Amazon nomina l’ex dirigente Adam Selipsky come nuovo capo di AWS

Amazon ha nominato il dirigente di Salesforce Adam Selipsky in sostituzione di Andy Jassy, ​​il capo di lunga data di Amazon Web Services (AWS) e il prossimo CEO dell’azienda quando il fondatore Jeff Bezos si dimette entro la fine dell’anno. Selipsky ha lavorato in AWS per più di 10 anni prima di gestire la startup Tableau, che ora fa parte di Salesforce. La notizia era segnalato per la prima volta da CNBC, che ha pubblicato mercoledì il promemoria che Jassy ha inviato ai dipendenti di Amazon.

“Adam offre un forte giudizio, ossessione per il cliente, team building, generazione della domanda ed esperienza del CEO in un team di leadership AWS già molto forte. E, avendo ricoperto un ruolo così importante in AWS per 11 anni, conosce bene la nostra cultura e il nostro business “, ha scritto Jassy nel promemoria. Selipsky è entrato a far parte di Salesforce quando il gigante del cloud computing ha acquisito Tableau in un mostruoso affare da 15,7 miliardi di dollari nel 2019. Selipsky fa parte del team dirigenziale di Salesforce da quando è stato CEO di Tableau.

Si è ipotizzato se Amazon avrebbe promosso un dirigente AWS esistente per assumere il ruolo di Jassy. Gli occhi erano puntati su Matt Garman, che è stato promosso al ruolo di vendita principale lo scorso anno, e Peter DeSantis, il direttore generale del business EC2 di AWS, come potenziali candidati.

In definitiva, sembra che Jassy si sia rivolto a un ex collega – e qualcuno con un curriculum davvero straordinario che ha contribuito a spingere una società di software di medie dimensioni verso un’acquisizione da $ 15 miliardi – come la scelta migliore per il suo sostituto per eseguire AWS. Selipsky tornerà in Amazon a maggio, quando lui e Jassy “passeranno insieme” ai loro nuovi ruoli in vista del passaggio di Bezos a presidente esecutivo del consiglio di amministrazione.

“Con una percentuale di entrate di $ 51 miliardi che cresce del 28% su base annua (questi erano i numeri del quarto trimestre 2020 che abbiamo condiviso pubblicamente per l’ultima volta), è facile dimenticare che AWS è ancora nelle primissime fasi di ciò che è possibile”, ha scritto Jassy nel promemoria, facendo riferimento a meno del 5% della spesa IT globale che si verifica nel mercato del cloud computing. “Abbiamo molto di più da inventare per i clienti e abbiamo un team di leadership e un gruppo di costruttori molto forti per realizzarlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *