Il codice originale di Ninja Gaiden Black e II è apparentemente andato perso

Persone che si sono perse la prima azione 3D Ninja Gaiden i giochi usciti negli anni Aughts (e quell’altro di cui non parliamo veramente dal 2012) avranno la possibilità di giocarli tutti e tre il prossimo giugno in Ninja Gaiden: Master Collection, annunciato per Nintendo Switch, Xbox One e PS4. Ma purtroppo, le prime due voci della trilogia saranno basate sul Sigma riedizioni originariamente uscite su PS3 e PS Vita, non le loro versioni definitive (Ninja Gaiden Black per la Xbox originale e Ninja Gaiden II per Xbox 360) perché il team afferma che il codice sorgente è scomparso.

Citando un recente Famitsu intervista (via Kotaku), un membro dello staff dello sviluppatore Team Ninja ha dichiarato alla pubblicazione che “ci sono solo frammenti dei dati che rimangono. Non siamo riusciti a salvarli. ” Quindi, non è che l’azienda preferisca il Sigma remake degli amati titoli originali: questa era l’unica opzione del Team Ninja, a quanto pare.

Ninja Gaiden Black

Un altro screengrab di Ninja Gaiden Black in esecuzione su Xbox One X, che mostra il design originale della Xbox come un uovo di Pasqua.

“Sono consapevole che ci sono pro e contro”, afferma Fumihiko Yasuda, brand manager del Team Ninja, riferendosi al Sigma remake. “Per me personalmente, Ninja Gaiden II è stato il mio debutto, e quindi ne ho un profondo sentimento “, ha detto Yasuda Famitsu. I pro di cui sta parlando sono i miglioramenti grafici e delle prestazioni e i contenuti extra. I contro sono più numerosi, come quante persone si sono sentite Ninja Gaiden Sigma e Sigma II sono stati resi più facili rispetto alle copie del 2004, 2005 e 2008 di quei giochi e che alcuni del design dei livelli, degli oggetti di gioco, delle battute della storia e dei nemici sono stati modificati. L’intervista non affronta se i dati per la versione originale del 2004 di Ninja Gaiden esiste ancora, o se Sigma è davvero l’unica copia completa del gioco esistente.

Non vedo l’ora di giocare di nuovo a tutti questi giochi, possibilmente sul mio Nintendo Switch, ma questo è ancora un altro esempio del perché la conservazione nei giochi è così importante. Questi non sono nemmeno titoli particolarmente vecchi, con l’originale Ninja Gaiden uscito su Xbox solo 17 anni fa. Ma, indipendentemente dall’età, è meglio ricordare la ricca storia dei giochi avendo quei giochi in giro piuttosto che desiderare che esistessero ancora. Bene, è ora di andare a stringere la mia copia di Ninja Gaiden Black e non lasciarti mai andare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *