La crittografia non è mai stata così essenziale o minacciata

Data la natura globale di Internet, le decisioni prese da alcuni paesi riguardano tutti noi. Le potenze straniere l’hanno già fatto dati personali rubati legato alla metà di tutti gli americani. Negli ultimi sei mesi, abbiamo visto attacchi devastanti ai server delle principali aziende e governi che continuano a utilizzare la posta elettronica non sicura. Le conseguenze di questi attacchi possono manifestarsi nel corso di una vita.

Per la maggior parte della storia umana, ci siamo sentiti liberi di confidarci l’un l’altro sulle nostre famiglie, sul nostro lavoro, sulle nostre speranze e sulle nostre paure. Quel senso di libertà deriva dalla consapevolezza che una volta che le nostre parole hanno lasciato le nostre labbra, non sono state registrate.

Ma se nulla online è privato e ogni conversazione oggi è online, allora nessuna conversazione è privata. Ciò ci lascerebbe con due scelte: o comunichiamo faccia a faccia, o ci arrendiamo a qualsiasi aspettativa di essere soli.

Non è un modo realistico di vivere. Trasportiamo e controlliamo i nostri telefoni dal momento in cui ci svegliamo fino al momento in cui andiamo a dormire. In caso di emergenza, il tuo telefono è probabilmente una delle prime cose che afferri.

Solo perché abbiamo notevolmente migliorato la tecnologia che ci consente di comunicare con persone lontane non significa che la nostra privacy debba andare via. Le macchine oggi potrebbero consentire a qualcun altro di vedere e sentire cosa stiamo facendo e cosa abbiamo detto, ma questo non significa che dovrebbero.

Questo è ciò che rende la crittografia end-to-end così preziosa. Per quanto complessa e avanzata sia, l’idea alla base ha migliaia di anni. La crittografia iniziale consentiva alle persone di comunicare in modo sicuro, ma solo se si erano già scambiate una “chiave” segreta in anticipo.

Ma non è pratico nel mondo di oggi. Scambiare “chiavi” segrete con tutti quelli che conosci in anticipo e rintracciarle da solo sarebbe noioso nella migliore delle ipotesi. La tecnologia moderna ha reso tutto questo senza soluzione di continuità. La crittografia end-to-end che WhatsApp utilizza scambia automaticamente la “chiave” direttamente sui dispositivi fisici del mittente e del destinatario e da nessun’altra parte. Ogni singolo messaggio ha il suo lucchetto e la sua chiave separati.

Non sorprende, quindi, che molte aziende tecnologiche abbiano aggiunto la crittografia end-to-end e che dall’inizio della pandemia, molte altre si siano affrettate ad aggiornare i loro sistemi per proteggere il volume crescente di comunicazioni critiche che avvengono digitalmente.

Sapere che puoi comunicare in modo confidenziale al di là del suono della tua voce è importante. Consente ai medici di vedere i pazienti a distanza, aiuta i militari a proteggere i segreti operativi, sostiene le persone che costruiscono attività e protegge i giornalisti portando alla luce informazioni importanti. Ci consente anche di avere conversazioni più private con le persone a cui teniamo, fiduciosi di poter parlare con le persone più vicine a noi senza paura che qualcuno ci stia ascoltando.

La crittografia end-to-end impedisce alle aziende tecnologiche di accedere a informazioni particolarmente sensibili e per una buona ragione. Nel 2019, il Dipartimento di Giustizia ha presentato accuse in un caso dove le persone legate all’Arabia Saudita stavano presumibilmente spiando i dissidenti utilizzando strumenti di accesso interno. Con la crittografia end-to-end, anche i dipendenti non hanno la possibilità di accedere ai messaggi privati, per nessun motivo. Ciò ha causato frustrazione con governi che desiderano che le aziende tecnologiche forniscano messaggi privati ​​nell’ambito di un procedimento legale.

Alcuni governi stanno onestamente cercando di combattere il crimine e guardando al drammatico aumento della tecnologia nelle nostre vite come potenziale fonte di nuove prove. La loro critica è che la crittografia end-to-end rende più difficile per le forze dell’ordine trovare prove di un crimine e più difficile per le aziende monitorare le chiamate e i messaggi delle persone per fare riferimento alle forze dell’ordine. Ma questo sta esaminando un problema in isolamento. Non è mai stato possibile o facile accedere alle conversazioni private della maggior parte delle persone quando avvenivano fisicamente anziché digitalmente. Non dovremmo presumere che solo perché la tecnologia rende qualcosa più facile da fare, dovremmo farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *