenti negli ultimi decenni. Ohtani iniziò sul tumulo e batté per secondo, il primo per un lanciatore dal 1903. Ed era chiaramente all’altezza dell’onore, schiacciando un fuoricampo di 451 piedi sul primo tiro che vide da Dylan Cease di Chicago.

La velocità di uscita sull’esplosione di Ohtani era di 115,2 mph, che non è solo il fuoricampo più colpito della stagione, ma è anche il più duro registrato da un giocatore degli Angels da quando i dati di Statcast hanno iniziato a essere raccolti nel 2015.

Per buona misura, Ohtani ha anche lanciato nove tiri che hanno superato i 100 mph in più di quattro inning di lavoro, raggiungendo il 101,1 su una palla veloce ad Adam Eaton nel quarto inning che ha portato a un groundout. È stato il lancio più veloce lanciato da un lanciatore titolare di baseball in questa stagione.

L’ultima riga di Ohtani per la giornata:

  • Come lanciatore: 4 inning, due hit, tre run (uno guadagnato), sette strikeout, cinque walk

  • Come pastella: 1 per 3, 451 piedi solo homer

“Sono contento di aver avuto questo gioco sotto la cintura”, ha detto Ohtani ai giornalisti attraverso il suo interprete. “Porterà a una maggiore fiducia.”

Ha aggiunto: “Non ho intenzione di dimostrare che i dubbiosi si sbagliano o altro”.

La decisione di far battere Ohtani per se stesso in una partita di AL è stata insolita – solo altri due lanciatori titolari hanno battuto per se stessi in una partita della Lega americana da quando il battitore designato è stato introdotto nel 1973 – ma la scelta di farlo colpire così in alto nella battuta l’ordine era molto più raro, indipendentemente dalla lega.

Ohtani è stato il primo lanciatore titolare a battere per primo o per secondo in una partita da quando Jack Dunleavy lo fece per i St. Louis Cardinals nel 1903. Dunleavy, un giocatore a due vie che serviva regolarmente come difensore destro e lanciatore titolare, iniziato al lanciatore e battuto secondo nella seconda partita di un doubleheader su 7 settembre 1903. Il suo doppio gioco non è andato bene: è andato 0 su 4 e ha concesso sette run in una sconfitta per 7-3 contro i Cincinnati Reds.

Mentre le abilità di Ohtani come lanciatore e battitore erano ben note molto prima che arrivasse negli Stati Uniti, aveva sempre impiegato un battitore designato durante le sue partenze sul tumulo, prendendosi anche un giorno extra come battitore prima dei giorni in cui era. programmato per lanciare. Ma dopo che i problemi al gomito lo hanno portato a essere limitato a solo due partenze sul monticello nelle ultime due stagioni, ha riferito di essersi accampato in piena salute questa primavera e hanno cominciato a circolare voci che avrebbe battuto se stesso nei giorni in cui ha iniziato.

“Non ti piace?” Maddon aveva già detto ai giornalisti quando gli è stato chiesto della decisione di Ohtani di battere nei giorni in cui lancia. “Questo è tutto lui. È stato lui a decidere che poteva farlo “.

Le basi sono state caricate al quinto inning quando Ohtani ha lanciato una corsa con un tiro selvaggio, riducendo il vantaggio degli Angels al 3-1. Poi è sembrato sfuggire a ulteriori guai quando, con due out e runner in seconda e terza, ha eliminato Yoan Moncada con uno splitter. Ma il ricevitore Max Stassi non è riuscito a prendere la palla, con conseguente decollo di Moncada per la prima base.

Il tiro di Stassi in prima posizione è stato abbastanza folle che il corridore al terzo posto ha segnato mentre Jose Abreu, la prima base supersize di Chicago, ha girato terzo e si è diretto a casa. Ohtani coprì diligentemente il piatto, ma dovette allungarsi ben al di sopra della sua testa per un tiro in ritardo. Mentre Ohtani cadeva a terra, la scivolata di Abreu lo portò direttamente nella gamba sinistra del lanciatore, mandando Ohtani a terra con una smorfia di dolore. È stato immediatamente rimosso dal gioco.

Anche se non c’era nulla di insolito nella diapositiva di Abreu, la commedia sembrava certamente spaventosa per Ohtani. Ma poco dopo che Ohtani è stato rimosso dal gioco, ESPN ha riferito che la squadra aveva detto che stava bene. Gli angeli hanno riferito che aveva solo un dolore generale e che sarebbe stato rivalutato lunedì.

“Non riesco davvero a individuare esattamente dove mi ha colpito, ma mi ha tolto le gambe, fondamentalmente, da qualche parte intorno al mio polpaccio”, ha detto Ohtani. “Ci sono atterrato, ma l’impatto non è stato così grave come sembrava inizialmente.

“Per quanto riguarda domani, dovrà parlare con il personale di formazione.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *