Facebook blocca temporaneamente la pagina del presidente del Venezuela per aver diffuso disinformazione sul coronavirus

Facebook ha congelato la pagina del presidente venezuelano Nicolas Maduro per aver violato la sua politica contro la diffusione della disinformazione COVID-19, ha confermato la società sabato. Come riportato per la prima volta da Reuters, Maduro aveva promosso un rimedio “miracoloso” che, secondo lui, avrebbe curato il coronavirus, ma quelle affermazioni non sono state supportate dalla comunità medica.

Facebook ha anche rimosso un video in cui Maduro pubblicizzava Carvativir, un rimedio omeopatico estratto dal timo. Maduro ha lodato la soluzione in passato come “gocce miracolose” e una “svolta medica”. I medici in Venezuela hanno definito “pericolose” le affermazioni di Maduro secondo cui Carvatavir può trattare il coronavirus.

Questa non è la prima volta che Maduro fa false affermazioni sui trattamenti per il coronavirus sulle sue piattaforme di social media. Lo scorso marzo, Twitter rimosso uno dei tweet di Maduro che ha approvato una “miscela” che ha falsamente affermato potrebbe “eliminare i geni infettivi” di COVID-19. La rimozione è avvenuta nonostante la posizione di Twitter contro la rimozione dei tweet dei leader mondiali a meno che i tweet non violino esplicitamente le sue altre regole.

Facebook ha tentato con alterne fortune di combattere la diffusione della disinformazione del coronavirus durante la pandemia, promulgando politiche che richiedevano la rimozione di post che potevano portare a “danni fisici imminenti”. It ha ampliato la politica richiedere la rimozione di false affermazioni sui vaccini COVID-19, comprese le teorie del complotto e false dichiarazioni sulla sicurezza dei vaccini e sugli effetti collaterali. Ha anche applicato etichette ai post con informazioni errate sul coronavirus e guidato gli utenti a informazioni accurate da fonti mediche affidabili.

Un portavoce di Facebook ha detto in una e-mail a The Verge sabato che l’azienda segue le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità che afferma che non esiste una cura per il coronavirus. “A causa di ripetute violazioni delle nostre regole, stiamo anche bloccando la pagina per 30 giorni, durante i quali sarà di sola lettura.”

Aggiornamento del 27 marzo alle 10:15 ET: Aggiunge il commento del portavoce di Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *