Recensione Lenovo ThinkPad X1 Extreme Gen 3: un ThinkPad con una svolta

Il ThinkPad X1 Extreme Gen 3 è un ThinkPad in tutto e per tutto. Ha il nocciolo della tastiera, i pulsanti del mouse discreti e il telaio completamente nero con punti rossi sparsi. (Se hai visto il suo predecessore, il ThinkPad X1 Extreme Gen 2, saprai cosa stai ricevendo: i modelli sono identici, con chip diversi.)

Ma questo ThinkPad ha una caratteristica unica che non vedi tutti i giorni: uno schermo OLED. Ciò, combinato con la sua GPU discreta, pone l’X1 Extreme Gen 3 fuori dallo spazio dei laptop aziendali che i ThinkPad tradizionalmente dominano e nel mercato affollato delle macchine per la creazione di contenuti ultraportatili. Tra questi concorrenti, l’X1 Extreme presenta alcuni inconvenienti significativi che gli impediscono di raggiungere la vetta della classifica. Ma include ancora le funzionalità che hanno reso i ThinkPad così dominanti su tutta la linea, e questo significa che c’è sicuramente un pubblico per questo.

Come altri ThinkPad, l’X1 Extreme è personalizzabile per una varietà di fasce di prezzo. Tutte le configurazioni hanno una Nvidia GeForce GTX 1650 Ti Max-Q. Il modello base costa $ 2.734 (attualmente scontato a $ 1.640 molto più ragionevoli) e include un Core i5-10400H, 8 GB di RAM, 256 GB di spazio di archiviazione, un display non touch 1920 x 1080 e una webcam HD 720p standard. Tra i modelli predefiniti, puoi arrivare fino a un sistema con un Core i9-10885H, 64 GB di RAM, 1 TB di spazio di archiviazione, un touchscreen OLED 3840 x 2160 e una fotocamera IR, il tutto per – aspetta – $ 4,959 ( attualmente quotato a $ 2.974,40). La mia configurazione di prova è nel mezzo; include un Core i7-10850H, 1 TB di spazio di archiviazione, 32 GB di RAM e il touchscreen OLED. Ha un prezzo consigliato di $ 4.111 ma è attualmente quotato a $ 2.466. Puoi modificare la maggior parte delle specifiche a tuo piacimento, anche se alcune dipendono da altre; ad esempio, tutti i modelli che non hanno il display di base vengono forniti con la telecamera IR.

Questo modello ha due caratteristiche assolutamente eccezionali. Il primo è la tastiera. I ThinkPad di solito hanno ottime tastiere e questa non fa eccezione. È una delle mie tastiere preferite che ho provato quest’anno su un laptop workstation, con la possibile eccezione del Dell XPS 15. I tasti hanno una consistenza confortevole e un sacco di viaggi, senza essere troppo rumorosi. L’esperienza di digitazione sembra più vicina a quella di una tastiera meccanica che a quella dei tasti più piatti del laptop. In realtà mi sono ritrovato a rinunciare al mio laptop personale durante il mio periodo di test a favore del ThinkPad a causa di quanto mi piace scrivere su di esso.

C’è una fila di utili tasti di scelta rapida in cima al mazzo. Una novità dell’X1 Extreme sono tre pulsanti su misura per il lavoro a distanza: F9 apre il centro notifiche, F10 risponde alle chiamate e F11 termina le chiamate. Ci sono anche tasti per tagliare il volume e il microfono, attivare la modalità aereo e regolare volume e luminosità.

Le porte sul lato sinistro del Lenovo Thinkpad X1 Extreme Gen 3.

Le porte includono due USB 3.2 Gen 1, due Thunderbolt 3, una HDMI 2.0, uno slot SD, un jack audio combinato e uno slot per scheda Nano-SIM opzionale.

Una cosa veloce sulla tastiera: i tasti Fn e Ctrl vengono scambiati dalle posizioni in cui li troverai sulla maggior parte delle tastiere. Ecco come sono state disposte le tastiere ThinkPad da sempre e puoi rimappare i tasti tramite il BIOS o con l’app di utilità Lenovo, se preferisci. Ma se non sei un normale utente ThinkPad, o cambierai tra questa macchina e un laptop personale, vale la pena notare che ci vorrà del tempo per regolare (o utilizzerai chiavi con etichette errate). Uso l’X1 Extreme da quasi una settimana e continuo a premere accidentalmente Fn tutto il tempo.

La seconda caratteristica distintiva è il pannello OLED 4K da 15,6 pollici. Copre il 100 percento dello spettro sRGB, il 100 percento di Adobe RGB e il 100 percento di P3. (Fondamentalmente, ha massimizzato il nostro colorimetro.) Il pannello è nitido e vibrante con un ottimo contrasto. È possibile guardare contenuti in streaming che supportano HDR e scambiare tra vari profili colore con Display Optimizer di Lenovo.

La qualità costruttiva è un altro punto di forza. Come la maggior parte dei suoi fratelli ThinkPad, l’X1 Extreme si sente abbastanza resistente. Non c’è flessione nella tastiera o nel coperchio e Lenovo afferma che è stato testato con “12 metodi di certificazione di livello militare e oltre 20 procedure” per la resistenza a vibrazioni, urti, temperature estreme, umidità e simili. Il laptop raggiunge questo obiettivo senza sacrificare molta portabilità. È sul lato spesso a 0,74 pollici, ma a quattro libbre, è più leggero di molti concorrenti tra cui Dell XPS 15 e MacBook Pro 16.

Lenovo Thinkpad X1 Extreme Gen 3 leggermente inclinato a destra, aperto.  Lo schermo mostra una scena notturna all'aperto con il logo Lenovo sulla destra.

Lenovo afferma che la copertura superiore in fibra di carbonio multistrato “offre vantaggi in termini di durata e peso”.

Il telaio ha una finitura nera con una bella trama. Il logo ThinkPad sul poggiapolsi destro e il logo X1 sul coperchio superiore aggiungono tocchi di rosso. Il coperchio ha un esclusivo motivo a trama in fibra di carbonio, che sembra e si sente simile al palmo in fibra di carbonio che poggia sul Dell XPS 15. (disponibile solo sui modelli UHD). Lenovo afferma che questo materiale è più leggero e più resistente dell’alluminio e di altri materiali comuni per chassis. È anche probabilmente parte del motivo del prezzo elevato dell’X1 Extreme.

Il Thinkpad X1 Extreme Gen 3 inclinato a sinistra, aperto.  Lo schermo mostra una scena notturna all'aperto con il logo Lenovo sul lato destro.

Ci sono doppi microfoni a campo lontano che funzionano insieme a Cortana.

Una nota sulla build: il coperchio e il telaio non sono i peggiori magneti per impronte digitali che abbia mai visto, ma li raccolgono. Dopo alcuni giorni di utilizzo, il deck della tastiera era piuttosto macchiato.

Infine, l’X1 Extreme è dotato di alcune utili funzionalità per riunioni remote. È possibile ottimizzare i doppi microfoni per varie impostazioni (tra cui riconoscimento vocale, chiamate in singolo e chiamate in conferenza) nel software Vantage di Lenovo. Non hanno avuto problemi a captare la mia voce. E gli altoparlanti stereo vanno bene, offrendo un audio senza distorsioni con percussioni e bassi che sono udibili ma non eccezionali. Puoi creare profili di equalizzazione personalizzati nel software Dolby Access precaricato e puoi anche attivare o disattivare le preimpostazioni per scenari come voce, musica, film e giochi.

Anche la webcam a infrarossi è stata una piacevole sorpresa: sebbene un po ‘granulosa, era abbastanza fedele ai colori e ha fornito un’immagine decente in ambienti con scarsa illuminazione. C’è un otturatore per la privacy fisica che è facile da fare clic avanti e indietro. Puoi accedere all’X1 Extreme con il riconoscimento facciale Windows Hello, nonché un lettore di impronte digitali match-on-sensor sul lato della tastiera, che è stato rapido da configurare e di solito non ha avuto problemi a riconoscermi.

Tutto questo è simile al ThinkPad X1 Extreme Gen 2: non ci sono cambiamenti evidenti. Gli aggiornamenti della Gen 3 sono all’interno. Ha un processore Intel di decima generazione a sei core e una Nvidia GeForce GTX 1650 Ti Max-Q, dove il suo predecessore aveva un processore Intel di nona generazione e una GeForce GTX 1650 Max-Q.

Il Core i7-10850H non è il processore più mostruoso in circolazione, soprattutto se paragonato ai recenti chip della serie H di AMD. Ma offre i vantaggi specifici per l’azienda della piattaforma vPro di Intel e ha fatto un ottimo lavoro con le mie pile di fogli di calcolo, e-mail, Slacking e altri lavori generali d’ufficio.

Allo stesso modo, la GTX 1650 Ti Max-Q è una scheda grafica di fascia media: non è quella che vorresti usare per giochi seri o editing video professionale ad alto rendimento. Ma per i creatori dilettanti e altri artisti, può certamente dare una mano.

Il mio modello di test ha ottenuto un punteggio di 386 su PugetBench per Premiere Pro, che verifica la sua competenza nelle attività reali di Premiere Pro. Non è un punteggio vergognoso tra i migliori concorrenti, ma non è nemmeno eccezionale. Il sistema arriva sotto i punteggi che abbiamo visto dal Dell XPS 15 con la stessa GPU e il MacBook Pro a sei core, che ha AMD Radeon Pro 5300M. E, naturalmente, perde contro le macchine dei creatori con chip Nvidia più potenti, come il a un prezzo inferiore Gigabyte Aero 15 con un RTX 3060.

Se hai intenzione di lavorare intensamente sui contenuti, preparati ad ascoltare i fan. Anche quando stavo saltellando in Chrome, erano abbastanza spesso udibili. Tra i lati positivi, hanno fatto il loro lavoro: il fondo del laptop, la tastiera, il touchpad, i poggiapolsi e la cerniera sono rimasti tutti freddi.

La tastiera e il touchpad del Thinkpad X1 Extreme Gen 3 dall'alto.

Lenovo afferma che il ThinkPad può caricare fino all’80% in 60 minuti con la sua funzione “Rapid Charge”.

Un altro compromesso che stai facendo qui è la durata della batteria. Ho fatto una media di solo quattro ore e 59 minuti nel nostro test della batteria, che prevedeva l’utilizzo del ThinkPad per il multitasking continuo in ufficio sul profilo Battery Saver, con lo schermo intorno ai 200 nit di luminosità. Ho eseguito una prova senza utilizzare Chrome per vedere se questo avrebbe fatto la differenza; non è successo. E questo risultato in realtà sembra essere un po ‘alto – Tom’s Hardware ha ottenuto due ore e 19 minuti ancora più concisi su un benchmark di streaming sintetico.

Non è inaspettato che una macchina con uno schermo 4K e una GPU discreta non duri tutto il giorno. Ma ho ottenuto più succo dal Gigabyte Aero 15, che ha sia un display OLED che una scheda grafica più pesante. E se non hai bisogno dello schermo ad alta risoluzione (cosa che molte persone non vogliono), il Dell XPS 15 (che ha ancora un display eccezionale) è durato un’ora in più con il mio flusso di lavoro, mentre il mio collega Dieter Bohn è arrivato fino a otto ore fuori dal MacBook Pro. Le persone interessate all’X1 Extreme che preferirebbero non averlo sempre collegato alla presa dovrebbero prendere in considerazione un modello FHD (1080p).

Il Thinkpad X1 Extreme Gen 3 si apre su una lastra di roccia all'aperto.  Lo schermo mostra una scena notturna all'aperto con il logo Lenovo sul lato destro.

È un ThinkPad tutto e per tutto.

In definitiva, la decisione tra il ThinkPad X1 Extreme Gen 3 e altre workstation sottili e leggere da 15 pollici si riduce davvero a: vuoi un ThinkPad?

Questo per dire che l’X1 Extreme condivide molti dei punti di forza e di debolezza delle macchine Windows come l’XPS 15. Entrambi hanno display abbaglianti, chip decenti, struttura robusta, ventole chiassose e durata della batteria mediocre. Entrambi hanno tastiere e touchpad migliori della categoria, con webcam e altoparlanti nella media.

Ma un ThinkPad e un XPS sono ancora macchine molto diverse e, se hai già utilizzato qualsiasi membro di entrambe le formazioni, probabilmente sai quale preferisci. Hanno un aspetto diverso e sensazioni diverse. Il ThinkPad è leggermente più leggero e leggermente più spesso, con più porte e cornici più grandi. L’XPS è un po ‘più potente, ma il ThinkPad ha funzionalità aziendali extra.

L’XPS, a causa del suo prezzo inferiore, è un modello più accessibile per la maggior parte dei consumatori. E i chip più deboli dell’X1 Extreme e la scarsa durata della batteria, in particolare, sono pillole difficili da ingoiare a un prezzo così alto. Ma c’è ancora un mercato per l’X1 Extreme e se sei disposto a sacrificare un po ‘di potenza, un po’ di soldi e un po ‘di durata della batteria per i vantaggi unici di un ThinkPad, probabilmente ci cadrai.

Fotografia di Monica Chin / The Verge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *