Le restrizioni COVID “armate” soffocano la libertà di Hong Kong | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Hong Kong, Cina – I proprietari di ristoranti sono obbligati dalle autorità a sottoporre i propri clienti a rintracciare i contatti. Agli insegnanti viene ordinato di sottoporsi regolarmente a test per COVID-19 una volta che la scuola riprende di persona dopo Pasqua. Ogni volta che più di quattro manifestanti stanno insieme, rischiano pesanti multe da parte della polizia per aver violato le norme di allontanamento sociale.

Queste sono le nuove realtà della vita a Hong Kong.

Per la maggior parte dell’anno passato, la città ha segnalato i più nuovi casi positivi pro capite di tutti i comuni della Cina e ha combattuto i cluster locali come un gioco di whack-a-mole.

E il governo qui ha fatto ricorso a misure draconiane comuni nella Cina continentale per combattere il virus.

“I leader di Hong Kong sono sotto enormi pressioni da parte di Pechino per contenere COVID”, ha detto Bruce Lui, docente senior presso la Hong Kong Baptist University e commentatore politico veterano.

“Ecco perché non sono al di sopra di governare con il pugno di ferro per consegnare e mostrare a Pechino che intendono gli affari”.

L’approvazione della legge sulla sicurezza nazionale da parte di Pechino lo scorso giugno, che criminalizza le proteste e la maggior parte delle forme di organizzazione politica, ha gettato un’ombra sulla città a ruota libera di 7,5 milioni, ma le norme sanitarie stanno anche invadendo i diritti sanciti dalla costituzione della città.

‘Nessuna fede nel governo’

Finora, l’insegnante Chloe Leung ha fatto del suo meglio per evitare i controlli del governo.

Poiché Leung insegnava online, non era ancora sottoposta a test COVID-19 obbligatorio ogni due settimane. Diffidente nei confronti del governo, ha detto che non avrebbe ricevuto il colpo a meno che non fosse per mantenere il suo lavoro.

L’insegnante del secondo anno è stato particolarmente allarmato dai recenti casi senza precedenti di insegnanti esperti censurati, o addirittura sospesi, per presunti contenuti politici nei loro materiali didattici. Si è chiesta se il monitoraggio solo per gli insegnanti, ma non per gli studenti, fosse mascherato da misura di salute pubblica.

“Non ho fiducia in questo governo. A poco a poco, sta privando delle nostre libertà, sfidando i nostri profitti per vedere quanto può farla franca e contando sul fatto che diventiamo insensibili a tutti gli assalti “, ha detto Leung ad Al Jazeera.

La libertà di riunione è stata una vittima evidente della svolta autoritaria di Hong Kong.

Meno di due anni fa, le marce di protesta di oltre un milione di persone non hanno incontrato alcuna interferenza della polizia.

Ora, in base all’ordinanza sul controllo e la prevenzione delle malattie, anche una manciata di attivisti delle scuole superiori che distribuiscono volantini agli angoli delle strade sarebbero dispersi dalla polizia sotto la minaccia di sanzioni.

I critici hanno affermato che la legislazione, modificata alla fine dell’aprile scorso per limitare le riunioni pubbliche e imporre l’allontanamento sociale, è stata “armata” per bloccare qualsiasi manifestazione che il governo disapprovasse.

L’emendamento precede la legge sulla sicurezza nazionale imposta alla città dalla Cina.

Cooptazione delle restrizioni COVID

Al consigliere distrettuale Gary Poon, il governo ha cooptato la campagna COVID per soffocare il dissenso.

“Questo governo non ha risparmiato sforzi sulla repressione”, ha detto Poon. “È ovvio che la persecuzione politica è più importante per loro che combattere il virus”.

Lo scorso novembre, l’intero campo pan-democratico dei legislatori è stato costretto a lasciare la legislatura cittadina dopo che a quattro dei loro colleghi è stato impedito da Pechino.

Il mese scorso, 47 candidati anti-establishment che si erano presentati alle primarie per le elezioni legislative da allora posticipate sono stati accusati ai sensi della nuova legge sulla sicurezza di aver tentato di rovesciare il governo.

I consiglieri come Poon raramente vengono avvisati dagli ufficiali sanitari prima di isolare interi edifici, o addirittura interi isolati, per i test obbligatori.

Colti alla sprovvista, residenti e lavoratori sono stati costretti a rimanere all’interno del perimetro durante la notte.

‘Blocchi di imboscata’

Tali blocchi di “imboscata”, come li ha chiamati il ​​governo di Hong Kong, erano comuni in tutta la Cina continentale all’inizio della pandemia un anno fa. Ma a Hong Kong, queste misure sono state condannate con fermezza, anche da alcuni alleati del governo.

In difesa del suo governo, l’amministratore delegato Carrie Lam ha dichiarato in una conferenza stampa all’inizio di febbraio: “Il blocco è prima di tutto una misura preventiva. Quello che stiamo cercando di fare è anticipare la diffusione delle infezioni quindi l’efficacia del [ambush] l’operazione non può essere misurata semplicemente dal numero di casi trovati. “

E tra coloro che si irritano per la risposta del governo, come i proprietari di ristoranti ei loro clienti, è stata forgiata una forma di resistenza dal basso.

Invece di chiedere ai loro clienti di scansionare il codice QR del dipartimento sanitario e trasmettere la loro posizione, alcuni proprietari hanno progettato un codice alternativo che si inserisce in un modulo Google che verrà cancellato ogni 31 giorni, periodo per il quale le aziende sono tenute dalle autorità a conservare i dati .

“La paura di essere rintracciati è solida, soprattutto nell’attuale clima politico. Questo è visto, almeno in alcuni ambienti, come l’apertura del vaso di sorveglianza di Pandora, come ciò che sta accadendo nella terraferma “, ha affermato Dorothy Lui, membro principale di Public Health Research Collaborative, un gruppo di difesa della politica sanitaria formato nel 2019.

“Non dimenticare che Hong Kong è stata storicamente una società laissez-faire. Questo semplicemente non va bene. “

Lui della Baptist University crede che i cittadini di Hong Kong si stiano preparando per la vita sotto un regime più autoritario anche dopo che la pandemia è finita.

“La scritta è sul muro che un governo dal braccio forte si sta preparando per prendere il comando molto tempo dopo che COVID sarà finito”, ha detto.

“Ora che l’opposizione è stata sradicata e tutte le proteste represse, i funzionari di Hong Kong non avranno scuse se non manterranno la volontà di Pechino”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.