Cinque soldati uccisi mentre le forze indiane hanno fatto irruzione nel nascondiglio dei ribelli maoisti | Notizie sull’India


Un ribelle è stato ucciso anche in uno scontro a fuoco di quattro ore, con almeno 12 membri del personale di sicurezza indiano feriti e secondo quanto riferito, più dispersi.

Secondo la polizia, cinque forze di sicurezza indiane sono state uccise in uno scontro a fuoco durato ore con i ribelli maoisti nelle foreste dello stato del Chhattisgarh orientale.

L’alto ufficiale di polizia DM Awasthi ha detto sabato che centinaia di poliziotti e soldati paramilitari hanno fatto irruzione in un nascondiglio nel distretto di Bijapur dopo aver ricevuto informazioni che un gran numero di ribelli si era radunato lì.

Ha detto che almeno 12 membri del personale di sicurezza sono rimasti feriti nello scontro di quattro ore, aggiungendo che le autorità stavano lavorando per evacuare i feriti negli ospedali.

Awasthi ha detto che anche il corpo di un ribelle è stato recuperato.

La radio statale All India Radio ha twittato che almeno 20 membri del personale di sicurezza erano scomparsi dopo il fidanzamento.

I ribelli hanno usato armi automatiche e granate durante lo scontro a fuoco, ha detto al telefono all’agenzia di stampa Associated Press Hemant Kumar Sahu, un ufficiale paramilitare.

Un conflitto vecchio di decenni

I ribelli maoisti, ispirati dal leader rivoluzionario cinese Mao Zedong, combattono il governo indiano da più di 40 anni, in un conflitto che ha ucciso decine di migliaia di persone. Più di 10.000 sono stati uccisi dal solo 2000, secondo i dati del South Asia Terrorism Portal.

I ribelli affermano di difendere i diritti delle tribù indigene e di altri gruppi emarginati, mentre il governo li definisce la più grande minaccia alla sicurezza interna dell’India.

I maoisti, noti anche come naxaliti perché la loro ribellione di sinistra è iniziata nel 1967 nel villaggio di Naxalbari, nello stato orientale del Bengala occidentale, hanno teso un’imboscata alla polizia, distrutto uffici governativi e rapito funzionari.

Hanno anche fatto saltare in aria i binari dei treni, hanno attaccato le prigioni per liberare i loro compagni e hanno rubato armi alla polizia e ai magazzini paramilitari per armarsi.

Il mese scorso, una bomba sul ciglio della strada ha ucciso almeno quattro poliziotti e ne ha feriti 14 nel distretto di Narayanpur nello stato di Chhattisgarh mentre tornavano da un’operazione antimaoista.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *