La ruggente estate post-pandemia degli anni ’20 mi terrorizza

È probabile che cambierà. Per molti, me compreso, l’ansia colpisce ancor prima che un colpo entri nel braccio. “L’anticipazione delle interazioni sociali è spesso la cosa più difficile”, afferma Brown. “L’ansia anticipatoria di come sarà potrebbe effettivamente essere peggiore della realtà di quanto sia grave l’ansia una volta che è qui, ma è quel periodo di accumulo che può essere molto snervante per le persone.” Benvenuto nel periodo di accumulo.

La buona notizia è che possiamo mitigare questi sintomi. Il primo passo è rimanere presenti. Più facile a dirsi che a farsi, ma quando senti insinuarsi pensieri orientati al futuro, dice Brown, cerca di coglierli e ricorda a te stesso di non preoccuparti dell’estate fino, beh, all’estate. “Quando pensiamo al futuro ci sentiamo ansiosi e quando pensiamo al passato tendiamo a sentirci tristi. E quindi l’obiettivo è, per quanto possibile, cercare di rimanere solo nel qui e ora “.

Soprattutto dobbiamo fare accordi per essere gentili con noi stessi. Richard Heimberg, professore di psicologia alla Temple University ed ex direttore della Adult Anxiety Clinic, osserva che questa gentilezza sarà particolarmente necessaria poiché gli ansiosi e i non ansiosi avranno un po ‘di “ruggine”. Anche le cose che sembravano una seconda natura in Prima dei tempi, come il pendolarismo o il lavoro in un ufficio, potevano suscitare un po ‘di disagio dopo un intero anno senza pratica. “Il livello di ansia che noi [all] la sensazione in generale sarà elevata a causa dei problemi di salute e della ruggine “, afferma. È importante assicurarsi che tutti gli obiettivi che ci prefiggiamo ne tengano conto e che li trattiamo come aspirazionali piuttosto che prescrittivi.

“Se ci aspettiamo di comportarci perfettamente”, dice Heimberg, “allora ci piccheremo se non raggiungiamo quello standard”. Per alcuni, il riemergere potrebbe essere più un lento dimenarsi che una rottura netta attraverso i nostri gusci, e va bene così. “Si tratta di accettare che tutti gli altri siano preoccupati per quello che pensiamo di loro come il contrario. E si tratta di dare a noi stessi la possibilità di essere semplicemente umani “.

Con la vita la linea, la minaccia del Covid-19 ha dato a molti di noi la sicurezza di dire di no, agli altri ea noi stessi. Le poche uscite sociali che sono riuscito a fare in isolamento sono fortunatamente arrivate con un ulteriore livello di sensibilità da parte di amici e familiari. Ho fatto del mio meglio per fornire loro lo stesso. Forse la cosa più importante, le circostanze mi hanno portato ad estendere anche a me stesso quella politica di accettazione senza giudizio. E non sono pronto a rinunciarvi.

Non devo. Quell’onestà con noi stessi e con gli altri su ciò con cui siamo a nostro agio e su ciò che realmente volere da fare non deve scomparire insieme al virus. In effetti, tutta la pratica di navigare nelle conversazioni su quali impostazioni e attività ci stanno bene, dal punto di vista dei virus, potrebbe semplicemente lasciarci meglio.

“Questa pandemia ha creato un linguaggio in cui le persone possono iniziare a esprimere come i loro livelli di comfort potrebbero essere diversi da quelli dei loro amici, e penso che sia un inizio fantastico”, dice Brown. “Quando il contesto è diverso e il virus è un motivo minore per cui non puoi impegnarti socialmente, penso che le persone avranno ancora bisogno di stabilire quei limiti da se stesse … Non che dovrebbero dire di no a tutto, ma che dovresti dire di sì alle cose che potrebbero darti gioia. “

In un mondo perfetto, mi piacerebbe Marie Kondo fuori dalla mia vita sociale dopo il vaccino, facendo le cose che mi rendono felice e dicendo no a quelle che non lo fanno. Scoppierei la bolla pandemica senza perdere la mia prospettiva pandemica. Ovviamente non è mai così semplice. Sono sempre la stessa persona. Le aspettative entreranno inevitabilmente di nascosto. Di tanto in tanto farò cose che non voglio, o mi guarderò intorno e mi chiederò se le mie decisioni siano quelle giuste. Ma si spera di essere un po ‘più gentile con me stesso lungo la strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *