Passaporto del vaccino Covid: l’amministrazione Biden aiuta a sviluppare standard per dimostrare la vaccinazione



Il funzionario ha detto che stanno attualmente lavorando con una serie di aziende sugli standard, comprese società non profit e tecnologiche, aggiungendo che probabilmente mancano ancora settimane alla finalizzazione, ha detto il funzionario.

Diverse agenzie governative sono impegnate in conversazioni e pianificazione, coordinate dalla Casa Bianca, poiché questo tipo di sistema svolgerà un ruolo in molteplici aspetti della vita, inclusa potenzialmente la forza lavoro, ha detto alla CNN un altro alto funzionario dell’amministrazione.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto lunedì che non ci sarà alcun mandato federale che richieda a ogni americano di ottenere una credenziale di vaccinazione e non ci sarà un database di vaccinazioni federali universali centralizzato.

Ha anche detto che la Casa Bianca si aspetta che il settore privato guidi “la determinazione o lo sviluppo di un passaporto vaccinale, o come vuoi chiamarlo”.

Il presidente Joe Biden lo ha fatto predisse quella vita negli Stati Uniti potrebbe tornare alla normalità entro Natale, e poiché più americani vengono vaccinati ogni giorno, queste credenziali vaccinali – comunemente chiamate “passaporti vaccinali” – potrebbero essere la chiave per un ritorno alla normalità entro la fine dell’anno.
Alcuni settori, nel frattempo, come l’industria dei viaggi, hanno chiesto a gran voce lo sviluppo di un sistema uniforme mentre cercano un ritorno alla normalità. Governi in tutto il mondo può richiedere la prova delle vaccinazioni prima che gli stranieri possano entrare di nuovo nei loro confini.
I piani dell’amministrazione sono stati segnalati per la prima volta da Il Washington Post.

L’amministrazione Biden in precedenza aveva affermato che il governo federale non dovrebbe essere coinvolto negli sforzi per creare un sistema di passaporti vaccinali per verificare che le persone siano state vaccinate.

Il Post, citando cinque funzionari che hanno parlato a condizione di anonimato, ha riferito che lo sforzo “è stato guidato in gran parte dalle braccia del Dipartimento della salute e dei servizi umani, compreso un ufficio dedicato alla tecnologia dell’informazione sanitaria”.

Il coordinatore del coronavirus della Casa Bianca, Zients, ha guidato il ruolo della Casa Bianca nel coordinamento del progetto, ha detto un funzionario al Post.

“Il nostro ruolo è contribuire a garantire che tutte le soluzioni in questo settore siano semplici, gratuite, open source, accessibili alle persone sia digitalmente che su carta e progettate fin dall’inizio per proteggere la privacy delle persone”, ha affermato Zients all’inizio di questo mese, secondo il giornale.

Il funzionario dell’amministrazione ha detto lunedì alla CNN che gli standard sono ancora nelle prime fasi di sviluppo, ma si aspetta che siano simili a ciò che Zients ha delineato: che il prodotto finale dovrebbe essere gratuito, privato e al sicuro da essere duplicato o contraffatto.

CNN precedentemente segnalato che diverse aziende e gruppi tecnologici hanno iniziato a sviluppare app o sistemi per smartphone per consentire alle persone di caricare i dettagli dei loro test e vaccinazioni Covid-19, creando credenziali digitali che potrebbero essere mostrate per entrare in luoghi di concerti, stadi, cinema, uffici o persino paesi.

Ma parte della garanzia di un ampio utilizzo dei passaporti dei vaccini sta tenendo conto dell’ampio sottoinsieme della popolazione mondiale che ancora non usa o ha accesso agli smartphone. Alcune aziende all’interno della Covid-19 Credentials Initiative stanno anche sviluppando una smart card che rappresenta una via di mezzo tra i tradizionali certificati di vaccini cartacei e una versione online più facile da archiviare e riprodurre.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni sul coinvolgimento del governo nel coordinamento degli standard di certificazione dei vaccini.

Rishi Iyengar della CNN, Kevin Liptak e Chandelis Duster hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *