I federali vogliono che tu distrugga il nascondiglio di questa subdola cozza

Daniel ha mostrato al gestore del negozio di animali come uccidere l’intruso d’acqua dolce immergendolo in acqua super salata, e hanno rimosso le palline di muschio dagli scaffali. Tuttavia, entro l’8 marzo, l’USGS segnalati avvistamenti di cozze in palle di muschio in Alaska, California, Colorado, Florida, Georgia, Iowa, Massachusetts, Michigan, Montana, Nebraska, Nevada, New Mexico, North Dakota, Oklahoma, Oregon, Tennessee, Vermont, Virginia, Wisconsin, Washington e Wyoming, con più stati aggiunti da allora. I funzionari stanno indagando su quella che Daniel definisce la “catena di custodia”, cercando di determinare se le palline di muschio provenissero tutte da un singolo produttore, probabilmente un grossista con sede in Ucraina, o da diverse fonti. Nel frattempo, con l’US Fish and Wildlife Service e altri partner, l’USGS guida emessa per aver messo il prosciutto sulle palle di muschio per reprimere la nuova invasione: è lì che entrano in gioco tutto lo sbiancamento, l’ebollizione, il congelamento e altri pugni. Successivamente, la palla brutalizzata dovrebbe finire nella spazzatura, in un sacchetto sigillato.

Le introduzioni dagli acquari domestici non sono il vettore più comune per le specie che entrano nei corsi d’acqua come i Grandi Laghi, ma “accadono”, afferma Christine Mayer, ecologa acquatica dell’Università di Toledo. “Soprattutto con i pesci, la gente non vuole ucciderli. Le persone non si sentono così male a mettere una pianta nel compost, ma non sono sicure di sapere come eutanasia umanamente un pesce “. Mayer dice che gli ecologisti che campionano nei Grandi Laghi a volte si imbatteranno in un pesce rosso, liberato da un acquario o discendente da altri selvaggi.

Un attacco preventivo è il modo migliore per mantenere piccole le popolazioni di cozze zebra, perché le comunità stabilite sono incredibilmente difficili da sradicare. “Tutti coloro che lavorano con specie invasive dicono che prevenire è meglio che curare”, afferma Mayer. “Tenere le cose fuori è più economico, più facile e meglio che cercare di ucciderle una volta che sono lì.”

Le introduzioni da grandi navi non sono più un problema così importante, perché ora ci sono procedure per come, dove e quando l’acqua di zavorra può essere scaricata, afferma Eva Enders, ricercatrice presso Fisheries and Oceans Canada che ha studiato la muscolatura delle cozze nel lago Winnipeg, in Manitoba. Ora, dice Enders, “il rischio che rimane è nell’entroterra: il trasporto con piccole imbarcazioni da diporto o da diporto da un lago all’altro, da un fiume all’altro”. Per aiutare nella prevenzione, ecologisti, naturalisti e altri intorno alla regione dei Grandi Laghi hanno incoraggiato i diportisti a ispezionare i loro scafi e motori e drenare e asciugare accuratamente i compartimenti di contenimento dell’acqua tra un’uscita e l’altra.

È difficile immaginare un futuro in cui i corsi d’acqua soffusi di cozze ne siano mai completamente liberi. “I Grandi Laghi sono un pò … sono già una cosa”, dice Mayer. Non è così ovunque, tuttavia, e gli sforzi più recenti si sono concentrati sul soffocare le cozze zebra invasive negli Stati Uniti occidentali, dove non hanno ancora reclamato tanto tappeto erboso. Gruppi come il Cozza invasiva Collaborativa, che lavora in collaborazione con la Commissione dei Grandi Laghi, USGS, National Oceanic and Atmospheric Administration e altri, condividono le tattiche per spegnere le piccole popolazioni. Nel Lake George di New York, ad esempio, una squadra sfrattato con successo una popolazione di cozze alle prime armi mettendo in quarantena l’intero lago e inviando i subacquei a rimuoverli manualmente.

Altro strategie includono pompando anidride carbonica nella colonna d’acqua, che soffoca le cozze al suo interno, e stendendo stuoie bentoniche simili a telo su fondi tempestati di cozze, barricando le creature dall’ossigeno, dalla luce e dal cibo. Diversi stati hanno “stazioni di decontaminazione”, dove le barche vengono ispezionate e pulite, dice Weibert. In Alberta, Canada, i cani che annusano le cozze vengono trascinati ai posti di blocco dell’autostrada, osserva Enders. Il personale dell’USGS sta attualmente adattando un test, inizialmente sviluppato per le carpe invasive, per scoprire le prove genetiche delle cozze zebra nell’acqua; Daniel pensa che potrebbe essere attivo e funzionante nei prossimi mesi.

Ma per ora, gli ecologisti vogliono davvero il tuo aiuto per prevenire nuove propagazioni, e questo implica scatenare una furia infernale sulle palle di muschio.


Altre fantastiche storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *