Questo fiume in Canada è ora una “persona giuridica” | Notizie sull’ambiente


Montreal, Canada – Jean-Charles Pietacho afferma che la convinzione che la natura sia un essere vivente che deve essere rispettato, è stata al centro dello stile di vita degli Innu per generazioni.

Ma ora, quell’idea è stata applicata in un modo nuovo poiché il Consiglio Innu di Ekuanitshit a febbraio ha riconosciuto il fiume Magpie, un corso d’acqua di 300 km (186 miglia) nella regione della Cote Nord della provincia canadese del Quebec, come “persona giuridica” .

La designazione – la prima in Canada – mira a fornire alla comunità indigena uno strumento aggiuntivo per difendere il fiume, noto come Muteshekau Shipu nella lingua Innu, da potenziali danni ambientali.

“Il Creatore ci ha messo su questo pezzo di territorio chiamato Nitassinan, che comprende tutti questi fiumi, tutte queste montagne, tutti questi alberi”, ha detto ad Al Jazeera in un’intervista telefonica Pietacho, capo del Consiglio Innu di Ekuanitshit. “Il popolo Innu ha sempre creduto che tu dovessi proteggere la terra. È acqua, è vita. “

Il fiume Magpie, che si trova sulla sponda nord del fiume St Lawrence ed è noto per le sue forti rapide, ha attualmente una diga idroelettrica, ma l’autorità provinciale per l’energia ha detto che non ha piani per ulteriori sviluppi sul corso d’acqua.

“Nonostante ciò, non ci sentivamo sicuri, non avevamo una fiducia totale”, ha detto Pietacho.

“È molto, molto importante per noi essere arrivati ​​a questa protezione. Potrebbe essere testato, ma almeno abbiamo una maggioranza, se non l’intera regione, che ci sostiene “.

Amministrazione indigena

Il Magpie è il primo fiume in Canada a ricevere diritti di personalità giuridica – attraverso risoluzioni gemelle adottate dal Consiglio Innu di Ekuanitshit e da un ente locale, il comune della contea regionale di Minganie – ma non è chiaro cosa accadrebbe se la designazione fosse testata in un Tribunale canadese.

Tra le altre cose, la risoluzione afferma il “diritto del fiume di vivere, esistere e scorrere”, di evolversi in modo naturale, di essere protetto dall’inquinamento, di mantenere la sua integrità e di intraprendere azioni legali. Dice che presto saranno nominati “guardiani del fiume” per garantire che tali diritti siano rispettati.

La decisione arriva quando un movimento chiamato “diritti della natura” ottiene l’attenzione globale.

I fautori dell’idea, presentati in un articolo del 1972 di Christopher D Stone intitolato Should Trees Have Standing? Verso i diritti legali per gli oggetti naturali, affermano che gli attuali sistemi legali spesso non riescono a proteggere l’ambiente.

Il fiume Magpie è noto per le sue forti rapide [Courtesy Uapukun Metokosho/International Observatory on the Rights of Nature]

Invece di trattare la natura come una proprietà ai sensi della legge, vogliono che mantenga una posizione legale da sola, in altre parole, diritti legalmente applicabili simili a quelli degli esseri umani o delle società. A seconda di come viene inquadrato un caso specifico, l’obbligo spetta quindi agli attori specifici di garantire che i diritti legali della natura non vengano violati.

Tribunali, vari livelli di governo e altri organi decisionali in paesi di tutto il mondo hanno riconosciuto i diritti di personalità degli ecosistemi in modi diversi negli ultimi anni: nel 2017, un tribunale in India ha stabilito che i fiumi Gange e Yamuna dovrebbero essere concesso gli stessi diritti legali delle persone. La Corte costituzionale della Colombia ha dichiarato nel 2016 che il fiume Atrato nel nord-ovest del paese era un “soggetto di diritti”.

Oltre un decennio prima, l’Ecuador nella sua costituzione del 2008 ha riconosciuto il diritto della natura di esistere, mantenere e rigenerarsi. “Tutte le persone, comunità, popoli e nazioni possono invitare le autorità pubbliche a far rispettare i diritti della natura”, si legge nella costituzione.

Gli esperti dicono che le comunità indigene in tutto il mondo – dove l’idea che la natura abbia diritti intrinseci è di vecchia data – sono emerse in prima linea in molte delle campagne per garantire lo status di persona ai corpi idrici e ad altri ecosistemi.

“I diritti della natura, nel contesto ecuadoriano, sono molto legati alle visioni del mondo di vari gruppi indigeni … di enfatizzare l’interconnessione degli ecosistemi e del mondo sociale”, ha detto Maria Akchurin, assistente professore di sociologia alla Loyola University di Chicago, che ha studiato il caso dell’Ecuador.

Akchurin ha detto ad Al Jazeera che mentre l’Ecuador è uno dei principali esportatori di petrolio della regione e ha un settore minerario in crescita, è anche estremamente biodiversità – e il riconoscimento costituzionale è arrivato tra le tensioni di fondo tra sviluppo economico, protezione ambientale e diritti degli indigeni nel paese.

Gli indigeni in Ecuador tengono uno striscione con la scritta “Vota sì”, durante una manifestazione a sostegno di un referendum per l’approvazione della costituzione del paese del 2008 [File: Guillermo Granja/Reuters]

La personalità giuridica per la natura è stata finora in gran parte simbolica, ha aggiunto, sebbene possa offrire ai gruppi sociali e alle comunità un nuovo modo per inquadrare la loro opposizione ai progetti estrattivi, soprattutto perché i diritti della natura hanno iniziato ad essere applicati dai tribunali. “Ma in termini di fermare effettivamente i progetti è difficile dire se è stato davvero efficace”, ha detto Akchurin.

“Penso che sia un’ottima conversazione da avere, penso che sia estremamente preziosa e penso che possa funzionare in ambienti particolari; ma dovremmo anche essere consapevoli che il solo fatto di avere diritti sulla carta non si traduce necessariamente in un cambiamento concreto sul campo immediatamente “.

Nuova Zelanda

Forse i casi più importanti sono stati in Nuova Zelanda, dove il fiume Whanganui – il terzo fiume più lungo del paese, situato nell’Isola del Nord – è stato riconosciuto come “entità giuridica” nel 2017 come parte di un accordo negoziato tra il governo e il Popolo Maori. L’entità giuridica, denominata Te Awa Tupua, “ha tutti i diritti, poteri, doveri e responsabilità di una persona giuridica”, si legge nell’accordo.

Tre anni prima, anche in trattative con i leader maori, la Nuova Zelanda ha riconosciuto allo stesso modo Te Urewera, un ex parco nazionale, come “entità legale”. Ha anche raggiunto un accordo nel 2017 con le tribù Maori per riconoscere come persona la montagna Taranaki sull’Isola del Nord. Sono in corso trattative per l’attuazione di quest’ultimo accordo.

Il Whanganui_River è il terzo fiume più lungo della Nuova Zelanda [Courtesy: Creative Commons]

Jacinta Ruru, professoressa di diritto presso l’Università di Otago e co-direttrice di Nga Pae o te Maramatanga, il Centro di eccellenza per la ricerca Maori della Nuova Zelanda, ha affermato di non considerare questi esempi parte del movimento “diritti della natura” guidato dall’ambiente.

“Nel contesto neozelandese, la personalità giuridica è nata da una riconciliazione fiduciosa con i popoli indigeni, maori, non da un diritto alla natura [perspective]”, Ha detto Ruru ad Al Jazeera.

Entrambi gli accordi Te Awa Tupua e Te Urewera delineano chiaramente i diritti legali, gli obblighi e gli organi decisionali incaricati di monitorare lo stato di personalità giuridica degli ecosistemi. Nel caso del fiume, il governo della Nuova Zelanda e la federazione tribale Maori hanno scelto ciascuno una persona che parlasse a suo nome.

“Da una prospettiva Maori, ciò viene molto naturale”, ha detto Ruru, spiegando che i Maori hanno sempre parlato di fiumi o montagne “come i loro antenati e che dobbiamo rispettarli, che la loro salute e il loro benessere sono totalmente correlati alla salute e il benessere di noi come persone e della nostra comunità ”.

Ruru ha aggiunto che gli accordi della Nuova Zelanda dimostrano che i paesi possono consentire una migliore partecipazione degli indigeni alla gestione delle terre e delle acque. “Questo non è che i popoli indigeni dicano necessariamente qualcosa di nuovo, è solo che altri popoli stanno ascoltando”.

Una vista generale di una catena montuosa vicino a Wanganui sull’Isola del nord della Nuova Zelanda [File: David Brookes/AFP]

Respingere

In altri paesi, alcuni hanno sollevato preoccupazioni su come viene applicata la personalità giuridica per natura. In Bangladesh, dove la corte suprema del paese nel 2019 ha concesso a tutti i fiumi gli stessi diritti legali delle persone, alcuni dicono senza un quadro chiaro per l’attuazione, la decisione potrebbe rendere più facile sfrattare le comunità povere che vivono fuori dai corsi d’acqua.

“Il governo neozelandese ha riconosciuto le comunità come parti interessate, e questa è la chiave”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters Himanshu Thakkar, coordinatore del South Asia Network on Dams, Rivers and People.

Nel frattempo, negli Stati Uniti, i casi di personalità giuridica sono stati accolti con una ferma opposizione. Un tribunale nello stato americano dell’Ohio lo scorso anno ha dichiarato incostituzionale il Lake Erie Bill of Rights, approvato dalla città di Toledo nel 2019, che riconosceva il “diritto del lago di esistere, prosperare ed evolversi naturalmente”. Un contadino aveva citato in giudizio, dicendo che la mossa era un “assalto incostituzionale e illegale” alle aziende agricole di famiglia.

Una vista di una centrale elettrica e del lago ghiacciato Erie nel lago Avon, Ohio [Aaron Josefczyk/Reuters]

Un’altra causa che cercava di far riconoscere a un tribunale l’ecosistema del fiume Colorado come “in grado di possedere diritti simili a una” persona “” nonché “diritti di esistere, prosperare, rigenerarsi ed evolversi naturalmente” è stata ritirata nel 2017 su pressione delle autorità statali .

“A quel tempo, il procuratore generale [office] era diretto da un repubblicano, quindi mi hanno minacciato di sanzioni e allontanamento dall’albo “, ha detto ad Al Jazeera Jason Flores-Williams, l’avvocato che ha portato il caso. Ha detto che i funzionari avevano sostenuto “che era ridicolo fare una discussione a favore dei diritti della natura e della personalità della natura”.

Tuttavia, la spinta a concedere la personalità giuridica alla natura sta guadagnando attenzione.

Di ritorno a Montreal, Yenny Vega Cardenas, presidente dell’Osservatorio internazionale sui diritti della natura, ha affermato che il riconoscimento del fiume Magpie ha attirato l’interesse di persone in tutto il Canada e all’estero, che da allora hanno chiamato per chiedere se i loro fiumi locali potrebbero anche ottenere i diritti della personalità.

Ha detto che è in corso un cambiamento di pensiero e con ogni caso di successo, più comunità stanno valutando l’idea. “Siamo diventati consapevoli delle debolezze del nostro sistema”, ha detto ad Al Jazeera. “E se non cambiamo adesso, quando? Non possiamo più aspettare. “



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.