L’EV6 di Kia è una piccola auto elettrica con grandi sogni

Dopo aver trascorso l’ultimo mese a prendere in giro il suo nuovo veicolo elettrico, Kia ha appena spiegato molto di ciò che c’è da sapere sull’EV6, almeno per i modelli più costosi. Ma tutto è in linea con ciò che le immagini teaser, beh, stuzzicate, ovvero che l’EV6 sarà un’auto elettrica divertente e veloce con un’impronta piacevolmente modesta.

In uscita in “mercati globali selezionati” nella seconda metà di quest’anno, incluso il Nord America, l’EV6 è la prima vettura Kia costruita per essere elettrica da zero. Il SUV Niro EV di modesto successo? Quella era, ad un livello elevato, un’auto a gas che è stata adattata per funzionare a batterie. L’EV6, tuttavia, è costruito su ciò che Kia utilizzerà per alimentare sei futuri EV. La stessa piattaforma, chiamata E-GMP, viene utilizzata dalla casa madre Hyundai per alimentare Ioniq 5 EV e anche altri futuri veicoli elettrici. (È anche presumibilmente ciò a cui Apple era interessata prima che i colloqui si interrompessero.)

Il che è tutto per dire che l’EV6 è un’auto piuttosto importante per Kia. In quanto tale, l’azienda si è assicurata che fosse ricca di funzionalità interessanti e tecnologie all’avanguardia. Ma non stupirà ancora gli acquirenti con la sua gamma.

L’EV6 sarà disponibile nelle configurazioni a trazione posteriore e a trazione integrale, e Kia lo equipaggerà con pacchi batteria con autonomia standard (58kWh) o lunga (77,4kWh). Kia afferma che l’EV6 a trazione posteriore con il pacchetto a lungo raggio può percorrere 510 chilometri, o circa 316 miglia, in base allo standard europeo di test WLTP. Ciò significa che una gamma EPA sarà probabilmente un po ‘meno, forse meno di 300 miglia. Kia non ha fornito stime dell’autonomia per le altre configurazioni.

A seconda dei risultati nel mondo reale, è un’efficienza abbastanza buona da un pacco batteria di quelle dimensioni. Ma Kia sta promuovendo solo quella cifra di autonomia, il che significa che tutte le altre versioni dell’EV6 probabilmente ne avranno meno. Ancora molto per la guida quotidiana, ma alcune versioni dell’auto elettrica non saranno adatte per lunghi viaggi su strada.

Un modo in cui Kia sta compensando questo è la ricarica molto veloce, almeno rispetto allo stato attuale dei veicoli elettrici. La piattaforma E-GMP utilizza pacchi batteria da 800 volt, come quello che si trova nella Porsche Taycan, che consente di caricare un EV6 dal 10 all’80% in soli 18 minuti.

Un altro sono le prestazioni, almeno per le varianti AWD. La versione GT a trazione integrale dell’EV6 è la specifica migliore e viene fornita solo con la batteria a lungo raggio. Utilizza due motori per produrre una potenza combinata di 430 kW, ovvero circa 576 cavalli, e può passare da 0 a 100 chilometri all’ora (62 mph) in soli 3,5 secondi.

Ciò che potrebbe essere più eccitante delle prestazioni o delle specifiche tecniche, tuttavia, è che l’EV6 supporta la ricarica a due vie proprio come l’Ioniq 5. di Hyundai 5. L’EV6 può erogare fino a 3,6 kW di potenza, sufficiente per alimentare una TV da 55 pollici e un condizionatore d’aria per più di 24 ore, dice Kia. Non è potente come, ad esempio, la versione da 7,2 kW del nuovo caricabatterie di bordo opzionale del Ford F-150 ibrido, ma di nuovo l’EV6 non utilizza il gas per generare questa potenza e sarà molto più economico. Kia afferma che l’EV6 può anche trainare fino a 1.600 chilogrammi (circa 3.500 libbre) purché anche la batteria sia carica per oltre il 35 percento.

Ciò che distingue l’EV6 più di ogni altra cosa è il suo stile esterno. Kia lo chiama un crossover, il che non è sbagliato. Ma ha anche grandi vibrazioni da berlina. Da alcuni angoli posteriori, ha una certa somiglianza con la Polestar 2. Di lato, è una Ioniq 5 più lunga e più cattiva. Piuttosto, è aggressivo senza essere ostentato; accattivante, se non accattivante. In un mondo sempre più pieno di veicoli grandi e gonfi, l’EV6 è una boccata d’aria fresca, anche se la piattaforma E-GMP che utilizza finirà sicuramente per alimentare veicoli più grandi per Kia e Hyundai.

Gli interni dell’EV6 sono più familiari. Ci sono due display curvi da 12 pollici che siedono all’interno di una struttura che si alza dal cruscotto, uno davanti al guidatore e uno per scopi di infotainment. C’è anche un display head-up a realtà aumentata che proietta le informazioni nel campo visivo del guidatore. Kia promette che tutto ciò sarà aggiornabile over-the-air e ci sono funzionalità avanzate di assistenza alla guida da avviare. Altrimenti, l’interno dell’EV6 sembra proprio l’interno di una Kia.

La Kia EV6, per alcuni aspetti, sembra essere un audace rifacimento della altrimenti solida incursione iniziale della società nel mondo dei veicoli elettrici. Ma ciò che Kia ha condiviso sull’EV6 è importante quasi quanto ciò che ha omesso. Non ci sono parole sui prezzi delle varie configurazioni, e Kia ha anche opportunamente tralasciato le specifiche per quelli che saranno sicuramente i modelli più convenienti. Per un’auto così importante, rimane un bel po ‘di mistero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *