Cosa guardare nel primo fine settimana del torneo NCAA maschile


[See our complete guide to March Madness.]

Il torneo di basket maschile NCAA del 2021 si è aperto giovedì con le partite di play-in dell’Indiana. Hanno incluso un incontro a tarda notte tra i campioni di sangue blu UCLA e Michigan State, vincitori di 13 campionati nazionali combinati, ma venerdì l’azione inizia sul serio.

A partire dalle 12:15, ora orientale, venerdì pomeriggio si svolgeranno otto partite, seguite da altre otto in serata. Tutti i giochi vengono giocati in Indiana a causa della pandemia. Sabato si giocheranno altre sedici partite. Quattro reti televisive nazionali – TBS, CBS, TNT e TruTV – condurranno l’azione.

Le partite del secondo turno di quest’anno si svolgeranno domenica e lunedì (non esitate a chiamare in malattia lunedì), e lunedì sera saranno fissati gli ottavi di finale.

Ecco cosa guardare nel primo fine settimana del torneo.

I Bulldogs sono la testa di serie più alta ed entrano nel torneo sul 26-0. Sono la prima squadra dal Kentucky nel 2015 a entrare nel torneo senza sconfitte. Il Kentucky, che comprendeva nove futuri giocatori NBA, passò al 38-0 in quella stagione prima di perdere nelle semifinali nazionali contro il Wisconsin al Lucas Oil Stadium di Indianapolis.

Prima di allora, Nevada-Las Vegas Runnin ‘Rebels di Jerry Tarkanian è stata l’ultima squadra imbattuta a raggiungere la Final Four nel 1991 prima di cadere nelle semifinali nazionali all’RCA Dome di Indianapolis contro Christian Laettner, Bobby Hurley e Duke.

Per diventare il primo campione imbattuto dall’Indiana nel 1976, i Bulldogs devono ottenere sei vittorie nelle prossime tre settimane – anche a Indianapolis – a partire da sabato sera contro lo Stato di Norfolk, che ha battuto lo Stato degli Appalachi, 54-53, giovedì.

La squadra di Gonzaga Coach Mark Few è composta da tre finalisti – Corey Kispert, Jalen Suggs e Drew Timme – per il John R. Wooden Award come miglior giocatore della nazione, mentre il quarto miglior giocatore della squadra, Joel Ayayi, ha ottenuto l’unica tripla doppia nella storia del programma .

Se Gonzaga riesce a vincere sei di fila, sarà 32-0, proprio come la squadra dell’Indiana di Bob Knight.

“Diamine sì, vogliamo vincere un campionato nazionale”, ha detto Few domenica su ESPN. “Ma ogni dannata partita, dobbiamo essere pronti per iniziare, e dobbiamo giocare davvero, molto bene, inclusa questa prima.”

Virginia, la vincitrice del titolo 2019, è tecnicamente la campionessa in carica, dal momento che il torneo è stato cancellato l’anno scorso. Ma i Cavaliers hanno dovuto ritirarsi da una partita di semifinale nel torneo della Atlantic Coast Conference della scorsa settimana dopo un test positivo, successive quarantene e rintracciamento dei contatti all’interno del programma.

L’allenatore Tony Bennett ha detto che la maggior parte della squadra, testa di serie numero 4 nella regione occidentale, ha trascorso la settimana in quarantena a Charlottesville, Virginia. I Cavaliers dovrebbero arrivare a Indianapolis venerdì prima della partita di sabato sera contro il numero 13 Ohio. Venerdì dovranno fare molte jam durante le prove libere per prepararsi alla loro prima partita in nove giorni.

“Sono solo davvero fiducioso che saremo in grado di giocare questo fine settimana”, l’attaccante senior della maglietta rossa Sam Hauser disse. “La quarantena non è così divertente, ma ci è permesso almeno di andare in giro, prendere un po ‘d’aria fresca, quindi cercare di tenere un pallone da basket in mano il più possibile.”

L’Ohio presenta Jason Preston, un playmaker junior da 6 piedi 4 che ha una media di 16,6 punti, 7,2 assist e 6,8 rimbalzi ed è stato chiamato “The LaMelo Ball of college hoops” di Jay Bilas di ESPN. Sia Bilas che l’ex presidente Barack Obama stanno scegliendo Ohio per sconvolgere Virginia.

Anche il Kansas, il seme numero 3 nella regione occidentale, giocherà la sua prima partita in nove giorni sabato – contro il numero 14 di Washington orientale – dopo essersi ritirato dal torneo Big 12. Il giovane grande uomo David McCormack dovrebbe allenarsi a Indianapolis venerdì dopo essere stato nei protocolli antivirus. Allenatore Bill Self disse la seconda guardia Tristan Enaruna perderebbe almeno le prime due partite a seguito di un test positivo per il coronavirus domenica “dopo numerosi test negativi consecutivi”. L’attaccante matricola Jalen Wilson, con 12,1 punti di media e 8,2 rimbalzi, salterà almeno la prima partita dopo essere risultato positivo venerdì scorso.

L’ex compagno di squadra di Wilson al liceo, De’Vion Harmon of Oklahoma, salterà anche la prima partita della sua squadra con il Missouri dopo essere risultato positivo. Harmon è il secondo capocannoniere dei Sooners, con 12,9 punti a partita. Il Kansas ha battuto l’Oklahoma giovedì scorso nel torneo Big 12 prima che il Kansas si ritirasse a causa del test positivo di Wilson.

“Penso che sarà un aggiustamento, ma non quanto quello che pensano molte persone”, ha detto Self. “Potremmo non giocare bene, ma non sarà perché, non credo, ci è stata lanciata una palla curva che non possiamo colpire.”

La Georgia Tech, la campionessa del torneo ACC e la testa di serie numero 9 nella regione del Midwest, ha subito un duro colpo. Moses Wright, che ha vinto il premio ACC Player of the Year, salterà almeno la prima partita contro No.8 Loyola Chicago venerdì a causa di problemi legati a Covid, secondo molteplici rapporti.

Wright, un attaccante di 6 piedi-9, ha una media di 17,4 punti, 8 rimbalzi, 2,3 assist e 1,6 blocchi a partita. L’allenatore Josh Pastner dovrà ora utilizzare una formazione più piccola contro Loyola, che presenta Cameron Krutwig di 6 piedi-9, il giocatore dell’anno della Missouri Valley Conference, che ha una media di 15 punti e 6,7 rimbalzi.

Il Connecticut potrebbe avere il playmaker junior in maglia rossa RJ Cole pronto per la partita di sabato contro il Maryland. UConn ha detto giovedì che Cole era nella fase finale del protocollo di commozione cerebrale, che include la pratica a pieno contatto. Cole, con una media di 12,3 punti, 4,4 assist e 2,9 rimbalzi a partita, ha sbattuto la testa a terra a meno di cinque minuti dalla fine contro Creighton nelle semifinali del torneo Big East ed era sanguinante in campo.

Il capocannoniere di Drake, ShanQuan Hemphill, è tornato giovedì per la partita di play-in della squadra, una vittoria per 53-52 su Wichita State, dopo che si era rotto un piede in una partita il mese scorso. Ha una media di 14,1 punti e 6,3 rimbalzi a partita e ha aiutato i Bulldogs a iniziare la stagione 18-0.

La star del Michigan Isaiah Livers (frattura da stress al piede destro) rimane fuori a tempo indeterminato, il che potrebbe influenzare i Wolverines n. 1. La guardia dell’Alabama Josh Primo (legamento del ginocchio slogato) è elencata come giorno per giorno. Ha una media di 8.1 punti e 3.4 rimbalzi a partita per i Crimson Tide, i campioni della stagione regolare e dei tornei della Southeastern Conference.

L’attaccante del Tennessee John Fulkerson rimane elencato come giorno per giorno dopo aver subito un intervento chirurgico sul viso a seguito di una gomitata da parte di Omar Payne della Florida durante il torneo SEC. Fulkerson media 9.5 punti e 5.5 rimbalzi a partita.

Cinque dei sette allenatori di basket maschili della Divisione I attivi nella Naismith Hall of Fame sono coinvolti nel torneo NCAA. Tom Izzo del Michigan State ha dato il via alle cose contro l’UCLA giovedì sera, perdendo 86-80 ai tempi supplementari. Anche Self del Kansas, Rick Pitino di Iona, Jim Boeheim di Syracuse e Roy Williams della Carolina del Nord sono tornati nel torneo.

Né Mike Krzyzewski della Duke né John Calipari del Kentucky hanno ottenuto un’offerta, la prima volta dal 1976 che entrambi i programmi sono fuori dal torneo.

Jay Wright di Villanova, finalista per la Hall of Fame quest’anno, è tornato nel torneo dopo aver vinto due degli ultimi quattro titoli NCAA. Tra gli allenatori attivi, solo Krzyzewski (cinque) e Williams (tre) hanno più titoli di Wright.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *