Corea del Nord: Biden avverte la Corea del Nord di “risposte” se continuano a testare missili balistici



Alla domanda sui lanci durante la sua conferenza stampa di giovedì, Biden ha detto ai giornalisti: “Stiamo consultando i nostri alleati e partner e ci saranno risposte se sceglieranno di intensificarsi. Risponderemo di conseguenza”.

Biden ha aggiunto di essere anche “preparato per una qualche forma di diplomazia, ma deve essere condizionata al risultato finale della denuclearizzazione”.

I commenti del presidente arrivano mentre l’amministrazione sta dando gli ultimi ritocchi alla sua revisione politica della Corea del Nord, che è in corso da mesi e potrebbe essere svelata la prossima settimana.

Mercoledì la Corea del Nord ha lanciato due missili balistici. I capi di stato maggiore congiunti della Corea del Sud hanno dichiarato in una dichiarazione che due missili a corto raggio erano stati lanciati dall’area di Hamju della provincia di South Hamgyong verso il mare, al largo della costa orientale della Corea del Nord, alle 7:06 e alle 7:25 di giovedì ora locale. .

I proiettili hanno volato per circa 450 chilometri (280 miglia), raggiungendo un’altitudine di 60 chilometri (37 miglia), e si ritiene che siano stati lanciati da terra, afferma il comunicato.

Il tipo esatto dei missili non era chiaro, ha detto in precedenza un alto funzionario americano alla CNN, citando un briefing dell’intelligence.

Anche la Corea del Nord lo aveva fatto in precedenza ha lanciato due proiettili lo scorso fine settimana, secondo tre funzionari statunitensi, effettuando il suo primo test sulle armi da quando Biden è entrato in carica in una mossa che alti funzionari dell’amministrazione hanno minimizzato in quanto rientrante “nella fascia bassa dello spettro” di azioni provocatorie che il regime potrebbe compiere.
Biden lo aveva già fatto ha pesato sugli scioperi del fine settimana, dicendo ai giornalisti martedì sera che non ha visto il lancio dello scorso fine settimana come una vera provocazione.

Il Dipartimento della Difesa lo vede come “affari come al solito. Non c’è una nuova piega in quello che hanno fatto”, ha detto Biden, ridendo quando gli è stato chiesto se il lancio influenzi la diplomazia.

I funzionari dicono che non hanno in programma di rispondere a tutti i test della Corea del Nord – “Non crediamo che sia nel nostro migliore interesse pubblicizzare queste cose”, ha detto un funzionario – sebbene i test balistici di mercoledì stabiliscano un nuovo limite .

I funzionari dell’amministrazione affermano anche che non ci sono piani per ritirare le esercitazioni militari congiunte con la Corea del Sud, precedentemente annullate dall’allora presidente Donald Trump, che sono attualmente in corso. Dicono che sia antitetico al ruolo degli Stati Uniti nella regione.

Mentre hanno condotto questa revisione della politica della Corea del Nord, i funzionari si sono impegnati in intense consultazioni in tutto il governo e in Asia, nonché in consultazioni di alto livello con ex funzionari dell’amministrazione Trump. È probabile che il risultato attribuisca un premio al lavoro multilaterale e non escluderà un impegno diretto con la Corea del Nord, anche se per ora sembra un non-start.

Consiglieri per la sicurezza nazionale dalla Corea del Sud e dal Giappone verranno a Washington la prossima settimana per incontrare il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, e il primo ministro giapponese Yoshihide Suga è atteso alla Casa Bianca nelle prossime settimane.

Jason Hoffman della CNN, Barbara Starr, Oren Liebermann e Zachary Cohen hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *