Taiwan afferma di aver iniziato la produzione di massa di missili a lungo raggio | Notizie sulle armi


Le forze armate di Taiwan sono nel bel mezzo di un programma di modernizzazione per costruire un deterrente più efficace contro la Cina.

Taiwan ha iniziato la produzione di massa di un missile a lungo raggio e sta sviluppando altri tre modelli, ha detto un alto funzionario in una rara ammissione di sforzi per sviluppare la capacità di attacco in mezzo alla crescente pressione cinese.

Rispondendo alle domande dei legislatori in Parlamento, il ministro della Difesa di Taiwan Chiu Kuo-cheng ha detto giovedì che sviluppare una capacità di attacco a lungo raggio è una priorità.

La Cina, che rivendica la democrazia Taiwan come proprio territorio, ha intensificato l’attività militare vicino all’isola, mentre cerca di costringere il governo di Taipei ad accettare le rivendicazioni di sovranità di Pechino.

Le forze armate di Taiwan, sminuite da quelle cinesi, sono nel bel mezzo di un programma di modernizzazione per offrire un deterrente più efficace, inclusa la capacità di reagire alle basi più profonde della Cina in caso di conflitto.

“Speriamo che sia a lungo raggio, preciso e mobile”, ha detto Chiu in Parlamento, aggiungendo che la ricerca su tali armi da parte dell’Istituto nazionale di scienza e tecnologia Chung-Shan di proprietà statale “non si è mai interrotta”.

In piedi accanto a Chiu, il vicedirettore dell’istituto Leng Chin-hsu ha detto che un missile terrestre a lungo raggio era già entrato in produzione, con altri tre missili a lungo raggio in fase di sviluppo.

Leng ha detto che “non era conveniente” per lui fornire dettagli su quanto lontano poteva volare il missile.

L’istituto, che guida gli sforzi di sviluppo delle armi di Taiwan, negli ultimi mesi ha effettuato una serie di test missilistici al largo della sua costa sud-orientale.

I media di Taiwan hanno trasmesso immagini del lancio di missili e sono state date istruzioni agli aerei di tenersi lontani dall’area di prova, ma i test sono stati altrimenti avvolti nel segreto.

Le forze armate di Taiwan si sono tradizionalmente concentrate sulla difesa dell’isola da un attacco cinese.

Ma il presidente Tsai Ing-wen ha sottolineato l’importanza di sviluppare un deterrente “asimmetrico”, utilizzando apparecchiature mobili difficili da trovare e distruggere e in grado di colpire obiettivi lontani dalla costa di Taiwan.

Washington, il principale fornitore estero di armi di Taipei, è stato desideroso di creare un contrappeso militare alle forze cinesi, basandosi su uno sforzo noto all’interno del Pentagono come “Fortezza Taiwan”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *