Apple sapeva che stava vendendo display MacBook difettosi, conclude il giudice

Quando Apple ha introdotto la sua controversa riprogettazione di MacBook Pro nel 2016, la società probabilmente non sapeva che si stava preparando per essere citata in giudizio, ma non solo è in corso una causa legale collettiva per le loro famigerate tastiere a farfalla, ma sembra probabile che ci sarà essere un secondo anche per i loro cavi del display notoriamente fragili. Il giudice Edward Davila ha deciso di lasciare andare avanti la causa “flexgate”, stabilendo che Apple avrebbe dovuto sapere che avrebbero fallito e tuttavia ha continuato a venderli comunque.

“La corte ritiene che le accuse di test preliminari al rilascio in combinazione con le accuse di reclami sostanziali dei clienti siano sufficienti per dimostrare che Apple era a conoscenza esclusiva del presunto difetto”, ha scritto il giudice Legge360 e 9to5Mac). Puoi leggere l’ordine completo in fondo a questo post.

Per vedere come appariva il problema, dai un’occhiata alla nostra immagine in cima a questo post; a volte viene chiamato il problema della “luce del palco” a causa di come il danno del cavo produrrebbe quelle macchie scure.

Parte della controversia su flexgate riguarda il modo in cui Apple ha affrontato il problema quando ha ottenuto la pubblicità per la prima volta alla fine del 2018, prima sostituendo silenziosamente un nuovo cavo leggermente più lungo nei nuovi MacBook e aprendo uno dei suoi tipici programmi di riparazione gratuiti solo mesi dopo 15.000 utenti ha firmato una petizione ed è stato richiamato dalla stampa. La società è stata molto più reattiva con i problemi da allora, ad esempio con questo programma gratuito di sostituzione della batteria per un piccolo numero di quei laptop MacBook Pro 2016 e 2017 che non si ricaricano più.

A differenza della tuta con tastiera a farfalla, quella flexgate non sembra ancora essere una class action certificata, ma ora ci sono nove diversi querelanti in fila in questo singolo caso e il giudice li invita a presentare una nuova denuncia modificata. Guarderemo per vedere dove va da lì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *