Il primo ministro slovacco si dimette, scambia il ruolo con il ministro delle finanze per porre fine alla crisi | Notizie sulla pandemia di coronavirus


La mossa di Igor Matovic arriva dopo le controversie con i partner della coalizione su un accordo segreto per l’acquisto del vaccino contro il coronavirus Sputnik-V della Russia.

Il primo ministro slovacco Igor Matovic ha detto che si dimetterà e cambierà i ruoli con il ministro delle finanze Eduard Heger, una proposta che potrebbe aiutare a risolvere una crisi di governo di un mese innescata da un accordo segreto per l’acquisto del vaccino contro il coronavirus Sputnik V della Russia.

La crisi politica è scoppiata quando tre settimane fa è venuto alla luce un accordo segreto che prevedeva l’accordo della Slovacchia per l’acquisizione di due milioni di dosi del jab. La Slovacchia fa parte dell’Unione europea a 27 nazioni, che non ha ancora autorizzato l’offerta russa.

Matovic si è offerto di dimettersi la scorsa settimana, ma ha fornito una lunga lista di condizioni, incluso che tutti i suoi critici nella coalizione dovessero lasciare il governo.

“Non insisteremo per soddisfare nessuna di queste condizioni”, ha detto Matovic in una conferenza stampa domenica. “Vogliamo rimuovere qualsiasi ostacolo che impedisca alla coalizione di tornare insieme”.

Heger ha detto che ha accettato “la sfida” e avrebbe immediatamente aperto i colloqui con i partner della coalizione su un possibile nuovo governo. Aveva in programma di incontrare lunedì il presidente Zuzana Caputova per consultazioni.

La mossa è stata annunciata congiuntamente a Bratislava dopo le consultazioni tra i leader del partito di tre dei quattro partiti della coalizione. In serata è rimasta aperta l’approvazione del partito liberale Libertà e Solidarietà (SaS). Il suo leader, Richard Sulik, si è dimesso da ministro dell’economia e vice primo ministro martedì.

Gli altri tre partiti al governo hanno una magrissima maggioranza parlamentare anche senza SaS.

Due partiti nel governo di coalizione di Matovic, Libertà e Solidarietà e Per il Popolo, che si sono scontrati ripetutamente con il suo partito del Popolo Ordinario su come affrontare la pandemia, hanno chiesto le sue dimissioni come condizione per la sopravvivenza della coalizione.

Matovic ha difeso l’acquisto dello Sputnik V, dicendo che accelererebbe il programma di vaccinazione in uno dei paesi più colpiti dall’Unione europea.

La Slovacchia ha assistito a circa 9.500 morti per virus nella pandemia.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *