Altre migliaia evacuano mentre Sydney affronta il diluvio | Notizie meteorologiche


I fiumi hanno rotto gli argini dopo giorni di piogge torrenziali con i meteorologi che avvertivano che sarebbe arrivata altra pioggia nella città australiana.

Lunedì le autorità australiane si stavano preparando a evacuare migliaia di altre persone dai sobborghi colpiti dalle inondazioni ai margini occidentali di Sydney, la città più grande del paese, con un altro giorno di forti piogge che ha innescato le peggiori inondazioni degli ultimi 60 anni.

I fiumi nello stato del New South Wales (NSW) hanno rotto gli argini in tre giorni di pioggia inesorabile. La diga di Warragamba, la fonte di gran parte dell’acqua potabile di Sydney, sabato è straripata provocando evacuazioni, chiusure scolastiche e avvertimenti che il peggio stava per arrivare.

“È probabile che le inondazioni siano più alte di tutte le inondazioni dal novembre 1961”, hanno detto i servizi di emergenza del NSW in un tweet di domenica. Le autorità si aspettano che il tempo selvaggio continui fino a mercoledì.

Le acque alluvionali in rapido movimento hanno inondato case, spazzato via veicoli e animali da fattoria, strade sommerse, ponti, case e fattorie, filmati televisivi e sui social media.

Le aree più colpite finora sono state nel nord dello stato, dove il premier Gladys Berejiklian ha detto che la regione sta vivendo un “evento di un anno su 100”.

Le inondazioni sono arrivate solo un anno dopo gli incendi boschivi causati dai cambiamenti climatici senza precedenti, che seguirono una prolungata siccità che aveva visto anche Sydney introdurre restrizioni idriche.

Quasi 2.000 persone sono già state evacuate dalle zone basse, hanno detto i servizi di emergenza del NSW. Sono state chiuse più di 200 scuole. Finora non sono state segnalate vittime.

Il fiume Parramatta esplode in mezzo a piogge torrenziali a Sydney e in altre parti del New South Wales [Dan Himbrechts/AAP Image via Reuters]

Sono previste piogge più intense in gran parte del NSW e fino a Brisbane, hanno detto i meteorologi a causa della combinazione di una bassa tropicale sul nord dell’Australia occidentale e una depressione costiera al largo del NSW.

“Questi due flussi di umidità si stanno fondendo e da lunedì creeranno una fascia multi-stato di pioggia e tempesta”, ha detto in una nota il Bureau of Meteorology.

Vaccini ritardati

È stato emesso un grave allarme di inondazione per gran parte del NSW e per il vicino Queensland a nord.

“Si tratta di tempeste e inondazioni molto, molto gravi e molto gravi, ed è anche un sistema meteorologico molto complesso … quindi questo è un momento molto difficile”, ha detto lunedì il primo ministro Scott Morrison alla stazione radio 2GB.

Domenica, Sydney ha registrato il suo giorno più piovoso dell’anno con quasi 111 millimetri di pioggia.

Alcune regioni sulla costa settentrionale dello stato hanno ricevuto quasi 900 mm di pioggia negli ultimi sei giorni, più di tre volte la media di marzo, secondo i dati del governo.

L’Australia dovrebbe iniziare la prima grande fase pubblica di distribuzione del vaccino lunedì, anche se il programma è scivolato dietro il calendario annunciato dal governo a causa di problemi di fornitura e consegna.

Funzionari sanitari hanno affermato che la pioggia e le inondazioni ritarderanno il già interrotto lancio dei vaccini contro il coronavirus a Sydney e nelle aree circostanti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *