Questi TikTok sono uno sguardo giocoso sulle dure realtà dello sviluppo del gioco

Leslee Sullivant si avvicina alla telecamera con curiosità. I suoi capelli sono raccolti in una coda di cavallo ed è vestita con un bottone verde oliva su uno sfondo di una barra. “Sei uno dei nuovi assunti?” lei chiede. “Oh, tu sei lo stagista!” Si offre di offrirti un drink di nascosto quando scopre che sei minorenne e chiede del tuo ragazzo. Non sei come sua moglie, dice. La moglie non capisce davvero l’intera faccenda del gioco. “Se stai cercando un mentore, io sono il tuo ragazzo”, conclude. La didascalia sul video di TikTok è “toelettatura”.

L’industria dei giochi lotta con i conti in stile # MeToo ogni pochi mesi e il video di Sullivant è un’impressione perfetta di uno dei tanti modi insidiosi in cui questi problemi si verificano. Su TikTok e Twitter, dove in seguito ha condiviso il video, le persone possono relazionarsi.

Come ha detto una donna: “alza la mano se hai incontrato questa persona”.

I TikTok di Sullivant sono più di un modo per passare il tempo: sono piccole esibizioni di attivismo digitale e istruzione. “Cerco sempre di trovare un modo per fare [the industry] meglio “, dice The Verge, citando storie di abusi e molestie endemiche nel campo. “Non so come risolverlo. In passato, ho sollevato problemi internamente solo per essere punito per loro. Ho scritto un articolo sul tempo passato nei giochi e questo non muoverà l’ago. È davvero difficile per una persona fare qualcosa al riguardo. Escludendomi la raccolta di fondi per avviare il mio studio, che cosa farà? Impatto 10 persone in 10 anni?

“Non vedo l’ora di cambiare il settore in meglio. Questo sembrava uno dei modi in cui forse potrebbe essere di vasta portata e di impatto. ”

Attraverso TikTok, Sullivant, un produttore con una lunga carriera nei giochi, ha la possibilità di raggiungere un nuovo pubblico che non avrebbe mai trovato attraverso altre piattaforme. È uno sforzo inferiore rispetto a un video di YouTube, che le consente di modificare in-app e ottenere il suo punto di vista in meno di un minuto. L’algoritmo dell’app mostra i video agli utenti in modo più organico rispetto a un posto come Twitter, dove Sullivant ripubblicherà i suoi contenuti ai suoi follower. E la giocosità di TikTok rende più facile affrontare questi problemi in modo diretto, anche se ironico.

In un video, Sullivant interpreta una coppia di scrittori interrotti da un dirigente con terribili consigli e standard impossibili. In un altro, fornisce a due dipendenti, Todd e Amy, recensioni sulle prestazioni. Todd ottiene voti alti e feedback. Amy non tanto: “Qui dice che sei un enorme bi …” Il video si interrompe.

“Penso che molte di queste cose accadano e non ci sono molte grandi strade per parlarne”, dice Sullivant. “Penso che molte di queste discussioni siano scoraggiate o debbano essere svolte in segreto.” Ciò può rendere difficile per le persone parlare apertamente, figuriamoci trovarsi a vicenda per supporto.

“Molti di questi video parlano di parti interessate o di persone al potere”, afferma. “Dio non voglia che tu ne parli al lavoro, o ti imbatti in quel genere di cose. Spero che questo fornisca uno sbocco per quel tipo di emozione e convalida. ”

I primi TikTok di Sullivant sono focalizzati sulla moda – erano la motivazione per lei a vestirsi anche mentre lavorava da casa in una pandemia – ma era interessata a realizzare video sulla cultura del lavoro millenario. Ci è voluto solo un po ‘di coraggio per mettere la sua faccia sulla telecamera. “Voglio fare qualcosa che parli davvero della mia attuale esperienza lavorativa e del modo in cui mi piace affrontare le mie esperienze nei giochi, e questo è prendendo in giro le cose che accadono durante lo sviluppo del gioco”, dice.

Mira a “autoironia e anche a cercare di evidenziare gli strani problemi” che derivano da una carriera nello sviluppo di giochi. E anche se dice che alcuni dei suoi contenuti hanno qualche discorso sul baseball, sono comunque accessibili a qualcuno che non lavora nel settore e forse anche ancora riconoscibili per qualcuno che non lo fa. “Le persone non devono essere al corrente di come funziona l’industria dei giochi per comprendere l’impatto di ciò che viene esplorato in quei video”, afferma Sullivant.

I suoi video non sono basati su alcuna esperienza specifica, dice, ma piuttosto una sorta di conglomerato dei suoi 11 anni di sviluppo. “All’inizio ero molto spaventata e ho sempre quel senso di rimpianto subito dopo aver pubblicato un video”, dice. “È questo quello che mi farà doxxare?” Il suo scopo non è discutere i giocatori o la comunità di gioco, ma piuttosto mantenerlo all’interno del suo settore e di ciò che i suoi colleghi – o futuri colleghi – sperimentano. “La quantità di persone che dicevano, ‘Oh, non mi rendevo conto che fosse un problema’, o anche gli sviluppatori di giochi più esperti che dicevano, ‘Posso assolutamente vederlo ora, ma non l’ho fatto quando avevo 20 anni, e voglio che altri giovani lo vedano, “è stato illuminante”, dice Sullivant.

“Possiamo fare un po ‘di istruzione e, auspicabilmente, migliorare le cose in meglio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.