L’avvocato di Deshaun Watson denuncia la negazione delle accuse di aggressione


Le accuse di aggressione e cattiva condotta sessuale contro il quarterback della star di Houston Texans Deshaun Watson sono aumentate la scorsa settimana, poiché 16 donne hanno intentato cause civili contro di lui e il loro avvocato ha pubblicizzato le accuse sui social media e in una conferenza stampa che è stata trasmessa in streaming online.

A parte una smentita anticipata delle prime due affermazioni, Watson è rimasto per lo più in silenzio. Nella prima sostanziale confutazione alle accuse, l’avvocato di Watson, Rusty Hardin, martedì ha contestato la veridicità di tutte le affermazioni e ha descritto una delle due accuse di violenza sessuale come un tentativo di ricattare il suo cliente.

In una dichiarazione, Hardin ha criticato Tony Buzbee, l’avvocato che rappresenta le donne, dicendo che aveva “orchestrato un’atmosfera da circo utilizzando i social media per pubblicizzare 14 cause legali di” Jane Doe “” per diffamare la reputazione di Watson. Martedì Buzbee ha presentato altre due cause.

L’avvocato di Watson ha anche affermato di avere “prove solide” che dimostrano che la prima causa per violenza sessuale era falso, e ha detto che “mette in dubbio la legittimità anche degli altri casi”.

“Credo che qualsiasi accusa secondo cui Deshaun ha costretto una donna a commettere un atto sessuale sia completamente falsa”, ha detto Hardin.

Buzbee ha risposto alla dichiarazione martedì in un messaggio pubblicato su Facebook, dicendo che “suggerirebbe rispettosamente che ci sono molti fatti qui, che metteremo in archivi pubblici, di cui il signor Hardin potrebbe non essere a conoscenza”. Ha scritto nel post che prevedeva di poter aggiungere ulteriori dettagli in una dichiarazione alla fine di questa settimana.

Dal 16 marzo, un totale di 16 donne hanno accusato Watson di aggressione in cause civili intentate nella contea di Harris, in Texas, dove risiede. Secondo le denunce, gli incidenti si sono verificati da marzo 2020 a questo mese. Anche se si dice che la maggior parte sia avvenuta in Texas, si dice che due siano avvenuti in Georgia, lo stato di origine di Watson, questo mese, e in California, dove era in visita nel luglio 2020.

Le cause civili accusano Watson, 25 anni, di impegnarsi in un modello di comportamento osceno con donne assunte per fornire servizi personali – costringendole a toccarlo in modo sessuale, esponendosi a donne assunte per fare massaggi, o muovendo il suo corpo in modi che li ha costretti a toccargli il pene.

Le tute che lo accusano di violenza sessuale dicono che Watson ha fatto pressioni su entrambe le donne per fare sesso orale durante i massaggi e che ha afferrato le natiche e la vagina di una donna.

La dichiarazione di Hardin faceva riferimento alla prima accusa di violenza sessuale, che si dice sia avvenuta il 28 dicembre 2020. Quel giorno, secondo la denuncia, ha costretto la donna a toccarsi i genitali e fare sesso orale. La donna era così sconvolta, diceva la denuncia, che è svenuta per alcuni minuti.

La dichiarazione dell’avvocato di Watson martedì includeva una dichiarazione giurata firmata da Bryan Burney, responsabile marketing del quarterback negli ultimi tre anni. La dichiarazione giurata afferma che Burney ha parlato a gennaio con una donna ritenuta l’attore nella prima denuncia di violenza sessuale. Burney ha detto che la donna gli aveva chiesto di pagarle $ 30.000 per conto di Watson per “silenzio indefinito” su un incontro con Watson che Burney ha detto di aver definito consensuale.

Dopo che Burney ha rifiutato di pagare, afferma la dichiarazione, ha ricevuto una seconda chiamata da un uomo che affermava di essere il direttore aziendale della donna. Quell’uomo ha affermato che qualcosa di imbarazzante sarebbe stato rivelato se Watson non avesse pagato per mantenerlo segreto. Watson, ha detto Burney, non ha soddisfatto la richiesta dell’uomo.

Hardin ha aggiunto nella dichiarazione che la squadra di Watson stava “prendendo molto sul serio le accuse e chiediamo solo che le persone non si affrettino a giudicare, che le persone non siano indebitamente influenzate dalle buffonate degli avvocati avversari e che lasciano che sia l’imparzialità fondamentale di entrambe le parti a governare la giornata. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *