La FTC sta lasciando Qualcomm fuori dai guai con una dichiarazione torturata

Quattro anni dopo aver accusato Qualcomm di aver abusato del potere di monopolio per addebitare ai produttori di telefoni costi di licenza aggiuntivi per i suoi modem – e sette mesi dopo aver apparentemente perso quella battaglia in un tribunale del circuito federale – la Federal Trade Commission ha deciso di gettare la spugna. Non ha più in programma di appellarsi alla Corte Suprema, il che significa che il caso è chiuso.

Se fosse tutto, probabilmente non lo scriverei per niente The Verge dato che le cose sono esattamente dove avevamo interrotto in agosto. Ma poi ho visto la spiegazione della FTC per perché sta lasciando cadere il caso e … beh, leggilo e basta:

Dati i notevoli venti contrari che la Commissione deve affrontare in questa materia, la FTC non presenterà una petizione alla Corte Suprema per rivedere la decisione della Corte d’Appello per il Nono Circuito in FTC v. Qualcomm. Lo staff della FTC ha svolto un lavoro eccezionale presentando il caso e continuo a credere che la conclusione del tribunale distrettuale secondo cui Qualcomm ha violato le leggi antitrust sia stata del tutto corretta e che la corte d’appello abbia sbagliato a concludere diversamente. Ora più che mai, la FTC e altre forze dell’ordine devono far rispettare con coraggio le leggi antitrust per proteggersi da comportamenti abusivi da parte delle aziende dominanti, anche nei mercati ad alta tecnologia e in quelli che coinvolgono la proprietà intellettuale. Sono particolarmente preoccupato per il potenziale di comportamenti anticoncorrenziali o sleali nel contesto della definizione degli standard e la FTC monitorerà da vicino la condotta in questo campo.

Vorrei essere chiaro: la FTC crede che questo caso abbia ragione, ritiene che fosse importante, crede che “ora più che mai” debba “far rispettare con coraggio le leggi antitrust” ed è “particolarmente preoccupato” per casi come questo. .. eppure, non sta nemmeno facendo il passo per vedere se la Corte Suprema accetterà di esaminare il caso a causa di “forti venti contrari”?

Forse la FTC ha un pesce più grande da friggere in questo momento, o forse ha paura che semplicemente perderà di nuovo. Non è economico presentare una petizione alla Corte Suprema, dopotutto; nel 2013, un avvocato che l’ha fatto più volte detto Mercato che una petizione può facilmente costare un quarto di milione di dollari. O forse il presidente facente funzione della FTC semplicemente non pensa che un voto per presentare una petizione alla Corte Suprema passerebbe, data l’attuale divisione del personale tra due commissari repubblicani e due democratici della FTC.

Ma la torturata dichiarazione pubblica della FTC non dice queste cose. Sembra un po ‘più un grido di aiuto da parte del garante antitrust americano, un garante con un budget che è certamente inferiore a $ 350 milioni all’anno e un garante che ha ripetutamente permesso alle grandi aziende tecnologiche di andare con uno schiaffo sul polso, come multare Google di circa 37 ore di profitto per aver violato il Children’s Online Privacy Protection Act (COPPA) con YouTube o emettere una multa record di $ 5 miliardi a Facebook che era così debole che il prezzo delle azioni di Facebook è effettivamente aumentato.

Ci sono segnali che la FTC potrebbe cambiare in modi significativi, e la mia collega Makena Kelly ne ha scritto a lungo, incluso il Congresso che potenzialmente modifica la legge per rendere più facile intentare cause contro Big Tech, e la forte possibilità che l’influente studiosa di antitrust Lina Khan potrebbe presto aiutare a gestire la FTC con la nomina del presidente Biden. Nel frattempo, l’agenzia che crede che Qualcomm abbia un monopolio – l’agenzia che ci aspettiamo di eliminare tale monopolio in caso affermativo – lascerà andare questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *