Google espande gli sforzi di progettazione di chip cloud con l’assunzione di Intel da un veterano

Google sta espandendo gli sforzi per progettare i propri chip con l’assunzione di Uri Frank, un veterano di Intel con oltre due decenni di esperienza nella progettazione di CPU personalizzate, il ha annunciato l’azienda. Frank sarà a capo di un nuovo team basato su Isreal per Google e fungerà da VP of Engineering dell’azienda per la progettazione di chip per server. “Non vedo l’ora di far crescere un team qui in Israele mentre accelera le innovazioni di Google Cloud nell’infrastruttura di elaborazione”, ha scritto Frank in un post su LinkedIn annunciando il trasferimento.

Poiché Google e altri giganti della tecnologia hanno cercato maggiori prestazioni ed efficienza energetica, si sono sempre più rivolti a progetti di chip personalizzati su misura per casi d’uso specifici. Google ha già introdotto diversi chip personalizzati tra cui la sua unità di elaborazione del tensore (per aiutare con attività come la ricerca vocale e il riconoscimento di oggetti fotografici), le unità di elaborazione video e OpenTitan, un chip incentrato sulla sicurezza open source.

Dal punto di vista del consumatore, Google progetta già chip personalizzati come Titan M e Pixel Neural Core per i suoi telefoni. Ci sono state anche segnalazioni secondo cui Google sta progettando processori che potrebbero eventualmente alimentare i suoi telefoni Pixel e Chromebook.

Nonostante l’assunzione, Google avverte che non ha intenzione di costruire da solo ogni chip del server. “Compriamo dove ha senso, lo costruiamo da soli dove è necessario e miriamo a costruire ecosistemi a vantaggio dell’intero settore”, spiega l’azienda. Ma il grande cambiamento sarà cercare di integrare questi diversi componenti hardware su un singolo sistema su chip (SoC), piuttosto che tramite una scheda madre dove sono separati da “pollici di cavi” che introducono latenza e riducono la larghezza di banda. “Il SoC è la nuova scheda madre”, afferma Google.

Altri giganti della tecnologia hanno ambizioni di chip personalizzate simili. Amazon ha il suo Chip server Graviton basati su ARM mentre Facebook ha annunciato progettazione di chip per data center propri. Si pensa anche che Microsoft stia lavorando alla progettazione dei propri chip per server, nonché dei processori per la sua linea di PC Surface. Apple ha diversi progetti di chip al suo attivo ed è attualmente in procinto di trasferire la sua linea di Mac da Intel ai suoi processori basati su ARM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *