Il sospetto che spara ad Atlanta deve affrontare l’accusa di “omicidio per malizia” Notizie sul crimine


Il 21enne accusato di aver aperto il fuoco nelle terme negli Stati Uniti la scorsa settimana, uccidendo otto persone, deve affrontare ulteriori accuse di “omicidio colposo” e aggressione aggravata, ha detto lunedì un’agenzia delle forze dell’ordine.

L’omicidio colposo è un reato nello stato americano della Georgia, dove hanno avuto luogo gli attacchi mortali, accusati di malizia implicita o espressa.

Robert Aaron Long è stato arrestato a seguito di un inseguimento da parte della polizia poche ore dopo la sparatoria in tre diverse terme il 16 marzo, che ha scatenato una protesta a livello nazionale per gli attacchi basati sull’odio contro gli asiatici americani.

“Lavorando con le giurisdizioni in tutta la Georgia, Robert Aaron Long è stato rapidamente arrestato e ora deve affrontare l’omicidio per dolo e le accuse di aggressione aggravata nella nostra giurisdizione”, ha detto in una dichiarazione l’ufficio dello sceriffo della contea di Cherokee.

L’ufficio ha detto che i suoi delegati stavano ancora indagando sul crimine e raccogliendo prove.

“Nel tentativo di preservare il caso per l’accusa, l’ufficio dello sceriffo Cherokee non farà ulteriori commenti su questo caso in questo momento”, ha detto.

Le persone tengono cartelloni durante un raduno “ Stop Asian Hate ”, dopo le sparatorie mortali, ad Atlanta, in Georgia, il 20 marzo 2021 [File: Shannon Stapleton/Reuters]

Sette delle otto persone uccise nella sparatoria erano donne, sei delle quali erano di origine asiatica.

Sono Soon C Park di 74 anni, Hyun J Grant di 51 anni, Suncha Kim di 69 anni, Yong A Yue di 63 anni, Daoyou Feng di 44 anni e 49 anni. Xiaojie Tan, proprietario di una delle sale massaggi.

Anche Paul Andre Michels, un veterano dell’esercito, e Delaina Ashley Yaun, 33 anni, sono stati uccisi.

Gli attacchi hanno scatenato lutto e rabbia, poiché i sostenitori della comunità hanno chiesto azioni concrete per difendere gli asiatici americani e gli isolani del Pacifico dagli attacchi razzisti, che sono aumentati durante la pandemia COVID-19.

“Da dove mi siedo, voglio vedere un’indagine più approfondita sul fatto che queste sparatorie e altri crimini simili siano o meno motivati ​​dal punto di vista razziale”, ha detto al programma della CBS Face the Nation il senatore degli Stati Uniti Tammy Duckworth, uno dei soli due americani asiatici al Senato Domenica.

Duckworth, altri legislatori e sostenitori asiatici-americani hanno richiamato l’attenzione sull’uso di termini come “influenza Kung” e “virus cinese” da parte dell’ex presidente Donald Trump per riferirsi alla pandemia COVID-19 come fattore dell’aumento di episodi di odio durante lo scorso anno .

Un recente rapporto ha rilevato 3.795 episodi di odio contro gli asiatici americani e gli isolani del Pacifico che si sono verificati tra marzo 2020 e febbraio di quest’anno.

Nel frattempo, i manifestanti si sono radunati ad Atlanta e in molte altre città degli Stati Uniti durante il fine settimana per chiedere la fine del razzismo e della violenza anti-asiatici.

Un portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha anche rilasciato lunedì una dichiarazione in cui afferma che Gutteres “è profondamente preoccupato per l’aumento della violenza contro gli asiatici e le persone di origine asiatica durante la pandemia COVID-19”.

“Il mondo è stato testimone di orribili attacchi mortali, molestie verbali e fisiche, bullismo nelle scuole, discriminazione sul posto di lavoro, incitamento all’odio nei media e sulle piattaforme dei social media e linguaggio incendiario da parte di coloro che occupano posizioni di potere”, si legge nella dichiarazione. non menzionare un paese specifico.

“In alcuni paesi, le donne asiatiche sono state specificamente prese di mira per gli attacchi, aggiungendo misoginia al mix tossico di odio”.

L’FBI sta attualmente assistendo le autorità locali nelle indagini, che non hanno ancora stabilito che il pregiudizio fosse un fattore motivante, necessario per perseguire le accuse di crimini ispirati dall’odio.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *