Bobby Brown, Yankee Infielder diventato cardiologo, è morto a 96 anni


Bobby Brown, l’infielder yankee che ha giocato in quattro squadre del campionato World Series mentre perseguiva una carriera in medicina, ha lasciato il baseball all’età di 29 anni per aprire uno studio di cardiologia e in seguito è stato presidente della American League, è morto giovedì. Aveva 96 anni.

La sua morte è stata annunciato dagli Yankees. Il team non ha detto dove è morto né specificato la causa.

Brown di solito perdeva l’allenamento primaverile a causa dei suoi studi, ed era spesso mandato in plotone dal manager Casey Stengel, ma si è dimostrato una figura cruciale al piatto per gli Yankees quando è arrivato ottobre. Ha avuto una media di .439 battute, con 18 successi di cui cinque doppi e tre tripli, mentre appariva nelle World Series ogni anno, ma uno dal 1947 al 1951.

Brown ha conseguito una laurea in medicina presso la Tulane University nel 1950 e ha lasciato gli Yankees nell’estate del 1952 per il servizio medico nell’esercito durante la guerra di Corea.

“La mia unità è atterrata a Incheon, in Corea, il 1 ° ottobre 1952, il primo giorno delle World Series”, ha detto a Baseball Digest nel 2003. “È stato il giorno peggiore della mia vita. Sto arrancando su una banchina per un quarto di miglio con tutto quello che possedevo sulla schiena per andare in Corea, e la mia squadra sta giocando nelle World Series. Mia moglie ha avuto il nostro primo figlio quando stavo sorvolando il Pacifico. “

Brown divenne un chirurgo di battaglione vicino al fronte e in seguito prestò servizio in un ospedale dell’esercito a Tokyo.

Fu dimesso nell’aprile 1954 e quella primavera suonò occasionalmente per gli Yankees. Si è ritirato a luglio dopo otto stagioni con una media di battuta in carriera di .279.

Brown ha completato la sua formazione cardiologica nel 1958 e ha aperto uno studio a Fort Worth. Fatta eccezione per una pausa di alcuni mesi nel 1974, quando era presidente ad interim dei Texas Rangers, rimase in pratica medica fino al 1984, quando divenne presidente della Lega americana – un incarico che riguardava principalmente la disciplina dei giocatori per i loro scontri con gli arbitri che ha supervisionato.

Robert William Brown è nato il 25 ottobre 1924 a Seattle, figlio di William e Myrtle (Berg) Brown. Suo padre, che aveva giocato a baseball semiprofilo, incoraggiò Bobby a giocare a palla. Si è trasferito con la sua famiglia nell’area di San Francisco da adolescente e lì ha giocato a baseball sandlot con Jerry Coleman e Charlie Silvera, che sarebbero diventati suoi compagni di squadra negli Yankees.

Brown è entrato nella Marina nel 1943 e ha giocato per Stanford, UCLA e Tulane mentre iniziava la sua formazione medica in un programma di addestramento per ufficiali della seconda guerra mondiale.

Ha firmato con l’organizzazione Yankee nel 1946 per un bonus stimato in $ 50.000 o più. Quell’anno ha giocato l’interbase per la squadra della fattoria di Newark Bears degli Yankees, colpendo .341, e ha fatto il suo debutto in major league verso la fine della stagione.

I grandi soldi e i suoi capelli biondi gli hanno portato il soprannome di Golden Boy.

Joe Page, il mitigatore della stella degli Yankees, lo ha chiamato “Quack”.

Ma Brown ha dissipato tutti i dubbi che avrebbero potuto avere i suoi compagni di squadra. Un battitore mancino con guida in linea, ha battuto .300 sia nel 1947 che nel ’48, per lo più colpendo e riempiendo per alcune partite dietro Billy Johnson, il terzo base, e Phil Rizzuto, l’interbase, entrambi battitori destri .

Brown è andato 3 su 3 con una camminata da schiacciatore nelle World Series del 1947 contro i Brooklyn Dodgers, e il suo doppio pareggio in Gara 7 nel quarto inning, quando gli Yankees hanno preso il comando per sempre. Nella Serie 1949 contro i Dodgers, il primo di cinque campionati consecutivi per gli Yankees, Brown è andato 6 su 12. Nella Serie 1950, ha raddoppiato nel quarto inning dell’apertura contro i Phillies a Philadelphia e ha segnato l’unico punto della partita.

Ma una carriera in medicina mi ha fatto cenno. Il percorso era lungo; non ha completato la sua formazione di cardiologia fino a quando non ha indossato l’uniforme yankees per quattro anni.

Brown in seguito successe a Lee MacPhail, un ex dirigente degli Yankees, come presidente della Lega americana.

In un’intervista del 1983 con George Vecsey del New York Times, Brown ha parlato delle sfide che ha dovuto affrontare come medico e della sua decisione di rientrare nel mondo del baseball a tempo pieno nella carica di American League.

“Quando sei in servizio, lo sei davvero”, ha detto. “Le chiamate possono arrivare a qualsiasi ora. Fare progetti è un esercizio di frustrazione. Ho 59 anni. Faccio questi 26 anni e non mi vedevo farlo per più di qualche anno. Ti stanchi. “

Ha continuato: “Non mi vedevo fare lavoro amministrativo, gestire un centro di riabilitazione o qualcosa del genere. Sapevo di essere troppo giovane per smettere di lavorare, ma uno dei problemi dell’essere un medico è che non sei davvero addestrato a fare nient’altro “.

“Non ero davvero pronto a rinunciare alla mia pratica”, ha detto, “ma la presidenza del campionato è stata un’opportunità irripetibile”.

Nel giugno 1988, Brown ha imposto una sospensione di tre partite e una multa di $ 1.000 a Billy Martin, l’allenatore degli Yankees e il suo ex compagno di squadra, per aver lanciato della sporcizia a un arbitro che lo aveva espulso dopo una discussione su una chiamata.

Si è dimesso da presidente della lega nel 1994.

Negli ultimi anni, Brown è tornato allo Yankee Stadium il giorno dei vecchi tempi e alla fine è diventato uno degli Yankees più anziani dell’evento, insieme a Yogi Berra, che era stato suo compagno di stanza in viaggio. Quell’accoppiamento ha prodotto la storia spesso raccontata (e forse vera) che mentre Brown stava esaminando i suoi volumi medici una notte, Berra gli disse di fargli sapere come è andato il suo libro.

La moglie di Brown, Sara (francese) Brown, che ha sposato nel 1951, è morta nel 2012. Le informazioni complete sui sopravvissuti non erano immediatamente disponibili.

Nel suo libro “Summer of ’49” (1989), David Halberstam ha scritto della conferenza stampa che annunciava la firma di Brown: “Larry MacPhail, uno dei proprietari degli Yankee, aveva parlato in modo così stravagante dei suoi talenti – che bravo giovane uomo era e che brillante giovane dottore sarebbe diventato – quel Will Wedge del Sole ha finalmente chiesto: “Larry, lo stai ingaggiando come giocatore o medico?” “

Brown ha parlato delle sue missioni di duello per eccellere nella major league di baseball e medicina in un’intervista a The Sporting News nel giugno 1949.

“Finché il baseball mi vuole, io voglio il baseball”, ha detto. “Inevitabilmente, ci sarà un giorno in cui dovrò dire a me stesso: ‘È giunto il momento. Appendi le punte e l’uniforme, metti via i pipistrelli e mettiti a fare il giuramento di Ippocrate. ‘”

Quando stava per diventare presidente della Lega americana, il Times gli chiese se si fosse mai chiesto che tipo di giocatore sarebbe stato se avesse perseguito il baseball a tempo pieno.

Lui ha risposto: “Lo chiedo ogni giorno”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.