Non parcheggiare la tua Hyundai Kona EV all’interno perché potrebbe prendere fuoco

La National Highway Traffic Safety Administration degli Stati Uniti ha emesso un richiamo per i veicoli elettrici Hyundai Kona 2019-2020 e Hyundai Ioniq 2020 dopo che sono stati segnalati oltre una dozzina di incendi di batterie. L’agenzia avverte anche i proprietari di non parcheggiare i loro veicoli vicino alle loro case oa qualsiasi struttura infiammabile.

Un cortocircuito elettrico nelle celle della batteria agli ioni di litio della Kona aumenta il rischio di incendio durante il parcheggio, la ricarica e la guida, ha affermato NHTSA, aggiungendo: “Il posto più sicuro per parcheggiarli è fuori e lontano da case e altre strutture”.

Il mese scorso, Hyundai ha annunciato che richiamerà circa 76.000 veicoli elettrici Kona costruiti tra il 2018 e il 2020 per motivi di incendio della batteria. È stato il secondo richiamo per la Kona, ma il primo di natura globale. La casa automobilistica ha anche detto che ricorderà alcuni Ioniq e autobus elettrici che produce. In totale, Hyundai ha detto che richiamerà 82.000 veicoli, che secondo le stime costeranno $ 900 milioni.

La batteria della Kona è prodotta da LG Energy Solutions, che, come Hyundai, ha anche sede in Corea del Sud. LG Chem è un importante fornitore di batterie agli ioni di litio per case automobilistiche come General Motors, Audi, Mercedes-Benz e le rispettive società madri Volkswagen Group e Daimler.

Hyundai è l’ultima casa automobilistica a emettere un richiamo volontario a causa di difetti della batteria. L’anno scorso, GM ha detto che avrebbe richiamato quasi 69.000 Chevy Bolt e Audi ha richiamato oltre 500 SUV E-Tron, entrambi per i rischi di incendi della batteria. Il cinese Nio ha richiamato quasi 5.000 dei suoi SUV elettrici ES8 dopo che nel 2019 sono emerse numerose segnalazioni di incendi di batterie.

Non ci sono prove che i veicoli elettrici prendano fuoco a una velocità diversa dalle auto a combustione interna, ma l’argomento ha ricevuto un maggiore controllo man mano che più veicoli elettrici hanno colpito la strada. I primi soccorritori vengono persino addestrati a gestire gli incendi delle batterie dei veicoli elettrici poiché non possono essere estinti con alcuni metodi tradizionali.

Gli incendi dei veicoli di Tesla hanno particolarmente attirato molta attenzione, al punto che ha fatto il CEO Elon Musk ha respinto pubblicamente la copertura di quegli incidenti. Altre case automobilistiche, come Jaguar, hanno sperimentato isolato incendi con loro auto elettrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *