Ora puoi dire alla FCC quanto è rotto Internet per te

Non è affatto controverso affermare che il servizio Internet fa schifo negli Stati Uniti. Come parte del suo piano per aggiornare le mappe di copertura negli Stati Uniti, la Federal Communications Commission (FCC), in una rottura con la tradizione, sta finalmente chiedendo agli americani medi per segnalare quali sono i servizi Internet in realtà a disposizione dove vivono.

In passato, la FCC ha realizzato queste mappe di copertura con dati auto-segnalati dagli stessi ISP, una decisione intrinsecamente compromettente perché i fornitori di servizi Internet vorranno naturalmente dipingere il quadro più roseo possibile. Poiché la FCC utilizza queste mappe come prova per la proposta di regolamento, può seriamente ostacolare la capacità della FCC di assicurarsi che ci sia una concorrenza effettiva nel mercato e che Internet venga distribuito in modo responsabile. Ad esempio, una mappa potrebbe mostrare che hai 11 fornitori di banda larga quando in realtà hai solo una o due opzioni reali.

Ora, la FCC andrà finalmente dalle persone che usano effettivamente Internet per sapere cosa succede, anche se potresti dover comunicare chiaramente per essere ascoltato. Il modulo utilizzato dalla FCC per le tue risposte è decisamente rudimentale; sembra un modulo di reclamo generale e non pone alcuna domanda specifica sulla banda larga (l’unico riferimento è nell’intestazione). Ma la FCC afferma che è un tappabuchi sulla strada per uno strumento di segnalazione più dettagliato e specifico. Per ora, forse puoi dare un’occhiata le attuali mappe schifose della FCC al tuo indirizzoe comunica alla FCC se hai effettivamente il tipo di scelte che gli ISP affermano di avere.

Si spera che, una volta che la Broadband Data Task Force avrà finito di raccogliere questi nuovi punti dati, avremo mappe più accurate che mostrino la preoccupante realtà di Internet americana e saremo in grado di fare qualcosa al riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *